Con la Manovra 2022 arriva un nuovo fondo per la ricerca industriale

 

Legge di Bilancio ricerca innovazioneSi tratta del Fondo per le scienze applicate che sosterrà la competitività delle imprese italiane. La legge di Bilancio 2022 prevede anche l'aumento delle dotazioni del Fondo italiano per la scienza e del Fondo per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione.

Cosa prevede la Manovra 2022

Per rilanciare il sistema della formazione superiore e della ricerca la nuova legge di Bilancio va ad incrementare la dotazione sia del Fondo per il finanziamento ordinario delle università che del Fondo ordinario per gli enti e le istituzioni di ricerca. Le risorse aggiuntive saranno utilizzare per assumere e promuovere lo sviluppo professionale di professori universitari e ricercatori.

Cosa finanzierà il Fondo italiano per le scienze applicate?

La Manovra 2022 istituisce il Fondo italiano per le scienze applicate, con l'obiettivo di promuovere la competitività del sistema produttivo nazionale, attraverso la valorizzazione della ricerca industriale e dello sviluppo sperimentale.

Questo nuovo strumento - gestito dal Ministero dell'Università e della ricerca - potrà contare su una dotazione di 50 milioni di euro per l’anno 2022, di 150 milioni di euro per l’anno 2023, di 200 milioni di euro per l’anno 2024 e di 250 milioni a decorrere dall’anno 2025.

I criteri e le modalità per l'assegnazione delle risorse saranno definiti con successivo decreto del Ministro dell'università e della ricerca, di concerto con il Ministro dello Sviluppo economico; saranno valorizzate le progettualità con una maggiore quota di cofinanziamento a carico di soggetti privati.

Nella Manovra più fondi per la ricerca e l'innovazione

Iniezione di risorse per il Fondo italiano per la scienza (istituito dal dl Sostegni bis), con la legge di Bilancio 2022 che va ad incrementare le risorse a disposizione di 50 milioni di euro per l’anno 2023 e di 100 milioni di euro a decorrere dall’anno 2024. Ricordiamo che fino a fine dicembre è possibile presentare richieste di contributo a valere sul Fondo.

Anche il Fondo per l'innovazione tecnologica e la digitalizzazione (di cui al dl Rilancio) potrà contare su risorse aggiuntive, pari a 5 milioni di euro per l’anno 2022, 10 milioni di euro per l’anno 2023 e 20 milioni di euro per l’anno 2024.

Per leggere il contenuto prego
o