×
Ricevi Bandi e News nella tua ...

oppure accedi con
Filters
×
Pubblicato
13 Dec 2022
Ambito
Regionale
Settori
Affari marittimi, Agricoltura, Agroalimentare, Alimentare, Audiovisivo, Commercio, Costruzioni, Cultura, Energia, Farmaceutico, Ict, Industria, Pesca, Pubblica amministrazione, Sanità, Servizi, Sociale, Trasporti, Turismo
Stanziamento
€ 585 685 326
Finalita'
Ammodernamento, Digitalizzazione, Diversificazione, Formazione, Innovazione, Internazionalizzazione, Miglioramento competitività, Promozione, Ricerca, Start-up, Sviluppo, Tutela ambientale
Ubicazione Investimento
Marche
Left Column
×

Statistiche

  • Agevolazioni Attive : 2858
  • Schede Agevolazioni : 37260
  • Utenti Network : 80045
  • Articoli : 2161
Left Column
Clients

Marche: Programma operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale - FESR 2021-2027

Foto di fauxels da PexelsIl Programma operativo regionale delle Marche è il documento di programmazione che definisce strategia e interventi di utilizzo delle risorse assegnate alla Regione a titolo del  Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) 2021-2027.

 

La programmazione 21-27 ha davanti sfide senza precedenti: alla volontà di dare seguito agli orientamenti politici della Strategia ONU 2030 e del Green Deal Europeo in materia ambientale si sommano le necessità di affrontare nel breve e nel lungo periodo le conseguenze perduranti della pandemia da COVID-19 e da ultimo da la crisi energetica. In questo quadro, il Programma della Regione Marche si prefigge, quale obiettivo principale, di contribuire alla ripresa del tessuto economico e sociale, promuovendo un approccio improntato alla sostenibilità degli investimenti sul territorio. 

Priorità

Le linee di investimento sono articolate nel quadro del Programma regionale all’interno di 4 Priorità d’intervento cui si aggiunge l’Assistenza Tecnica. 

Priorità: 1. Ricerca, innovazione, digitalizzazione e competività

Obiettivo specifico: RSO1.1. Sviluppare e rafforzare le capacità di ricerca e di innovazione e l'introduzione di tecnologie avanzate

I progetti dell’OS 1.1 dovranno indirizzarsi agli ambiti di specializzazione della Strategia di specializzazione intelligente - S3. 

Azioni:

  • azione 1.1.1 - sostegno a progetti di ricerca e sviluppo 
  • azione 1.1.2 - sostegno a progetti per l’innovazione e la diversificazione di prodotto o servizio
  • azione 1.1.3 - progetti di ricerca industriale finalizzati al trasferimento tecnologico 
  • azione 1.1.4- promozione della ricerca e sviluppo nell'ambito di accordi regionali di investimento e di innovazione 
  • azione 1.1.5 - cofinanziamento di contratti di sviluppo per attivita' di ricerca industriale e sviluppo sperimentale 
  • azione 1.1.6 - sostegno a progetti di avvio e primo investimento, consolidamento o sviluppo in rete delle start up innovative e creative
  • azione 1.1.7 - sostegno alla realizzazione o al rafforzamento di infrastrutture locali per promuovere lo sviluppo imprenditoriale e innovativo
  • azione 1.1.8 - rafforzamento delle capacita' nell'ecosistema della ricerca 

Obiettivo specifico: RSO1.2. Permettere ai cittadini, alle imprese, alle organizzazioni di ricerca e alle autorità pubbliche di cogliere i vantaggi della digitalizzazione (FESR)

Attraverso l’obiettivo specifico 1.2 la Regione Marche si propone di favorire la transizione al digitale del sistema regionale sostenendo la trasformazione digitale delle imprese e del lavoro professionale e creando l’infrastruttura immateriale di supporto alla semplificazione amministrativa e all’offerta di servizi digitali innovativi. 

Azioni: 

  • azione 1.2.1 - sostegno alla trasformazione digitale, l’innovazione organizzativa e lo sviluppo di nuovi modelli di business
  • azione 1.2.2 - sostegno dei servizi e-gov

Obiettivo specifico: RSO1.3. Rafforzare la crescita sostenibile e la competitività delle PMI e la creazione di posti di lavoro nelle PMI, anche grazie agli investimenti produttivi 

La Regione Marche si propone di rafforzare la competitività delle imprese esistenti favorendone la cooperazione in rete per lo sviluppo delle attività a maggiore complessità, la modernizzazione dei sistemi produttivi in senso innovativo, sostenibile e nel rispetto della sicurezza, della salute e della rimozione delle barriere, la creazione di nuove unità produttive, lo sviluppo dell’export e dell’internazionalizzazione, il rafforzamento finanziario e patrimoniale. Pur non essendo un vincolo, la S3 rappresenterà un riferimento per le diverse azioni previste.

