×
Ricevi Bandi e News nella tua ...

oppure accedi con
Filters
×
Pubblicato
30 Nov 1999

Beneficiari e Finalitá

Stato agevolazioni
Inattive
Dimensione beneficiari
Non Applicabile
Organizzazione
Privato
Settori
Servizi, Turismo
Finalita'
Ammodernamento, Sviluppo
Ubicazione Investimento
Europe, Italy, Friuli-Venezia Giulia

Incentivi e Spese

Tipologia agevolazione
Contributo
Tags
Turismo fvg, GAL Torre Natisone, Fvg, Friuli venezia giulia
Left Column
×

Statistiche

  • Agevolazioni Attive : 1211
  • Schede Agevolazioni : 32665
  • Utenti Network : 72298
  • Articoli : 20728
Left Column
Clients

Friuli Venezia Giulia: aiuti per la realizzazione di nuovi posti letto in B&B e affittacamere non professionali

Data chiusura
29 Apr 2012
Agevolazione
Regionale
Stanziamento
€ 250 000
Soggetto gestore
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Descrizione

Bando per la concessione di aiuti per la realizzazione di nuovi posti letto in B&B e affittacamere non professionali, nell'ambito del Piano di Sviluppo locale 2007-2013 del Gruppo di Azione Locale Torre Natisone GAL.

 

L’aiuto è finalizzato a sostenere gli investimenti diretti alla creazione di nuovi posti letto per lo svolgimento di attività ricettiva di tipo non professionale quali Bed & Breakfast (B&B) e affittacamere nell’ambito di interventi volti:

  • a valorizzare il patrimonio edilizio esistente in proprietà o nella disponibilità delle famiglie attraverso un’attività di ricettività turistica;
  • all’aumento del numero dei posti letto presenti sul territorio;
  • all’integrazione dei redditi familiari;
  • alla visibilità della ricettività turistica non professionale.

Gli interventi oggetto di aiuto sono localizzati nel territorio dei Comuni del GAL:

  • COMUNI AREA D DEL PSR: Drenchia, Grimacco, Lusevera, Pulfero, San Leonardo, Savogna, Stregna, Taipana;
  • COMUNI AREA C DEL PSR: Attimis, Cividale del Friuli, Faedis, Magnano in Riviera, Nimis, Prepotto, San Pietro al Natisone, Tarcento, Torreano.

Beneficiari dell’aiuto per il B&B sono esclusivamente le persone fisiche:

  • che dispongano della piena proprietà dell’immobile, oppure siano titolari di altro diritto reale per un periodo non inferiore alla durata del vincolo di destinazione d’uso;
  • residenti nell’edificio oggetto dell’intervento o nell’edificio la cui pertinenza sia oggetto dell’intervento;
  • in procinto di avviare o già titolari di un’attività avviata di tipo non professionale.

Beneficiari dell’aiuto per gli affittacamere non professionali sono le persone fisiche:

  • che dispongano della piena proprietà dell’immobile, oppure siano titolari di un diritto reale per un periodo non inferiore alla durata del vincolo di destinazione d’uso;
  • titolari o in procinto di avviare un’attività di tipo non professionale.

In caso di comproprietà, solo ed esclusivamente uno dei comproprietari potrà presentare domanda di aiuto, allegando alla stessa, dichiarazione di assenso rilasciata dagli altri comproprietari secondo il modello di cui all’allegato A1) del bando (vedi Links).

I titolari di diritto reale di godimento sull’immobile oggetto di contributo, dovranno allegare alla domanda di aiuto, dichiarazione di assenso rilasciata dal nudo proprietario secondo il modello di cui all’allegato A2). Non potranno essere considerati beneficiari coloro i quali posseggano la nuda proprietà dell’immobile oggetto della domanda di aiuto.

Sono ammessi a finanziamento gli interventi che sono diretti:

  • alla realizzazione di posti letto in nuove strutture ricettive;
  • alla realizzazione di ulteriori posti letto, nei limiti previsti dalla citata LR 2/2002 (art.2 lettera b), in esercizi già esistenti.

