FASI: Funding Aid Strategies Investments

Bonus auto: come funzionano gli incentivi auto 2022. Le ultime novità

Bonus auto 2022 - Foto di Lukas Kloeppel da PexelsGli incentivi per l'acquisto di auto non inquinanti si rinnovano. Come funzionano gli ecoincentivi, chi può richiederli, quali auto comprare nel 2022 e cosa cambia con le ultime novità previste dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Auto elettriche a secco di incentivi. Giovannini: dal PNRR in arrivo fondi per le colonnine di ricarica

Gli incentivi per acquistare auto e moto elettriche, ibride e a basse emissioni sono previsti dal decreto del Ministero dello Sviluppo economico del 6 aprile, che stanzia quasi 2 miliardi per i bonus auto e moto 2022: sul piatto 650 milioni di euro per il 2022, altrettanti nel 2023 e altri ancora nel 2024, per un totale di quasi due miliardi in tre anni. 

I fondi 2022 si sono esauriti nel giro di pochissimi giorni per alcune categorie di auto, quelle della fascia di emissioni 61-135 g/km di CO2, per indenderci le auto dai prezzi più abbordabili. Un risultato inevitabile e da diversi operatori considerato tutt'altro che un successo, come spiega in questa intervista Francesco Naso, segretario generale di MOTUS-E, associazione che raggruppa tutti gli stakeholders della mobilità elettrica.

Ad agosto la normativa è stata aggiornata con un restyling degli incentivi auto, che prevede l’innalzamento dei contributi per chi ha redditi inferiori a 30mila euro.

Quali auto si possono comprare con gli incentivi 2022?

Per le auto elettriche nuove (fascia di emissioni 0-20 g/km) che costano meno di 35mila euro + Iva è possibile richiedere un contributo di 3mila euro, a cui potranno aggiungersi altri 2mila euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5.

Questa categoria di ecobonus può contare su 220 milioni nel 2022, 230 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024.

Per le auto ibride plug-in nuove (fascia di emissione 21-60 g/km) il cui prezzo non supera i 45mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 2mila euro a cui potranno aggiungersi altri 2mila euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. Questa categoria di ecobonus è finanziata con 225 milioni nel 2022, 235 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024.

Per le auto endotermiche a basse emissioni (fascia di emissioni 61-135 g/km) che non superano i 35mila euro + Iva è possibile richiedere un contributo di 2mila euro se è contestualmente rottamata un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5.

Questa categoria di ecobonus è finanziata con 170 milioni nel 2022, 150 milioni nel 2023 e 120 milioni nel 2024.

I 170 milioni previsti per il 2022 si sono però esauriti prestissimo, già a metà giugno.

Chi può richiedere il bonus auto?

Gli incentivi per l’acquisto di auto elettriche, ibride, plug-in ed endotermiche sono concessi soltanto alle persone fisiche. Una piccola percentuale dei fondi è riservata alle società di car sharing per l’acquisto dei veicoli elettrici, ibridi, plug-in.

Quali incentivi per i veicoli commerciali?

Per le piccole e medie imprese, comprese le persone giuridiche, esercenti attività di trasporto di cose in conto proprio o in conto terzi sono inoltre previsti contributi per l’acquisto di veicoli commerciali di categoria N1 e N2, nuovi di fabbrica, ad alimentazione esclusivamente elettrica. L’incentivo viene concesso con la contestuale rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore ad Euro 4.

Il bonus per i veicoli speciali e commerciali è di:

  • 4mila euro per i veicoli N1 fino a 1,5 tonnellate, 
  • 6mila euro per i veicoli N1 superiori a 1,5 tonnellate e fino a 3,49 tonnellate, 
  • 12mila euro per i veicoli N2 da 3,5 tonnellate fino a 7 tonnellate. 

Per i veicoli N2 superiori a 7 tonnellate e fino a 12 tonnellate è riconosciuto un contributo di 14mila euro.

Questa categoria di ecobonus è finanziata con 10 milioni nel 2022, 15 milioni nel 2023 e 20 milioni nel 2024.

La novità di agosto 2022: incentivi maggiorati per chi ha un reddito inferiore a 30 mila euro

Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 5 agosto è stato ritoccato il bonus auto 2022 per attirare i cittadini dai redditi più bassi. 

