PSR: Corte Conti UE, aumentare utilizzo costi semplificati

 

Sviluppo ruraleSecondo la Corte dei Conti UE le nuove opzioni in materia di costi semplificano l'accesso ai fondi europei per lo sviluppo rurale, ma dovrebbero essere utilizzate maggiormente dagli Stati membri ed essere orientate ai risultati.

Fondi Ue – perche' i costi semplificati non decollano

Una nuova relazione della Corte dei Conti europea afferma che il nuovo metodo di rimborso dei costi per i progetti di sviluppo rurale risulta di più facile utilizzo per i beneficiari e gli addetti alla verifica delle domande, ma dovrebbe essere maggiormente applicato.

Finanziamenti Agricoltura: gli scenari per la PAC post 2020

Cosa sono le opzioni semplificate in materia di costi

Le opzioni semplificate in materia di costi sono destinate ad integrare il vecchio sistema di rimborso dei costi sostenuti, che era difficile e comportava il rischio di errori. Gli Stati membri possono ora scegliere fra tre metodi aggiuntivi:

  • le tabelle standard dei costi,
  • il pagamento di una somma forfettaria,
  • il finanziamento a tasso fisso.

La Corte ha esaminato se le nuove opzioni semplifichino l’amministrazione, assicurino l’economicità, siano ampiamente utilizzate e pongano maggiormente l’attenzione sugli obiettivi strategici.

Il giudizio sui costi semplificati

Dall’esame della Corte è emerso che dette opzioni hanno semplificato l’amministrazione, agevolando la presentazione delle domande da parte dei beneficiari e consentendo risparmi di tempo durante le verifiche amministrative.

Tramite le nuove opzioni, i costi dei progetti possono essere tenuti sotto controllo, ma solo se esse vengono stabilite al giusto livello e basate su una metodologia giusta, equa e verificabile. Tuttavia, esse non pongono maggiormente l’attenzione sui risultati. Inoltre, il ruolo degli organismi di certificazione nell’audit delle stesse non è specificato, il che comporta dei rischi.

Secondo la Corte, l’onere amministrativo può diminuire, in quanto viene meno la necessità di risalire, per ogni euro, alla documentazione giustificativa pertinente. I beneficiari forniscono meno documenti e le autorità degli Stati membri hanno quindi meno documenti da controllare. L’uso delle nuove opzioni è però limitato, principalmente a causa della diversa natura dei progetti di sviluppo rurale e dell’investimento necessario.

“Le nuove opzioni continuano a coprire solo una piccola parte della spesa totale per lo sviluppo rurale,” ha dichiarato João Figueiredo, il membro della Corte dei Conti europea responsabile della relazione. “Il loro successo dipenderà dalla guida esercitata dalla Commissione e dalla volontà degli Stati membri di adottare questa nuova forma di finanziamento”.

Sviluppo rurale: ISMEA, spesi meta' dei fondi PSR per la diversificazione

Le raccomandazioni della Corte dei Conti europea

La Corte raccomanda alla Commissione europea di:

  • aggiornare la guida alle opzioni semplificate in materia di costi, in modo da includere i princìpi fondamentali per la definizione delle metodologie;
  • chiarire a chi spetti verificare la metodologia e i calcoli per le nuove opzioni;
  • esplorare le possibilità di elaborare ulteriori opzioni semplificate standardizzate in materia di costi e aggiornare le definizioni di controlli.

Inoltre, la Corte suggerisce di considerare anche la possibilità di abbandonare la modalità di rimborso basata sui costi sostenuti a favore di un sistema di rimborso basato sui risultati.

Relazione speciale n. 11/2018: Le nuove opzioni per il finanziamento dei progetti di sviluppo rurale sono più semplici, ma non orientate ai risultati  

Photo credit: BASFPlantScience

Per leggere il contenuto prego
o