×
Ricevi Bandi e News nella tua ...

oppure accedi con
Filters
×
Pubblicato
24 Nov 2010

Beneficiari e Finalitá

Stato agevolazioni
Inattive
Dimensione beneficiari
Non Applicabile
Organizzazione
Privato
Settori
Sociale
Finalita'
Inclusione social, Cooperazione, Sviluppo
Ubicazione Investimento
Europe, Italy, Lombardia

Incentivi e Spese

Tipologia agevolazione
Contributo
Tags
Sociale lombardia, Casa lombardia, Lombardia
Left Column
×

Statistiche

  • Agevolazioni Attive : 2262
  • Schede Agevolazioni : 34987
  • Utenti Network : 77460
  • Articoli : 11132
Left Column
Clients

Lombardia: bando per l'acquisto della prima casa - Anno 2010

Data apertura
01 Dec 2010
Data chiusura
31 Jan 2011
Agevolazione
Regionale
Stanziamento
€ 10 000 000
Soggetto gestore
Regione Lombardia

Descrizione

Decimo bando per l’erogazione di contributi per agevolare l’accesso alla proprietà della prima casa di abitazione nell’anno 2010.

Possono partecipare le seguenti categorie di nuclei familiari:

 

a) “giovani coppie”: coppia che ha contratto o contrae matrimonio nel periodo compreso tra l’1 luglio 2009 ed il 30 giugno 2011 e i cui componenti, di sesso diverso, non hanno compiuto anni 40 alla data di presentazione della domanda;
b) “gestante sola”: donna gravida del primo figlio, che sia nubile o priva del coniuge per separazione legale senza convivenza, per divorzio o per decesso;
c) “genitore solo con uno o più figli minori a carico”: padre o madre con uno o più figli minori a carico, che sia celibe o nubile o privo del coniuge per separazione legale senza convivenza, per divorzio o per decesso. Non rientrano in questa categoria le unioni di fatto;
d) “nuclei familiari con almeno tre figli”: genitori uniti da vincolo di matrimonio con tre o più figli a carico.
I nuclei familiari rientranti nelle predette categorie possono comprendere anche altri componenti legati da vincoli di parentela di primo grado in linea retta. Per la categoria “giovane coppie” gli ulteriori componenti possono essere i genitori e i figli dei nubendi/coniugi. Il concepito è considerato figlio a carico a tutti gli effetti.

Alla data di presentazione della domanda i componenti del nucleo familiare devono:

  • essere cittadini italiani o dell’Unione Europea o cittadini di uno Stato non facente parte dell’Unione Europea. I cittadini non comunitari devono possedere carta di soggiorno o permesso di soggiorno almeno biennale ed esercitare una regolare attività di lavoro autonomo o dipendente. Ai fini del presente bando il requisito del lavoro autonomo o dipendente si intende soddisfatto qualora l’attività lavorativa sia esercitata anche da uno solo dei componenti il nucleo familiare, come indicato alle lett. a), b), c) e d) del precedente punto 3;
  • non aver usufruito di altre agevolazioni per le stesse finalità previste da questo bando. L’eventuale agevolazione usufruita dalla famiglia d’origine non impedisce la partecipazione al presente bando;
  • solo per le gestanti sole: sussistenza della condizione di gestante alla data del 31 gennaio 2011 compreso, che dovrà essere seguita dall’evento della nascita del figlio;
  • non possedere altro alloggio adeguato nel territorio della Regione Lombardia.

Per adeguato si intende:

  • un alloggio che ha un numero di vani abitabili pari al numero delle persone che compongono “la famiglia dichiarata nella domanda”, esclusi: cucina, angoli cottura, servizi igienici, ripostigli e altri vani accessori;
  • un alloggio con 5 o più vani indipendentemente dal numero dei componenti della famiglia.

Se il dichiarante, o altro componente del nucleo familiare dichiarato, è titolare di alloggio in comproprietà con altri soggetti non facenti parte di tale nucleo familiare, i vani abitabili saranno considerati nella stessa percentuale della proprietà, con arrotondamento all’unità inferiore.

In caso di comproprietà con altri componenti del proprio nucleo familiare, le percentuali di proprietà devono essere sommate.

Il nucleo familiare deve avere un Indice di Situazione Economica Equivalente (ISEE) non superiore a € 35.000 calcolato sui redditi percepiti ed i patrimoni posseduti nell’anno 2009.

Le risorse stanziate ammontano a 10.000.000 euro.

Il contributo “una tantum” a fondo perduto è graduato in rapporto al valore dell’immobile acquistato:

  • per un valore tra € 25.000 e € 100.000 il contributo è di € 5.000
  • per un valore tra € 100.000,01 e € 200.000 il contributo è di € 5.500
  • per un valore tra € 200.000,01 e € 280.000 il contributo è di € 6.000.

Per immobili certificati ad “alta efficienza energetica” è previsto un incremento sul contributo, pari a:

  • € 2.000 per immobili di classe certificata di Tipo “A” (risparmio d’energia del 50%)
  • € 1.000 per immobili di classe certificata di Tipo “B” (risparmio d’energia del 30%).

La domanda deve essere compilata in ogni sua parte presso uno dei Centri Autorizzati di Assistenza Fiscale (CAAF) o altro soggetto convenzionato con Regione Lombardia dal 1 dicembre 2010 al 31 gennaio 2011 compreso da uno dei componenti il nucleo familiare purché intestatario o cointestatario dell’alloggio e del mutuo/finanziamento.

La graduatoria viene approvata entro 90 giorni, decorrenti dal giorno successivo la data di chiusura del periodo di presentazione della domanda, e pubblicata sul sito www.casa.regione.lombardia.it e per estratto sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia.

Per maggiori informazioni consultare i Links.

Pubblicato
24 Nov 2010

Beneficiari e Finalitá

Stato agevolazioni
Inattive
Dimensione beneficiari
Non Applicabile
Organizzazione
Privato
Settori
Sociale
Finalita'
Inclusione social, Cooperazione, Sviluppo
Ubicazione Investimento
Europe, Italy, Lombardia

Incentivi e Spese

Tipologia agevolazione
Contributo
Tags
Sociale lombardia, Casa lombardia, Lombardia
Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Trova Bandi