FASI: Funding Aid Strategies Investments

In vigore il Dl Aiuti Ter: crediti imposta, garanzie e bonus contro caro energia

Palazzo Chigi - Photo credit: Simone Ramella on Flickr, 2007Oltre a misure per sostenere imprese e cittadini alle prese con le conseguenze della guerra in Ucraina, tra cui la proroga dei tax credit per l'acquisto di energia elettrica e gas e un nuovo bonus 150 euro contro l'inflazione, il decreto-legge n. 144-2022 mira ad accelerare anche l'attuazione del PNRR.

Le nuove misure per accelerare sul PNRR e centrare gli obiettivi 2022

Entrato in vigore alla vigilia delle elezioni del 25 settembre, il decreto Aiuti ter n. 144-2022, ultimo provvedimento anticrisi del Governo Draghi, è stato approvato dal Consiglio dei Ministri il 16 settembre e contiene un nuovo pacchetto di misure urgenti del valore di 14 miliardi in materia di “politica energetica nazionale, produttività delle imprese, politiche sociali e  per la realizzazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza”.

Le novità del Dl Aiuti Ter

Crediti di imposta energia

Oltre a prorogare la riduzione di accisa e IVA sui carburanti fino al 31 ottobre 2022, il dl Aiuti ter va a potenziare i crediti di imposta in favore delle imprese per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale.

Alle imprese a forte consumo di energia elettrica e a forte consumo di gas naturale è riconosciuto un credito d’imposta pari al 40 per cento delle spese sostenute per la componente energetica acquistata e utilizzata nei mesi di ottobre e novembre 2022.

Per le imprese dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 4,5 kW, diverse da quelle a forte consumo di energia elettrica, il credito d’imposta relativo agli stessi mesi è pari al 30 per cento, mentre per le imprese diverse da quelle a forte consumo di gas naturale il credito è pari al 40 per cento.

Per approfondire: Il punto sugli aiuti alle imprese contro il caro energia

Prorogato al quarto trimestre 2022, con aliquota confermata al 20% il credito d'imposta per l'acquisto di carburante destinato alle imprese dei settori agricoltura e pesca, che riguarda anche le imprese agromeccaniche e l’utilizzo per il riscaldamento delle serre, dei fabbricati produttivi utilizzati per gli allevamenti animali. 

Torna all'Indice

Garanzie gratuite sui finanziamenti alle imprese

Non manca nel provvedimento un pacchetto a sostegno della liquidità delle imprese, che passa ancora una volta per il Fondo di garanzia PMI e le garanzie SACE. In particolare il Aiuti ter ha previsto l'accesso alla garanzia pubblica gratuita e l'incremento della copertura dal 60 all'80% per i finanziamenti concessi dalle banche alle imprese per esigenze relative al pagamento delle bollette emesse nei mesi di ottobre, novembre e dicembre, se viene applicato al finanziamento un tasso di interesse che prenda come riferimento i BTP.

Sempre fronte credito, sale da 35mila a 62mila euro l’importo massimo dei mutui in favore delle imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura che hanno subito un incremento dei costi energetici che possono essere assistiti dalla garanzia Ismea

Tutte le novità sul Fondo garanzia PMI

Incentivi alle imprese e al Terzo settore

Dall'autotrasporto alla cultura, diverse le misure settoriali contenute nel provvedimento.

Il decreto istituisce un fondo ad hoc, con una dotazione di 100 milioni di euro per il 2022, per sostenere il settore dell’autotrasporto di fronte agli aumenti eccezionali dei prezzi dei carburanti, di cui 85 milioni di euro per l’autotrasporto di merci e 15 milioni di euro per i servizi di trasporto di persone su strada. Incrementato di ulteriori 10 milioni, inoltre, il budget per l’erogazione del “bonus trasporti”.

Stanziati anche 50 milioni di euro per il 2022 per l’erogazione di contributi a favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche, nonché delle federazioni sportive nazionali, che gestiscono impianti sportivi e piscine.

