×
Ricevi Bandi e News nella tua ...

oppure accedi con
Filters
×
Pubblicato
08 Sep 2022
Ambito
Regionale
Settori
Affari marittimi, Agroalimentare, Alimentare, Audiovisivo, Commercio, Costruzioni, Cultura, Energia, Farmaceutico, Ict, Industria, Pubblica amministrazione, Sanità, Servizi, Sociale, Trasporti, Turismo
Stanziamento
€ 1 602 548 250
Finalita'
Formazione, Inclusione social, Innovazione, Promozione, Risanamento finanziario, Sviluppo
Ubicazione Investimento
Lazio
Tags
Fse plus lazio, Fondo sociale europeo, Fondo sociale europeo Plus, Fondo sociale europeo +
Left Column
×

Statistiche

  • Agevolazioni Attive : 2196
  • Schede Agevolazioni : 36008
  • Utenti Network : 78514
  • Articoli : 1364
Left Column
Clients

Lazio: Programma operativo Fondo Sociale Europeo Plus - PR FSE+ 2021-2027

Foto di Alena Darmel da PexelsIl Programma del Fondo sociale europeo Plus (PR FSE+) 2021-2027 della Regione Lazio raccoglie nella sua impostazione strategica le sfide poste dall'attuale contesto sociale ed economico e intende fornire un contributo fattivo in particolare nella direzione di un’Europa più sociale.

 

La strategia del Programma si prefigge di valorizzare il ruolo del FSE+ quale principale strumento per investire sulle componenti chiave del sistema regionale (persone, imprese, organizzazioni pubbliche e private) per attuare il “Pilastro europeo dei diritti sociali”, in linea con gli indirizzi dell’UE e quindi per determinare un modello economico in cui siano garantite migliori condizioni di lavoro e di vita per tutti. 

Gli ambiti di intervento del PR FSE+ Lazio riguardano pricipalmente:

  • miglioramento dell’accesso all’occupazione;
  • innalzamento dei livelli di qualità, accessibilità, efficacia e rilevanza del sistema di istruzione e formazione;
  • riduzione del rischio di povertà e di esclusione sociale, promozione del’integrazione socioeconomica delle persone a rischio di povertà.

La programmazione del PR FSE+ Lazio può essere riarticolata in 5 Linee strategiche:

  1. riduzione dei livelli di disoccupazione (tramite interventi di politica attiva del lavoro mirati ai bisogni dei disoccupati e degli inoccupati, sia dei giovani che degli over 35, con un focus specifico alla promozione di opportunità occupazionali per le donne e di azioni contro ogni forma di discriminazione di genere e di un più equo riconoscimento delle donne nel lavoro);
  2. ampliamento nelle opportunità di accesso all’occupazione (attraverso il consolidamento e il perfezionamento dei servizi per l’inserimento e l’accompagnamento al mercato del lavoro, in risposta alle criticità di carattere economico, sociale e territoriale, come delineate negli indicatori socio economici di riferimento);
  3. accrescimento delle capacità e competenze dei lavoratori e dei processi di innovazione delle imprese regionali (in particolare per sfruttare appieno le nuove tecnologie digitali e per accelerare la transizione ad uno sviluppo rispettoso dell’ambiente e per favorire l’economia circolare);
  4. potenziamento del sistema regionale di formazione e istruzione, per garantire un diritto allo studio e alla formazione fino ai 18 anni (con attenzione al consolidamento dei diritti di pari opportunità e di inclusione sociale delle persone disabili) e per accrescere l’accesso all’istruzione universitaria e post universitaria, con attenzione ai soggetti in condizione di maggiore svantaggio economico e sociale;
  5. consolidamento dei diritti di pari opportunità e di inclusione sociale delle persone in condizioni di maggiore svantaggio e a rischio povertà e l’ampliamento nell’accesso e il miglioramento della qualità dei servizi di assistenza e cura.

