Commercio - UE, Alleanza per bloccare scambi merci per tortura

 

Commercio armi - Foto PixabayIn occasione della Settimana ministeriale dell’Assemblea generale dell'ONU, la commissaria Malmstroem lancia l'Alleanza internazionale per un commercio libero da tortura.

Investimenti - UE, regole piu' severe per controllo operazioni da Cina

Commercio - consultazione su cooperazione dogane UE-Paesi terzi

Annunciata già la scorsa settimana a Bruxelles, l'Alleanza internazionale per un commercio libero da tortura è stata ufficialmente lanciata dalla commissaria europea responsabile per il commercio Cecilia Malmstroem durante la Settimana ministeriale dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, in corso in questi giorni a New York. 

L'iniziativa, frutto dell'impegno congiunto di UE, Argentina e Mongolia, intende mettere fine agli scambi di merci utilizzate per la pena di morte e la tortura.

Contestualmente al lancio ufficiale, ben 58 Paesi da tutti i continenti hanno aderito all'Alleanza, firmando una dichiarazione politica comune.

Quattro le linee di azione condivise da tutti i Paesi firmatari:

  • adottare misure per controllare e limitare le esportazioni di queste merci;
  • dotare le autorità doganali di strumenti adeguati. L'Alleanza istituirà una piattaforma per monitorare i flussi commerciali, scambiare informazioni e identificare i nuovi prodotti;
  • mettere a disposizione assistenza tecnica per aiutare i Paesi a redigere e attuare norme che vietino questi scambi;
  • scambiare buone pratiche per la realizzazione di sistemi di controllo e applicazione efficiente.

Commercio - premio citta' UE per pratiche sostenibili

Nonostante il diritto internazionale vieti la tortura in qualsiasi circostanza, si legge in una nota dedicata di Bruxelles, "gli strumenti utilizzati per infliggere dolore e morte sono tuttora commercializzati in tutto il pianeta".

In tale contesto, spiega ancora l'Esecutivo UE, l'Alleanza rappresenta un modo per "intraprendere azioni concrete e iniziative specifiche per porre fine agli scambi di queste merci su scala globale, rendendo il loro reperimento molto più difficile".

Cecilia Malmstroem si è detta entusiasta dell'ampia partecipazione da parte di Paesi di tutto il mondo. Schierarsi insieme contro la tortura, ha aggiunto la commissaria, dimostra che "non tollereremo più questo commercio".

Commercio - UE, consultazione su indicazioni geografiche Giappone

Per leggere il contenuto prego
o