Azioni: 

  • azione 1.3.1 - sostegno a progetti di rafforzamento competitivo delle filiere
  • azione 1.3.2 - sostegno all’innovazione e allo sviluppo delle mpmi: ammodernamento tecnologico, industrializzazione dell’innovazione, nuove unità produttive
  • azione 1.3.3 - sostegno a progetti di qualificazione e rivitalizzazione economica
  • azione 1.3.4 - interventi di supporto ai processi di internazionalizzazione
  • azione 1.3.5 – innovazione finanziaria delle pmi

Priorità: 2. Energia, clima e rischi, risorse idriche e biodiversità

Obiettivo specifico: RSO2.1. Promuovere l'efficienza energetica e ridurre le emissioni di gas a effetto serra

Azioni: 

  • azione 2.1.1 - riduzione dei consumi energetici delle imprese compresa l'installazione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l'autoconsumo
  • azione 2.1.2 - promozione dell’eco-efficienza e riduzione di consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche
  • azione 2.1.3 - adozione di soluzioni tecnologiche per la riduzione dei consumi energetici delle reti di illuminazione pubblica 

Obiettivo specifico: RSO2.2. Promuovere le energie rinnovabili in conformità della direttiva (UE) 2018/2001 sull'energia da fonti rinnovabili, compresi i criteri di sostenibilità ivi stabiliti

Azioni: 

  • azione 2.2.1 - incentivazione di progetti che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi stabiliti dal clean energy package, così come declinati a livello nazionale dal piano nazionale integrato per il clima e l’energia 

Obiettivo specifico: RSO2.4. Promuovere l'adattamento ai cambiamenti climatici, la prevenzione dei rischi di catastrofe e la resilienza, prendendo in considerazione approcci ecosistemici

Azioni: 

  • azione 2.4.1 - promuovere interventi strutturali idraulici e di manutenzione straordinaria delle opere idrauliche e degli alvei
  • azione 2.4.2 - promuovere la gestione dei bacini idrografici in attuazione della direttiva 2007/60/ce con effetto win - win sull’uso sostenibile della risorsa idrica in relazione ai cambiamenti climatici
  • azione 2.4.3 - aumento della resilienza dei territori più esposti a rischio di erosione costiera
  • azione 2.4.4 - messa in sicurezza degli edifici pubblici
  • azione 2.4.5 - promuovere strutture in grado di assicurare il coordinamento degli interventi in caso di calamità naturale e fornire alla popolazione ogni forma di prima assistenza

Obiettivo specifico: RSO2.5. Promuovere l'accesso all'acqua e la sua gestione sostenibile

Azioni: 

  • azione 2.5.1 - miglioramento delle reti idriche al fine di ridurne le perdite
  • azione 2.5.2 - innalzare la qualità delle acque interne e marine attraverso il miglioramento della gestione delle acque reflue

Obiettivo specifico: RSO2.7. Rafforzare la protezione e la preservazione della natura, la biodiversità e le infrastrutture verdi, anche nelle aree urbane, e ridurre tutte le forme di inquinamento

Azioni: 

  • azione 2.7.1 - sviluppo delle infrastrutture verdi in ambito non urbano
  • azione 2.7.2 - sviluppo delle connessioni ecologiche in ambito urbano
  • azione 2.7.3 - potenziamento dei centri di educazione ambientale (cea)
  • azione 2.7.4 - aumentare l’efficacia delle politiche di protezione ambientale attraverso il miglioramento del quadro conoscitivo ambientale

Priorità: 3. Mobilità urbana sostenibile

Obiettivo specifico: RSO2.8. Promuovere la mobilità urbana multimodale sostenibile quale parte della transizione verso un'economia a zero emissioni nette di carbonio

Le Azioni previste all’interno dell’OS 2.8 verranno attuate in ambito urbano e suburbano, in continuità con quanto attivato nella precedente programmazione in tema di mobilità sostenibile e sulla base dei dati di urbanizzazione del territorio regionale (Eurostat), tenuto anche conto della caratteristica policentrica della Regione Marche. 