Priorità e Obiettivi

La struttura del PR FSE Plus si articola in 4 Priorità, cui si aggiunge l’Assistenza Tecnica:

  1. Occupazione
  2. Istruzione e Formazione
  3. Inclusione sociale 
  4. Giovani (Occupazione giovanile) 
  5. Assistenza Tecnica

Priorità 1 - Occupazione

Obiettivo specifico: ESO4.1. Migliorare l'accesso all'occupazione e le misure di attivazione per tutte le persone in cerca di lavoro, in particolare i giovani, soprattutto attraverso l'attuazione della garanzia per i giovani, i disoccupati di lungo periodo e i gruppi svantaggiati nel mercato del lavoro, nonché delle persone inattive, anche mediante la promozione del lavoro autonomo e dell'economia sociale; 

Interventi previsti

La Regione Lazio intende implementare le seguenti azioni, rivolte a lavoratori disoccupati adulti (destinatari oltre 35 anni), disoccupati di lunga durata, inoccupati adulti, inattivi:

  • Interventi formativi volti alla qualificazione delle risorse umane tramite percorsi formativi co-progettati con i soggetti del mondo del lavoro, percorsi professionalizzanti, formazione per l’acquisizione di competenze e per il conseguimento di qualifiche professionali;
  • Strumenti Finanziari come la prosecuzione dello microcredito (Fondo Futuro);
  • Sostegno all’inserimento lavorativo (aiuti all’occupazione, supporto alla ricollocazione per lavoratori adulti - modello Contratto di Ricollocazione);
  • Sostegno all’imprenditorialità, lavoro autonomo ed economia sociale, tramite percorsi di formazione e di promozione delle imprese.

Obiettivo specifico: ESO4.4. Promuovere l'adattamento dei lavoratori, delle imprese e degli imprenditori ai cambiamenti, un invecchiamento attivo e sano, come pure ambienti di lavoro sani e adeguati che tengano conto dei rischi per la salute

Interventi previsti

La Regione Lazio intende implementare le seguenti azioni, rivolte a lavoratori, imprenditori, lavoratori autonomi, rappresentanti parti sociali:

  • Interventi per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori, anche attraverso percorsi formativi e di conoscenza dei diritti, di orientamento professionale, servizi di prima assistenza e orientamento socio-legale, servizi di trasporto ai luoghi di lavoro dignitosi, attività di sensibilizzazione e orientamento al lavoro legale dedicate alle aziende;
  • Anticipazione e adattamento aziende e lavoratori, ovvero interventi a favore dei lavoratori coinvolti in crisi aziendali, nell’ottica di rafforzare il carattere di anticipazione delle situazioni più critiche anche rispetto agli impatti negativi in aree territoriali già colpite da crisi diffusa delle attività produttive;
  • Percorsi di formazione per lavoratori (Formazione continua), a partire dalle richieste provenienti direttamente dalle imprese e puntando sulle aree settoriali strategiche per la Regione, rivolgendo una specifica attenzione ai percorsi offerti per le micro e piccole aziende regionali, accompagnati da un’azione di orientamento e co-progettazione con le imprese.

Priorità 2 - Istruzione e Formazione

Obiettivo specifico: ESO4.6. Promuovere la parità di accesso e di completamento di un'istruzione e una formazione inclusive e di qualità, in particolare per i gruppi svantaggiati, dall'educazione e cura della prima infanzia, attraverso l'istruzione e la formazione generale e professionale, fino al livello terziario e all'istruzione e all'apprendimento degli adulti, anche agevolando la mobilità ai fini dell'apprendimento per tutti e l'accessibilità per le persone con disabilità

Interventi previsti

La Regione Lazio intende implementare le seguenti azioni, rivolte agli studenti (e le famiglie) del sistema educativo e formativo regionale, la popolazione in età attiva, gli operatori del sistema educativo e formativo, i lavoratori e imprenditori del sistema imprenditoriale regionale le rappresentanze delle organizzazioni sindacali dei lavoratori e delle associazioni datoriali, del partenariato regionale:

