Chat with us, powered by LiveChatSupercalcolo: CINECA, nuovo centro a Napoli con fondi europei e PNRR - FASI
FASI - Funding Aid Strategies Investments

Supercalcolo: CINECA, nuovo centro a Napoli con fondi europei e PNRR

|Novità
12 settembre 2023

Supercalcolo CINECA - Foto di Christina Morillo via PexelsSituata presso il polo di San Giovanni a Teduccio, la nuova sede di CINECA, il consorzio interuniversitario nazionale per il supercalcolo, sarà interconnessa con il supercomputer Leonardo - acquisito dall'impresa comune EuroHPC - e contribuirà alla realizzazione delle iniziative previste dal Centro nazionale di ricerca sul calcolo ad alte prestazioni, finanziato dal PNRR.

EuroHPC: i bandi europei sul supercalcolo

Ieri a Napoli è stato presentato il protocollo d'intesa per l’ampliamento della sede di CINECA a Napoli, con la realizzazione di un data center ad alta efficienza energetica.

Calcolo alte prestazioni: CINECA, investimento da 50 milioni per nuova sede a Napoli

La nuova sede, che amplia il punto di presenza di CINECA a Napoli con un incremento del personale, nell’ottica del costante miglioramento dei servizi offerti ai consorziati, ospiterà un sistema di supercalcolo che sarà parte della rete dei sistemi di calcolo ad alte prestazioni (High Performance Computing, HPC) direttamente interconnessi con il supercomputer Leonardo, classificato al quarto posto tra i sistemi più potenti al mondo.

Il sistema Leonardo, gestito da CINECA, è stato acquisito dalla Joint Undertaking EuroHPC mediante un’azione condivisa tra la Commissione Europea e il Governo italiano ed è ospitato presso il data center del Tecnopolo di Bologna.

Il nuovo centro è situato presso il polo di San Giovanni a Teduccio a seguito di un accordo che è stato sottoscritto con il Comune di Napoli e l’Università Federico II.

L’investimento fa parte delle azioni programmate nell’ambito del progetto di ICSC - Centro Nazionale di ricerca in HPC, Big Data e Quantum Computing, una delle iniziative finanziate dalla Missione 4 "Istruzione e Ricerca" del PNRR, in riferimento alla componente "Dalla ricerca all’impresa", che prevede il potenziamento delle strutture di ricerca e la creazione di "campioni nazionali di Ricerca e Sviluppo" relativo a specifiche tecnologie abilitanti come il supercalcolo, il processing dei Big Data e il presidio delle tecnologie di Quantum Computing.

Il progetto non si limita alla realizzazione dell’infrastruttura ma si estende al personale, con un focus sull'acquisizione e lo sviluppo di competenze di eccellenza nel campo delle tecnologie HPC.

Supercalcolo e big data: in arrivo i bandi a cascata del PNRR. Intervista a Marco Aldinucci, Università di Torino

La collaborazione con l’Agenzia per la cybersicurezza nazionale

L'11 settembre CINECA ha dato il via anche alla collaborazione con l’Agenzia per la cybersicurezza nazionale (ACN), grazie alla firma di un accordo che prevede una procedura ad evidenza pubblica - di cui CINECA sarà stazione appaltante - per l’acquisizione del sistema HPC dell’Agenzia da collocare presso il nuovo centro di Napoli.

Il sistema sarà dedicato, come previsto dal PNRR, al monitoraggio della minaccia cyber centrale, l’HyperSOC, anche attraverso l’utilizzo di strumenti di intelligenza artificiale e machine learning.

La collaborazione tra ACN e CINECA, inoltre, riguarda anche specifiche attività di sviluppo e ricerca nel settore del calcolo ad alte prestazioni e la gestione condivisa dell’HPC dell’Agenzia.

Complessivamente, gli investimenti per la realizzazione del centro di calcolo, l’acquisizione dei sistemi HPC e i costi operativi e di gestione saranno dell’ordine di circa 50 milioni di euro, di cui oltre 20 messi a disposizione dall’ACN. Un grande investimento che sostiene e consolida il ruolo del Mezzogiorno nell’ambito dell’innovazione tecnologica.

Supercalcolo per ricerca, innovazione, sviluppo e cybersecurity in Europa e in Italia

Con questo progetto l’infrastruttura di calcolo nazionale si arricchisce di un importante nodo HPC, integrato nel sistema europeo di supercalcolo. Il sistema di Napoli, infatti, farà parte di una rete di sistemi complementari del supercomputer Leonardo, e consentirà di supportare non solo le applicazioni consolidate della fisica, della chimica, delle scienze ambientali e dell’ingegneria, ma soprattutto le applicazioni di apprendimento automatico e di intelligenza artificiale sia classica che generativa.

Il CINECA, in collaborazione con il Centro nazionale per il supercalcolo e il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), si occuperà di supportare la ricerca scientifica avanzata mettendo a disposizione del mondo della ricerca accademica e industriale l’accesso al sistema HPC, secondo criteri di merito scientifico dei contenuti di ricerca, valutati con criteri di peer review internazionale e indipendente, mentre l’Università Federico II utilizzerà il sistema per i propri progetti strategici.

La collaborazione istituzionale con il CNR è stata confermata anche in questa azione, e la strategia di sviluppo industriale dell’azienda farmaceutica Dompé, che ha localizzato da tempo a Napoli il suo centro di sviluppo per progettazione di nuovi farmaci mediante metodi computazionali e di intelligenza artificiale, realizza una convergenza tra pubblico e privato con lo scopo di condividere gli investimenti per l’acquisizione di un sistema di supercalcolo di grande potenza.

L’ecosistema nazionale per la cybersecurity, coordinato da ACN, avrà accesso alle risorse del sistema HPC di Napoli per lo sviluppo dei metodi di prevenzione e di salvaguardia della sicurezza informatica del nostro Paese. Questa azione di coordinamento di un ecosistema nazionale incentrato sulla realizzazione di un’infrastruttura HPC per la cybersecurity rappresenta, inoltre, un’azione di rilevanza strategica per lo sviluppo di una rete europea di infrastrutture HPC per la cybersecurity, rispetto alla quale l’Italia assume una posizione di rilievo per la salvaguardia della sovranità europea relativa alla sicurezza informatica dei dati, della loro riservatezza e della privacy delle istituzioni e delle persone.

I diversi partner di questa collaborazione potranno contare sull’intera potenza del sistema di calcolo, ciascuno contribuendo ad una parte dell’investimento, condizione che non avrebbe potuto realizzarsi con investimenti frazionati e senza la condivisione di un’azione di sistema.

La potenzialità così espressa consentirà ai ricercatori sia del sistema pubblico sia del sistema privato di poter sviluppare applicazioni sfidanti in grado di sfruttare a pieno le potenzialità del sistema HPC Leonardo già in produzione presso la sede CINECA di Bologna e dell’infrastruttura Europea di sistemi pre e post-exascale che sta acquisendo l'impresa comune EuroHPC.

Foto di Christina Morillo via Pexels


;