FASI: Funding Aid Strategies Investments

Le ultime novità sul bonus moto, motorini elettrici e ibridi

Bonus motoDopo la nuova iniezione di risorse per il bonus moto e motorini elettrici, riapre per i concessionari la piattaforma per prenotare gli incentivi destinati all’acquisto di moto e motocicli elettrici. Come funzionano gli incentivi e le ultime novità.

Bonus auto: come funzionano gli incentivi auto 2022. Le ultime novità

L’ecobonus 2022 per moto e motorini elettrici prevede un contributo statale che viene riconosciuto sotto forma di sconto sul prezzo di listino della moto o del motorino. 

Bonus moto e bonus motorini elettrici: come funzionano

Oltre agli eco-incentivi per acquistare auto elettriche, ibride e a basse emissioni, il Governo ha previsto anche un bonus per moto e motorini elettrici. 

Gli incentivi si applicano all'acquisto di ciclomotori e motocicli elettrici e ibridi che rientrano nelle categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7 (il dettaglio di seguito). 

Il bonus moto o bonus motorini elettrici è variabile e può arrivare fino a 4.000 euro.

Nel dettaglio, si può accedere a:

  • un contributo del 30% del prezzo di acquisto fino al massimo 3.000 euro senza rottamazione,
  • un contributo del 40% fino a 4.000 mila euro con rottamazione di una moto in una classe da Euro 0 a 3.

Chi può richiedere il bonus motorino?

I contributi sono riconosciuti alle persone fisiche e alle persone giuridiche fino a un massimo di 500 veicoli acquistati nel corso dell'anno, intestati al medesimo soggetto, anche se appartenenti a società controllate.

Per quali moto e scooter si può richiedere il bonus?

Il bonus è fruibile per l’acquisto di una delle seguenti categorie di veicoli, definite dall’art. 47 del Codice della Strada: 

  • categoria L1e: veicoli a due ruote fino a 50 cc e velocità massima di costruzione (qualunque sia il sistema di propulsione) fino a 45 km/h; 
  • categoria L2e: veicoli a tre ruote fino a 50 cc e velocità massima (qualunque sia il sistema di propulsione) fino a 45 km/h; 
  • categoria L3e: veicoli a due ruote superiori ai 50 cc o con velocità massima (qualunque sia il sistema di propulsione) superiore ai 45 km/h;  
  • categoria L4e: veicoli a tre ruote asimmetriche (motocicli con carrozzetta laterale);  
  • categoria L5e: veicoli a tre ruote simmetriche rispetto all'asse longitudinale mediano, con cilindrata superiore ai 50 cc o velocità massima di costruzione (qualunque sia il sistema di propulsione) superiore a 45 km/h;
  • categoria L6e: quadricicli leggeri, la cui massa a vuoto è inferiore o pari a 350 kg, esclusa la massa delle batterie per i veicoli elettrici, con velocità massima per costruzione fino a 45 km/h e cilindrata inferiore o pari a 50 cc per i motori ad accensione comandata; o la cui potenza massima netta è inferiore o uguale a 4 kW per gli altri motori, a combustione interna; o la cui potenza nominale continua massima è inferiore o uguale a 4 kW per i motori elettrici;  
  • categoria L7e: i quadricicli, diversi da quelli di cui alla categoria L6e con massa a vuoto fino a 400 kg (550 kg per i veicoli destinati al trasporto di merci), esclusa la massa delle batterie per i veicoli elettrici, e la cui potenza massima netta del motore è inferiore o uguale a 15 kW.

Come richiedere il bonus moto 2022?

L'incentivo non va davvero richiesto, ma viene riconosciuto direttamente dai venditori.

Chi acquista una moto o un motorino elettrico deve quindi rivolgersi alla concessionaria, che si registra alla piattaforma ecobonus.mise.gov.it e prenota l’incentivo. Il venditore riconosce il bonus all’acquirente e viene poi rimborsato dalla casa costruttrice, che recupera l’importo del bonus sotto forma di credito d’imposta.

Nuovi fondi per l’ecobonus moto

Nel 2022 il Governo ha messo a disposizione 35 milioni di euro per il bonus.

La grande richiesta ha tuttavia esaurito presto i fondi a disposizione per il 2022. Per questo, attraverso un emendamento aggiunto alla legge di conversione del decreto Semplificazioni (legge n. 122-2022), è stato previsto un rifinanziamento della misura.

L’articolo 40 bis del provvedimento, infatti, sposta 20 milioni di euro dai fondi per il bonus per l'acquisto di auto ibride o plug-in a quelli per acquistare motorini elettrici di categoria L1. 

I nuovi fondi si applicano alla prima categoria di incentivi, quelli per acquistare un veicolo elettrico a due ruote con uno sconto fino al 40%.  

Dal 19 ottobre riaprono le prenotazioni del bonus per i concessionari

A partire dalle ore 10 del 19 ottobre 2022 riapre per i concessionari la piattaforma ecobonus.mise.gov.it per prenotare gli incentivi destinati all’acquisto di ciclomotori e motocicli elettrici.

Il contributo, rivolto alle persone fisiche che acquistano un veicolo elettrico nuovo di fabbrica delle categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e, verrà calcolato sulla percentuale del prezzo di acquisto: 30% per gli acquisti senza rottamazione e 40% per gli acquisti con rottamazione.