  • Sviluppo offerta di istruzione tecnica superiore (Istituti Tecnici Superiori e Poli Tecnico Professionali), puntando in particolare sulle aree tecnologiche ritenute strategiche per lo sviluppo economico e la competitività, favorendo percorsi formativi in grado di aumentare il livello di occupabilità dei giovani;
  • Interventi a sostegno del ruolo attivo delle organizzazioni sociali a supporto del diritto e all’accesso allo studio per tutti, rafforzando il ruolo delle organizzazioni sociali, delle comunità e degli attori locali e delle famiglie, in rete e cooperazione con le istituzioni dell’istruzione e formazione, al fine di contrastare la dispersione e l’abbandono scolastico;
  • Interventi per l’integrazione scolastica e interculturale dei bambini che frequentano la scuola dell’infanzia e la scuola primaria, tramite progetti fondati sulla presa in carico di nuclei familiari svantaggiati contraddistinti da una significativa componente demografica immigrata, con il coinvolgimento di soggetti del terzo settore;
  • Percorsi di formazione tecnica e professionale per i green jobs e la conversione ecologica, in particolare post diploma, per occupati e disoccupati, per la creazione di figure professionali altamente qualificate e in possesso di competenze tecniche specialistiche nell'ambito dello sviluppo sostenibile, della tutela ambientale e del risparmio energetico;
  • Percorsi di alta formazione e mobilità (nazionale e internazionale), come il Programma "Torno Subito";
  • Interventi per favorire l’accesso all’istruzione terziaria (Università), sia in forma diretta, tramite erogazione di  contributi a sostegno delle spese per l’alloggio da sostenere durante il corso di studi, per il supporto degli studenti universitari meritevoli e in condizioni di disagio economico, sia atrraverso la realizzazione di altre azioni di sostegno per gli studenti, come azioni di counseling e supporto nella fase pre-universitaria.

Obiettivo specifico: ESO4.7. Promuovere l'apprendimento permanente, in particolare le opportunità di miglioramento del livello delle competenze e di riqualificazione flessibili per tutti, tenendo conto delle competenze imprenditoriali e digitali, anticipando meglio il cambiamento e le nuove competenze richieste sulla base delle esigenze del mercato del lavoro, facilitando il riorientamento professionale e promuovendo la mobilità professionale

Interventi previsti

La Regione Lazio intende implementare le seguenti azioni:

  • Percorsi di alta formazione post diploma/laurea, creando dei centri tematici per la formazione di nuove professioni, con metodi didattici innovativi che superano l’insegnamento in aula, incentivando il training on the job, la formazione esperienziale, l’utilizzo di tecnologie web e la formazione seminariale;
  • Collegamento tra università ed enti di ricerca ed il tessuto produttivo locale, tramite interventi a sostegno delle attività di dottorato in collaborazione con le imprese e contributi per la permanenza nel mondo accademico e della ricerca regionale delle eccellenze;
  • Interventi formativi in settori e professioni innovative (cinema, audiovisivo, cultura, spettacolo, digitale), prevalentemente post diploma;
  • Interventi per favorire l’invecchiamento attivo e la formazione permanente, diretti a favorire il mantenimento e lo sviluppo dei livelli di competenze necessari per interagire e lavorare in modo efficace nel contesto economico laziale, privilegiando interventi formativi per favorire i processi di internazionalizzazione del lavoro e la mobilità anche lavorativa (quali la formazione linguistica) o per la riduzione del cosiddetto “divario digitale”;
  • Percorsi di alta formazione post laurea rivolti a lavoratori e quadri oltre che imprenditori delle PMI regionali, per nuove competenze e nuove professioni, connesse con i processi di trasformazione economica dei settori produttivi regionali;
  • Interventi di formazione per la PA e il partenariato, per la qualificazione ed empowerment delle istituzioni, degli operatori e degli stakeholder.

Priorità 3 - Inclusione Sociale

Obiettivo specifico: ESO4.8. Incentivare l'inclusione attiva, per promuovere le pari opportunità, la non discriminazione e la partecipazione attiva, e migliorare l'occupabilità, in particolare dei gruppi svantaggiati 

Interventi previsti

La Regione Lazio intende implementare le seguenti azioni:

  • Sostegno all’inserimento lavorativo (disabili), attraverso la promozione di tirocini extra-curriculari di orientamento, formazione e inserimento lavorativo;
  • Interventi di inclusione attiva legati a percorsi sociali per soggetti svantaggiati, per favorire le pari opportunità per tutti, in particolare nell’accesso al lavoro, anche tramite percorsi che favoriscano l’integrazione con i servizi sociali;
  • Interventi di inclusione attiva legati alla promozione di progetti di agricoltura sociale, per l’inclusione attiva nei processi produttivi, fino a sostenere l’imprenditorialità e la nascita di start up, attraverso progetti di innovazione sociale;
  • Interventi formativi volti alla qualificazione delle risorse umane in condizioni di svantaggio ed esclusione sociale e lavorativa;
  • Sostegno all’imprenditorialità, lavoro autonomo ed economia sociale per attività lavorative autonome da parte di soggetti svantaggiati, in particolare in percorsi di economia sociale, per favorire l’avvio e lo start up, anche coinvolgendo il terzo settore;
  • Sviluppo di interventi innovativi per l’inclusione attiva: progetti sportivi per i minori a rischio esclusione, a vantaggio di ragazzi fra gli 11 e i 18 anni che si trovano in condizioni di rischio di esclusione formativa e di dispersione scolastica;
  • Interventi di inclusione, accoglienza e integrazione rivolti ai cittadini di paesi terzi, migranti e comunità emarginate, ovvero cittadini di paesi terzi, comunità Rom, Sinti e Caminanti e migranti transitanti e rifugiati.

