FASI: Funding Aid Strategies Investments

Bonus tv: il contributo sale a 50 euro

Smart tv e decoderIl decreto Aiuti bis innalza il contributo previsto dal bonus tv. Le ultime novità sull'agevolazione che incentiva l’acquisto agevolato di apparecchi idonei ai nuovi standard di trasmissione.

Come funziona il bonus rottamazione tv

Insieme al bonus rottamazione tv, il bonus tv decoder mira a semplificare il progressivo passaggio alla 'Nuova Tv digitale', che dall'8 marzo prevede l'attivazione dello standard di codifica Mpeg4 per aumentare l'efficienza e la qualità della trasmissione delle immagini.

Al fine di dare continuità e potenziare gli interventi già avviati in precedenza, la Manovra 2022 (legge n. 234-2021) ha rifinanziato questa misura, stanziando ulteriori 68 milioni di euro per l'anno in corso.

Con la legge di Bilancio 2022, quindi, non cambiano le modalità di accesso al contributo, ma si introduce una procedura agevolata per gli over 70 con trattamento pensionistico non superiore a 20mila euro annui. Questi soggetti, infatti, potranno ricevere il decoder direttamente nella propria abitazione, grazie agli accordi fra il Ministero dello Sviluppo economico e Poste italiane.

Un'altra novità sul bonus tv è stata introdotta dal decreto Aiuti bis, che ha aumentato il contributo a disposizione.

Come funziona il bonus decoder tv

Si tratta di un buono sconto utilizzabile per comprare un nuovo televisore o un decoder idonei alla ricezione di programmi televisivi con i nuovi standard trasmissivi (Dvb-T2/HEVC MAIN 10) che diventeranno operativi a partire dal prossimo anno, nonché per l’acquisto di decoder per la ricezione satellitare.

La legge di Bilancio 2019, infatti, ha mandato in soffitta il digitale terrestre dal 1° luglio 2022 e ha messo a disposizione nuove risorse per aprire la strada alla nuova tecnologia. Con il decreto del 3 marzo 2022, il MISE ha definito la procedura operativa per l'applicazione delle disposizioni relative al bonus tv e decoder previste dalla Manovra 2022.

Attualmente, lo stanziamento complessivo previsto per il fondo unico del bonus rottamazione tv e bonus Tv decoder è pari a circa 250 milioni di euro.

Possono accedere all’incentivo le famiglie con reddito ISEE di I e II fascia, non superiore a 20mila euro l'anno.

Il bonus è destinato ad un solo componente per nucleo familiare e consiste in uno sconto praticato dai rivenditori accreditati all’atto dell’acquisto sul relativo prezzo di vendita degli apparecchi acquistati. 

Il contributo si potrà applicare solo su un apparecchio, secondo il principio di neutralità tecnologica e sarà attivo fino al 31 dicembre 2022, o all'esaurimento delle risorse stanziate.

In merito al trattamento speciale riservato agli over 70 con pensione fino a 20mila euro, si specifica che la consegna a casa del nuovo decoder avverrà in ogni caso a richiesta degli aventi diritto. Nel dettaglio, l’INPS, l’Agenzia delle Entrate e gli altri Istituti previdenziali forniscono i dati degli aventi diritto. Poste Italiane, invece, è chiamata a darne comunicazione agli interessati, mediante un’idonea informativa sulle modalità di richiesta e gestione della misura.

Il bonus, che prima arrivava fino a 30 euro, è stato innalzato dal decreto Aiuti bis a 50 euro. Nulla cambia invece per quanto riguarda i requisiti di accesso: il bonus resta riservato alle famiglie con Isee fino a 20mila euro ed è erogato sotto forma di sconto praticato dal venditore. 

Per i cittadini

Per ottenere lo sconto, i cittadini devono presentare al venditore una richiesta per acquistare una TV o un decoder beneficiando del bonus. A tal fine devono dichiarare:

  • di essere residenti in Italia
  • di appartenere ad un nucleo familiare di fascia ISEE che non superi i 20mila euro
  • che altri componenti dello stesso nucleo non abbiano già fruito del bonus. 

Per verificare che i device rientrino tra quelli per i quali è possibile usufruire del bonus è consultabile online una lista di prodotti "idonei". 

Per i negozianti

I venditori operanti in Italia, compresi quelli del commercio elettronico, che intendono aderire all’iniziativa, devono registrarsi sulla piattaforma telematica resa disponibile dall’Agenzia delle Entrate, come indicato anche nella Guida all’uso dell’applicazione "Bonus TV".

Una volta registrato online, il negoziante introdurrà il codice fiscale dell'acquirente nel sito dell'Agenzia delle entrate, in modo da avere l'ok alla concessione del bonus. All'Agenzia delle entrate comunicherà anche gli estremi del documento di identità del compratore e i dati identificativi del prodotto, in modo da verificarne l'idoneità.

A sua volta il negoziante recupererà lo sconto sotto forma di credito d'imposta alla prima dichiarazione fiscale utile, utilizzabile esclusivamente in compensazione in misura non superiore all’ammontare complessivo degli sconti indicati nelle attestazioni, pena lo scarto dell’F24.

Qui entra in gioco il codice tributo 6912 che, nel modello di pagamento, si posiziona nella sezione “Erario” in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “Importi a credito compensati”.

Consulta il decreto sulle modalita' per l'erogazione dei contributi in favore dei consumatori finali per l'acquisto di apparati televisivi idonei alla ricezione dei programmi con le nuove tecnologie trasmissive DVB-T2

Consulta il decreto direttoriale 2 marzo 2022 - Bonus TV decoder - Procedura operativa