FSC: ecco i nuovi Piani di sviluppo e coesione

Fondo sviluppo e coesione - Photo credit: Foto di Nattanan Kanchanaprat da Pixabay Per effetto delle semplificazioni previste dal decreto Crescita n. 34 del 2019, le risorse del FSC finora gestite attraverso diversi strumenti di programmazione sono state accentrate in Piani operativi unitari, approvati dal CIPESS e pubblicati in Gazzetta ufficiale.

In manovra i criteri di cofinanziamento dei fondi europei 2021-27. 50 miliardi al FSC

Obiettivo del nuovo meccanismo di gestione è accelerare la spesa del Fondo sviluppo e coesione sostituendo alla pluralità di documenti programmatori in capo a ciascuna Amministrazione centrale, Regione o Città metropolitana titolare di risorse FSC un unico Piano Operativo, o Piano di sviluppo e coesione (PSC).

Ciascun Piano contiene il quadro di tutte le risorse relative ai diversi cicli di programmazione FSC (2000-2006; 2007-2013; 2014-2020), articolato in base a 12 aree tematiche:

  • ricerca e innovazione,
  • digitalizzazione,
  • competitività imprese,
  • energia,
  • ambiente e risorse naturali,
  • cultura,
  • trasporti e mobilità,
  • riqualificazione urbana,
  • lavoro e occupabilità,
  • sociale e salute,
  • istruzione e formazione,
  • capacità amministrativa.

Come previsto dal decreto Crescita e dalla disposizioni quadro per la sua attuazione definite con la delibera CIPESS n. 2 del 29 aprile 2021, i nuovi Piani sono stati approvati ad opera dell'Agenzia per la coesione territoriale d’intesa con le amministrazioni interessate e affidati ciascuno a una Autorità responsabile del PSC, cui spettano coordinamento e gestione complessiva delle risorse, controlli sulla spesa e monitoraggio degli interventi.

Decreto Crescita – semplificazioni per risorse Fondo Sviluppo e Coesione

La panoramica dei Piani sviluppo e coesione

Questa la lista dei PSC regionali approvati dal CIPESS e pubblicati in Gazzetta ufficiale:

Questi, invece, i PSC nazionali gestiti dai Ministeri:

Per approfondire: 15,5 miliardi al FSC 2017-27 dal Fondo complementare al Recovery

Photo credit: Foto di Nattanan Kanchanaprat da Pixabay