MSE: Piano di azione nazionale per le energie rinnovabili

 

Parco eolico - Foto di EsetenaNel rispetto della direttiva 2009/28/CE, che traccia un quadro comune per la promozione dell’energia da fonti rinnovabili e richiede a tutti gli Stati dell'Ue di stabilire obiettivi nazionali in materia, il Ministero dello Sviluppo economico, insieme ai Ministeri dell’Ambiente e delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, ha elaborato il Piano di azione nazionale per le energie rinnovabili.

L'obiettivo che il nostro Paese di propone di raggiungere entro il 2020 è quello di coprire con energia da fonti rinnovabili il 17% dei consumi finali lordi.

A tal fine il Piano prevede:

  1. una razionalizzazione delle misure esistenti (certificato verde, tariffa onnicomprensiva, conto energia) per incentivare il ricorso alle rinnovabili per la produzione di elettricità, con l'obiettivo di passare dai circa 5,0 Mtep prodotti nel 2008 a circa 9,1 Mtep entro il 2020;
  2. potenziamento delle politiche di promozione delle rinnovabili nel settore del calore; l'obiettivo è passare dai 3,2 Mtep del 2008 a circa 9,5 Mtep entro il 2020;
  3. rafforzamento delle misure di promozione delle rinnovabili nel settore dei trasporti, al fine di passare dai circa 0,7 Mtep del 2008 a circa 2,5 Mtep entro il 2020.

Oltre al potenziamento delle misure esistenti, il Piano stabilisce l’adozione di misure trasversali per ridurre vincoli allo sviluppo delle rinnovabili connessi a procedimenti autorizzativi, sviluppo delle reti, certificazione degli installatori.

Al Ministero dello Sviluppo Economico, con il supporto del Ministero dell’Ambiente, del Ministero dell'Agricoltura e del GSE - Gestore dei Servizi Energetici, spetterà il compito di effettuare l'attività di monitoraggio del Piano.

Piano d'azione nazionale per le energie rinnovabili

Per leggere il contenuto prego
o