Obiettivo specifico: ESO4.11. Migliorare l'accesso paritario e tempestivo a servizi di qualità, sostenibili e a prezzi accessibili, compresi i servizi che promuovono l'accesso agli alloggi e all'assistenza incentrata sulla persona, anche in ambito sanitario; modernizzare i sistemi di protezione sociale, anche promuovendone l'accesso e prestando particolare attenzione ai minori e ai gruppi svantaggiati; migliorare l'accessibilità l'efficacia e la resilienza dei sistemi sanitari e dei servizi di assistenza di lunga durata, anche per le persone con disabilità

Interventi previsti

La Regione Lazio intende implementare le seguenti azioni, rivolte alle famiglie in generale, con particolare attenzione a quelle con minori, popolazione anziana e molto anziana (più di 70 anni) e persone non auto sufficienti:

  • Servizi per l’infanzia e persone non autosufficienti: consolidare e qualificare i servizi di educazione e cura per l’infanzia e l’adolescenza e rivolti a persone con limitazioni dell’autonomia;
  • Buoni servizio all’infanzia in favore delle famiglie in condizioni di maggiore bisogno o difficoltà economica, sotto forma di buoni/voucher, per l'abbattimento delle rette/tariffe di frequenza ai servizi educativi per la prima infanzia erogati da soggetti pubblici, da privati accreditati e da enti del privato sociale;
  • Servizi per persone non autosufficienti, con l’obiettivo di favorire l’aumento dei servizi di assistenza domiciliare;
  • Interventi formativi rivolti alla qualificazione delle risorse umane dei lavoratori che operano nella sanità, nell'assistenza a lungo termine e nei servizi sociali e assistenziali;
  • Servizi socio assistenziali territoriali, potenziando l’informazione e l’accoglienza per persone particolarmente fragili o a rischio di esclusione nell’accesso ai servizi sanitari, prevedendo la sperimentazione e l’apertura di Centri diurni polivalenti per disabili adulti, dispondendo misure volte a rafforzare l’accesso paritario e tempestivo a servizi di qualità, sostenibili e abbordabili per disabili.

Priorità 4 - Giovani (Occupazione giovanile)

Obiettivo specifico: ESO4.1. Migliorare l'accesso all'occupazione e le misure di attivazione per tutte le persone in cerca di lavoro, in particolare i giovani, soprattutto attraverso l'attuazione della garanzia per i giovani, i disoccupati di lungo periodo e i gruppi svantaggiati nel mercato del lavoro, nonché delle persone inattive, anche mediante la promozione del lavoro autonomo e dell'economia sociale

Interventi previsti

La Regione Lazio intende implementare le seguenti azioni, rivolte a giovani disoccupati o inattivi, giovani non occupati e non in istruzione e formazione in età 15-29 anni (NEET) e azioni rivolte anche giovani adulti fino a 35 anni:

  • Interventi formativi volti alla qualificazione delle risorse umane, rivolti alla popolazione giovanile (disoccupata o inattiva), volti all’acquisizione di competenze o al conseguimento di qualifiche professionali per favorire la creazione di nuova occupazione;
  • Strumenti Finanziari - Microcredito (L’azione è integrata con quanto previsto nella Priorità “Occupazione”), offrendo, attraverso lo strumento del microcredito (Fondo Futuro), prestiti agevolati, da restituire a un tasso di interesse ridotto, al fine di incentivare la nascita di progetti di autoimpiego, l’avvio di nuove imprese e la realizzazione di idee di sviluppo-imprenditoriale (micro e piccole imprese);
  • Sostegno all’imprenditorialità, lavoro autonomo ed economia sociale (imprenditorialità giovanile), sostenendo interventi finalizzati alla creazione di nuove imprese per promuovere e sostenere l’autoimprenditorialità e favorire nuove opportunità di occupazione per i giovani;
  • Sostegno all’inserimento lavorativo (aiuti all’occupazione) di giovani disoccupati e inattivi;
  • Sostegno all’inserimento lavorativo (Tirocini e Supporto alla ricollocazione giovani disoccupati - modello Contratto di Ricollocazione).