Il dpcm prevede infatti l’innalzamento al 50% dei contributi finora previsti per l’acquisto di veicoli non inquinanti, nell’ipotesi in cui l’acquirente abbia un reddito inferiore a 30 mila euro. Più nel dettaglio, si prevede:

  • un contributo fino a 7.500 euro (in caso di contestuale rottamazione) o fino a 6.000 euro (senza rottamazione) per l'acquisto di auto elettriche nella fascia 0-20 g/km CO2 con prezzo fino a 35.000 euro;
  • un contributo fino a 6.000 euro (con rottamazione) o fino a 4.500 (senza rottamare) per acquistare un'auto ibrida plug-in di fascia 21-60 g/km CO2, con prezzo di listino ufficiale della casa automobilistica produttrice pari o inferiore a 45.000 euro.

Potrà beneficiare dell’incentivo aggiuntivo un solo soggetto nell’ambito dello stesso nucleo familiare.

Gli incentivi sono estesi anche alle persone giuridiche che noleggiano le autovetture purché ne mantengano la proprietà almeno per 12 mesi.

Parallelamente alla maggiorazione degli incentivi, il Dpcm ha introdotto anche un contributo per l’acquisto di infrastrutture di potenza standard per la ricarica di veicoli alimentati ad energia elettrica. 

Non solo bonus auto: il bonus moto 2022

Oltre agli eco-incentivi per le auto il dpcm prevede anche incentivi per l'acquisto di ciclomotori e motocicli elettrici e ibridi (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7). L’incentivo in questo caso è pari a un contributo del 30% del prezzo di acquisto fino al massimo 3mila euro e del 40% fino a 4mila mila euro se viene rottamata una moto in una classe da Euro 0 a 3.

Per questa categoria di ecobonus ci sono 15 milioni di euro a disposizione per gli anni 2022, 2023 e 2024.

Per i ciclomotori e motocicli termici, nuovi di fabbrica (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7) è invece previsto, a fronte di uno sconto del venditore del 5%, un contributo del 40% del prezzo d'acquisto e fino a 2.500 euro con rottamazione.

Questa categoria di ecobonus è finanziata con 10 milioni nel 2022, 5 milioni nel 2023 e 5 milioni nel 2024.

I fondi previsti per il 2022 si sono esauriti presto anche per queste categorie.

Il bonus auto nel 2021

Come richiedere gli ecoincentivi?

Come richiedere il bonus auto?

Per richiedere informazioni sul contributo gli acquirenti devono rivolgersi direttamente a un rivenditore, che si occuperà anche della gestione della pratica per ottenere il contributo.

Sono previste diverse fasi nella richiesta dell’incentivo ed è altamente probabile che nel 2022 le regole di ingaggio resteranno invariate.

Fase 1 - Prenotazione dei contributi

I venditori:

  • si registrano preventivamente nell’Area Rivenditori del sito predisposto dal Ministero dello Sviluppo economico;
  • prenotano i contributi relativi ad ogni singolo veicolo, ottenendo, secondo la disponibilità di risorse, una ricevuta di registrazione della prenotazione;
  • confermano l’operazione entro 180 giorni dalla prenotazione, comunicando il numero di targa del veicolo nuovo consegnato e allegando la documentazione prevista.

Fase 2 - Corresponsione dei contributi

Il contributo è corrisposto dal venditore all’acquirente mediante compensazione con il prezzo di acquisto.

Fase 3 - Rimborso al venditore dei contributi

Le imprese costruttrici o importatrici del veicolo nuovo rimborsano al venditore l’importo del contributo.

Fase 4 - Recupero dell’importo del contributo

Le imprese costruttrici o importatrici del veicolo nuovo ricevono dal venditore la documentazione necessaria e poi recuperano l’importo del contributo sotto forma di credito d’imposta.

Le scadenze dei bonus auto e moto 2022

La piattaforma dove effettuare le prenotazioni di auto e moto sarà operativa dal 25 maggio, mentre i contratti di vendita sono validi a partire dal 16 maggio 2022.

Il testo del decreto MISE del 6 aprile 2022 pubblicato il 16 maggio in Gazzetta ufficiale