Verrà data priorità agli interventi nei Comuni che sono dotati o che hanno avviato l’iter per la redazione del Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), laddove previsti dalla legislazione vigente. In ogni caso, gli interventi dovranno essere programmati in coerenza con la normativa di settore regionale ed essere accompagnati da adeguate misure accessorie che promuovano stili di trasporto eco-compatibili. 

Azioni: 

  • azione - 2.8.1 - promozione del rinnovo del parco mezzi del tpl di linea su gomma
  • azione 2.8.2 –promuovere un sistema di trasporto pubblico rapido leggero
  • azione 2.8.3 - realizzazione di infrastrutture e nodi di interscambio finalizzati all’incremento della mobilità collettiva
  • azione 2.8.4 - sviluppo delle infrastrutture necessarie all’utilizzo del mezzo a basso impatto ambientale
  • azione 2.8.5 - sviluppo di un sistema informativo a supporto della programmazione e gestione del tpl e della mobilità nel territorio regionale

Priorità: 4. Promozione dello sviluppo sostenibile e integrato

Obiettivo specifico: RSO5.1. Promuovere lo sviluppo sociale, economico e ambientale integrato e inclusivo, la cultura, il patrimonio naturale, il turismo sostenibile e la sicurezza nelle aree urbane

Sulla base di un approccio integrato con le altre fonti di finanziamento ed in particolare in sinergia con gli interventi programmati nel PNRR e con la nuova programmazione PSC, con l’obiettivo di garantire il coordinamento tra i fondi ed evitare il rischio dei doppi finanziamenti, il PR della Regione Marche intende sia dare continuità alle strategie territoriali adottate nel 2014-2020, valorizzando l’investimento istituzionale, amministrativo e operativo realizzato negli anni nelle aree urbane, sia permettere a questi territori di definire coalizioni e strategie che vadano oltre il singolo perimetro comunale, per considerare in senso funzionale il sistema territoriale come ecosistema urbano integrato. Le 5 Aree Urbane (ITI Ancona, ITI Pesaro-Fano, ITI Macerata, ITI Fermo, ITI Ascoli Piceno) sono composte dal Comune capoluogo di provincia con funzione di capofila e da altre città cintura e intermedie, formanti una zona urbanizzata connessa, e con indice DEGURBA di elevata o intermedia densità di popolazione. 

Obiettivo specifico: RSO5.2. Promuovere lo sviluppo sociale, economico e ambientale integrato e inclusivo a livello locale, la cultura, il patrimonio naturale, il turismo sostenibile e la sicurezza nelle aree diverse da quelle urbane

Sulla base di un approccio integrato con le altre fonti di finanziamento ed in particolare in sinergia con gli interventi programmati nel PNRR, con l’obiettivo di garantire il coordinamento tra i fondi ed evitare il rischio dei doppi finanziamenti, il PR della Regione Marche intende promuovere lo sviluppo sostenibile e integrato regionale attraverso azioni volte a chiudere il gap di crescita tra costa e aree interne, essenziale per arginare i fenomeni di spopolamento ed erosione del tessuto economico, produttivo e sociale di quest’ultime.

Priorità Assistenza tecnica

Le attività di assistenza tecnica rappresentano un fondamentale elemento di supporto alla gestione del Programma, fornendo strumenti e metodi che permettono di assicurarne uno svolgimento efficace e coerente con gli obiettivi prefissati. Obiettivo della Priorità è pertanto quello di assicurare una conoscenza approfondita delle tematiche oggetto del programma ed il sostegno alle strutture amministrative e tecniche impegnate nell’attuazione e nella gestione per garantire efficacia e tempestività nell’utilizzo delle risorse. Ambiti trasversali alle attività di assistenza tecnica, intesi come contributo all’integrazione delle politiche, sono rappresentati dal rafforzamento della capacità amministrativa, dell’accountability delle politiche pubbliche e della semplificazione dell’azione amministrativa.

Budget

Il budget complessivo per il programma regionale FESR Marche 2021-2027 è pari a 585.685.326 euro

Pubblicato
13 Dec 2022
Ambito
Regionale
Settori
Affari marittimi, Agricoltura, Agroalimentare, Alimentare, Audiovisivo, Commercio, Costruzioni, Cultura, Energia, Farmaceutico, Ict, Industria, Pesca, Pubblica amministrazione, Sanità, Servizi, Sociale, Trasporti, Turismo
Stanziamento
€ 585 685 326
Finalita'
Ammodernamento, Digitalizzazione, Diversificazione, Formazione, Innovazione, Internazionalizzazione, Miglioramento competitività, Promozione, Ricerca, Start-up, Sviluppo, Tutela ambientale
Ubicazione Investimento
Marche
Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o