PNRR, incentivi 4.0 e fondi europei per finanziare la strategia italiana per l'intelligenza artificiale

 

Intelligenza artificialeTra gli interventi al centro del Programma Strategico per l’Intelligenza Artificiale 2022-2024 ci sono aiuti a imprese, start-up e spin-off che vogliono investire nella digital transition, oltre a dottorati, borse di studio e bandi per rafforzare la ricerca di frontiera in Italia.

Intelligenza artificiale: come finanziare le nuove tecnologie con i fondi europei

La strategia nazionale per l'intelligenza artificiale delinea 24 politiche da implementare nei prossimi tre anni per potenziare il sistema dell'intelligenza artificiale in Italia, attraverso: creazione e potenziamento di competenze, ricerca, programmi di sviluppo e applicazioni dell’IA.

Dai dottorati agli incentivi 4.0: cosa prevede la strategia italiana per l'artificial intelligence

Per sfruttare al meglio il potenziale dell'ecosistema italiano per l'IA, nella strategia vengono individuati 6 obiettivi:

Obiettivi

che l'Italia intende raggiungere investendo in 11 settori prioritari, dal manifatturiero all'agroalimentare, passando per la pubblica amministrazione e il comparto sanitario.

Gli interventi da mettere in atto, invece, sono raggruppati in 3 aree:

  • Talenti: rafforzare le competenze e attrarre talenti per sviluppare un ecosistema dell’intelligenza artificiale in Italia
  • Ricerca: aumentare i finanziamenti per la ricerca avanzata nell'IA
  • Applicazioni: incentivare l'adozione dell'IA e delle sue applicazioni, sia nella pubblica amministrazione (PA) che nei settore produttivi in generale

Strategia IA

Per ogni intervento il Programma Strategico definisce - oltre agli obiettivi specifici e alle iniziative da realizzare - anche la possibile fonte di investimento.

Ad esempio, per rafforzare l'ecosistema italiano della ricerca sull'AI si propone il lancio di bandi per collaborazioni pubblico-private, da finanziare con le risorse messe a disposizione dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) nell'ambito della componente 2 "Dalla ricerca all’impresa", della Missione 4 "Istruzione e Ricerca".

Le anticipazioni del MUR sui bandi del PNRR per ricerca e innovazione

Per sostenere la transizione digitale delle imprese gli interventi proposti sono molteplici: dall'aggiornamento dell’elenco delle spese ammissibili agli incentivi del Piano Transizione 4.0 all'introduzione di un credito d'imposta o di voucher per l'assunzione di profili STEM. Anche in questo caso i fondi da utilizzare sono quelli previsti dal Recovery plan.

Educazione all'imprenditorialità, offerta di appalti pubblici alle start-up e assunzione di laureandi da parte di scale-up sono alcune delle iniziative proposte per incentivare la crescita di spin-off innovativi e neo-imprese, ricorrendo alle risorse di CDP Venture Capital – Fondo Nazionale Innovazione.

Infine, la strategia si allinea agli investimenti per l'intelligenza artificiale che l'UE vuole realizzare grazie ai fondi di Horizon Europe e Digital Europe.

Consulta il Programma Strategico per l’Intelligenza Artificiale 2022-2024

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o