Per contenere i maggiori costi energetici sostenuti dagli enti del Terzo settore e dagli enti religiosi, con particolare riguardo a quelli che gestiscono servizi socio-sanitari rivolti a persone con disabilità, il dl 144-2022 istituisce un apposito fondo da 120 milioni di euro per l’anno 2022. Un ulteriore fondo, da 50 milioni di euro per il 2022, è destinato al riconoscimento di un contributo straordinario calcolato in proporzione ai costi sostenuti nel 2021 per la componente energia e il gas naturale a favore di enti iscritti al Registro unico nazionale del Terzo settore, organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e organizzazioni non lucrative di utilità sociale.

Altri 40 milioni di euro sono destinati a mitigare il caro-energia in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, istituti e luoghi della cultura.

Trasversale ai settori la proroga della procedura di restituzione dei crediti d’imposta ricerca e sviluppo indebitamente percepiti, con la scadenza per attivarla che slitta al prossimo 31 ottobre. 

Torna all'Indice

Bonus 150 euro per redditi fino a 20mila euro

Nel dl Aiuti ter trova spazio anche un'integrazione al bonus anti inflazione del primo dl Aiuti.

Questa volta il bonus sociale una tantum vale 150 euro ed è destinato a dipendenti, pensionati e autonomi con redditi inferiori a 20.000 euro lordi annui. Secondo le stime del Governo, circa 22 mila persone che potranno ottenere il bonus 150 euro in aggiunta al bonus 200 euro

Torna all'Indice

Risorse per enti locali e SSN

Il decreto incrementa di 200 milioni di euro il contributo straordinario in favore di Regioni ed enti locali, di cui 160 milioni di euro in favore dei comuni e 40 milioni di euro in favore delle città metropolitane e delle province. Altri 400 milioni vanno a incrementare il finanziamento statale per il fabbisogno sanitario standard, mentre 100 milioni di euro contribuiscono a coprire i maggiori costi sostenuti per l’acquisto del carburante per l’alimentazione dei mezzi di trasporto locale e regionale su strada, lacuale, marittimo e ferroviario.

Specifiche misure sono dirette a facilitare l’installazione di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili sui beni demaniali in uso al Ministero dell’interno, sulle coperture o sulle facciate di edifici. 

Torna all'Indice

Procedure accelerate e fondi per il PNRR

Un pacchetto di misure, raccolto sotto al Capo III del dl 144-2022, riguarda poi l'attuazione del Recovery Plan e insiste soprattutto sulla semplificazione e accelerazione delle procedure, ad esempio per il Programma nazionale per la gestione dei rifiuti, per l’installazione di infrastrutture di ricarica di veicoli elettrici e per gli investimenti siderurgici legati all’idrogeno a Taranto.

Il decreto interviene poi su ambiti specifici, come l'istruzione, con misure quali i criteri di riforma degli istituti tecnici, interventi per il potenziamento degli istituti professionali e l'istituzione di un Fondo per l’housing universitario, dotato di 660 milioni di euro, per acquisire nuovi posti letto presso alloggi o residenze per studenti delle istituzioni della formazione superiore.

Ulteriori fondi sono stanziati per rafforzare l'intervento PNRR sulle farmacie rurali e per sostenere le iniziative assunte dall’Unione europea nel quadro della nuova Assistenza Macrofinanziaria (AMF) eccezionale a favore dell’Ucraina.

Sostegno anche alla realizzazione degli interventi a titolarità degli enti locali, per cui si prevedono - oltre al supporto di Invitalia sul fronte tecnico - l'accesso al sostegno finanziario del “Fondo per l’avvio di opere indifferibili” anche per i progetti finanziati dal Piano Complementare al PNRR e la possibilità di utilizzare eventuali economie di contratti o contributi pubblici relativi agli interventi del Recovery per gestire i maggiori oneri collegati all'inflazione.

Nel pacchetto PNRR rientrano anche nuove disposizioni in materia di concorso per l’accesso alla magistratura ordinaria e disincentivi alle imprese che delocalizzano, compresa la revoca dei benefici statali ricevuti laddove la delocalizzazione comporti il 40% di licenziamenti dei dipendenti.

Per approfondire: Le nuove misure per accelerare sul PNRR e centrare gli obiettivi 2022 

Consulta il testo del DL Aiuti Ter Decreto-Legge n. 144-2022 in Gazzetta ufficiale del 23 settembre 2022

Photo credit: Simone Ramella