Obiettivo specifico: ESO4.6. Promuovere la parità di accesso e di completamento di un'istruzione e una formazione inclusive e di qualità, in particolare per i gruppi svantaggiati, dall'educazione e cura della prima infanzia, attraverso l'istruzione e la formazione generale e professionale, fino al livello terziario e all'istruzione e all'apprendimento degli adulti, anche agevolando la mobilità ai fini dell'apprendimento per tutti e l'accessibilità per le persone con disabilità

Interventi previsti

La Regione Lazio intende implementare le seguenti azioni, rivolte in particolare ai giovani con fascia di età 14-18 anni, a rischio abbandono scolastico e formativo, anche con specifica attenzione alle difficoltà economiche delle famiglie, o al personale degli enti di formazione accreditati e degli istituti di istruzione:

  • Interventi per l’accesso allo studio e contro la dispersione scolastica, al fine di raggiungere un numero sempre più ampio di studenti, ciò al fine di ridurre la dispersione e l’abbandono scolastico a tutti i livelli, in particolare per i soggetti in situazione di maggiore svantaggio, garantendo al tempo stesso opportunità di qualificare l’offerta formativa realizzata dagli istituti scolastici a livello regionale;
  • Sviluppo e potenziamento dell’offerta di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), percorsi formativi rivolti a giovani che devono conseguire titoli “dell’obbligo” anche attraverso il rafforzamento continuo della componente professionalizzante e delle reti di supporto per la qualificazione dei contenuti dell’apprendimento, in linea con le opportunità di inserimento occupazionale e professionale offerte dal territorio.

Priorità 5 - Assistenza Tecnica

Questa Priorità prevede il finanziamento di azioni di supporto strettamente connesse all’accompagnamento dell’attuazione del Programma FSE+.

In primo luogo, si intende rafforzare il sistema di gestione, controllo e monitoraggio degli interventi cofinanziati dal FSE+, per garantirne la corretta attuazione e gestione e per aumentare i livelli di efficacia e di efficienza della programmazione, nei diversi aspetti che la caratterizzano. Inoltre, potranno essere attuate azioni specifiche, anche di natura formativa ed informativa, a supporto dell’Autorità del Programma (AdG) e delle altre strutture incaricate dell’attuazione del PR FSE+, per rafforzare la lotta contro le frodi, la corruzione e i conflitti di interesse nell'utilizzo dei fondi dell'UE.

Pertanto, i destinatari delle azioni di supporto sono fondamentalmente il personale regionale coinvolto nell’attuazione e sorveglianza del Programma oltre che personale degli altri soggetti coinvolti (ad es quali Organismi intermedi).

Budget

Le risorse a disposizione del Programma regionale FSE Plus ammontano a 1.602.548.250 euro.

Di queste:

  •  436.000.000 euro saranno destinati alla priorità 1;
  •  396.000.000 euro saranno destinati alla priorità 2;
  •  473.446.320 euro saranno destinati alla priorità 3;
  •  233.000.000 euro saranno destinati alla priorità 4;
  •  64.101.930 euro saranno destinati all’assistenza tecnica.

Dotazioni finanziarie totali per fondo e cofinanziamento nazionale

Link

Programma FSE+ 2021-2027 Regione Lazio

Regione Lazio

Pubblicato
08 Sep 2022
Ambito
Regionale
Settori
Affari marittimi, Agroalimentare, Alimentare, Audiovisivo, Commercio, Costruzioni, Cultura, Energia, Farmaceutico, Ict, Industria, Pubblica amministrazione, Sanità, Servizi, Sociale, Trasporti, Turismo
Stanziamento
€ 1 602 548 250
Finalita'
Formazione, Inclusione social, Innovazione, Promozione, Risanamento finanziario, Sviluppo
Ubicazione Investimento
Lazio
Tags
Fse plus lazio, Fondo sociale europeo, Fondo sociale europeo Plus, Fondo sociale europeo +
Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Trova Bandi