Gli interventi ammissibili rispettano:

  • il limite minimo di spesa ammissibile pari ad euro 2.500 per posto letto;
  • il limite massimo di spesa ammissibile: per il B&B di euro 5.000 per posto letto e di euro 25.000, totale intervento; per l’affittacamere di euro 7.500,00 per posto letto e di euro 75.000 totale intervento.

Sono ammissibili le sottoelencate tipologie di spesa:

  • lavori di manutenzione straordinaria di cui all’art. 2 lettera d) nel limite massimo del 65% della spesa complessiva;
  • fornitura di arredi, attrezzature e dotazioni per lo svolgimento della specifica attività ricettiva in conformità ai capi VI e VII della legge regionale 16 gennaio 2002, n. 2, e successive modificazioni e integrazioni;
  • spese generali, comprensive delle spese tecniche, fino alla misura massima del 12% dell’importo dell’investimento cui sono funzionali, ai sensi dell’art. 55, paragrafo 1, lett. c) del regolamento (CE) n. 1974/2006;
  • l’imposta sul valore aggiunto (IVA), se non recuperabile e realmente e definitivamente sostenuta da beneficiari diversi dai soggetti non passivi di cui all’art. 13, paragrafo 1, primo comma, della direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006 relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto.

Non sono ammissibili:

  • lavori eseguiti con apporto di lavoro proprio (lavori in economia);
  • acquisto di attrezzature o materiali usati;
  • acquisto di materiale di facile consumo, stoviglie, posate, pentolame ed oggetti di arredamento non funzionali all’ospitalità;
  • acquisto di materiale informatico (hardware e software);
  • acquisti documentati da fatture di importo inferiore a € 100.

L’aiuto si configura come contributo in conto capitale, concesso in conformità della definizione di aiuto “de minimis” di cui al regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006, nella misura del 60% della spesa ritenuta ammissibile.

L’aiuto massimo concedibile per interventi di B&B è di euro 15.000 a fronte di una spesa ammissibile di euro 25.000 e, comunque, di euro 3.000 per posto letto a fronte di una spesa ammissibile di euro 5.000 per posto letto.

L’aiuto massimo concedibile per interventi di affittacamere è di euro 45.000 a fronte di una spesa ammissibile di euro 75.000 e non superiore a euro 4.500 per posto letto a fronte di una spesa ammissibile di euro 7.500 per posto letto.

La domanda di aiuto, indirizzata al GAL, è compilata in via informatica entro il 29 aprile 2012 ed è presentata in originale (bollato ai sensi di legge) entro 15 giorni dalla scadenza di cui sopra al seguente indirizzo del GAL: Torre Natisone GAL s.c a r.l . – via Frangipane 3, 33017 Tarcento (UD).

La graduatoria delle domande di aiuto e l’elenco delle domande non ricevibili e non ammissibili, con l’indicazione delle motivazioni di esclusione, sono approvati dal Consiglio di amministrazione del GAL entro il termine di 120 giorni dal termine di scadenza per la presentazione della domanda. Il termine suddetto è interrotto nel caso di richiesta di ulteriore documentazione e riprende a decorrere dal giorno in cui il GAL riceve la documentazione integrativa richiesta. In caso di domanda non ricevibile o non ammissibile, il GAL ne dà comunicazione agli interessati con lettera raccomandata con avviso di ricevimento, formulando le motivazioni e fissando in minimo 10 giorni il termine per la presentazione di eventuali controdeduzioni.

Per maggiori informazioni consultare i Links.

Pubblicato
30 Nov 1999

Beneficiari e Finalitá

Stato agevolazioni
Inattive
Dimensione beneficiari
Non Applicabile
Organizzazione
Privato
Settori
Servizi, Turismo
Finalita'
Ammodernamento, Sviluppo
Ubicazione Investimento
Europe, Italy, Friuli-Venezia Giulia

Incentivi e Spese

Tipologia agevolazione
Contributo
Tags
Turismo fvg, GAL Torre Natisone, Fvg, Friuli venezia giulia
Per leggere il contenuto prego
o

Trova Bandi