×
Ricevi Bandi e News nella tua ...

oppure accedi con
Filters
×
Pubblicato
13 Dec 2011

Beneficiari e Finalitá

Stato agevolazioni
Inattive
Dimensione beneficiari
Non Applicabile
Organizzazione
Centro educativo, Centro di recerca, Università, Privato
Settori
Agricoltura, Alimentare, Audiovisivo, Commercio, Costruzioni, Cultura, Energia, Farmaceutico, Ict, Industria, Sanità, Servizi, Trasporti
Finalita'
Ricerca
Ubicazione Investimento
Europe, Italy

Incentivi e Spese

Tipologia agevolazione
Contributo
Tags
Firb, Ricercatori, Ricerca, Ricerca scientifica, Miur, Università
Left Column
×

Statistiche

  • Agevolazioni Attive : 1325
  • Schede Agevolazioni : 32111
  • Utenti Network : 70719
  • Articoli : 20609
Left Column
Clients

MIUR: bando FIRB - Programma Futuro in Ricerca 2010

Data chiusura
23 Dec 2010
Agevolazione
Nazionale
Stanziamento
€ 50 000 000
Soggetto gestore
Ministero dell'Università e della Ricerca

Descrizione

Finanziamento di progetti di ricerca fondamentale proposti da giovani ricercatori per favorire sia il ricambio generazionale sia il sostegno alle eccellenze scientifiche emergenti e già presenti presso gli atenei e gli enti pubblici di ricerca afferenti al MIUR.

Con Decreto del 9 novembre 2011, pubblicato in GURI n. 288 del 12 dicembre 2011, il MIUR ha approvato le proposte della Commissione FIRB relative ai progetti di ricerca di base inerenti al Programma «Futuro in ricerca».

 

Il programma "Futuro in ricerca 2010" è rivolto:

  • per la Linea d'intervento 1, a dottori di ricerca italiani o comunitari, non strutturati presso gli atenei italiani, statali o non statali, e gli enti pubblici di ricerca afferenti al MIUR, che non abbiano compiuto il 32° anno di età alla data di scadenza del presente bando e che, alla stessa data, abbiano conseguito il dottorato di ricerca da più di 2 anni e da meno di 6 anni.
    I dottori di ricerca devono avere almeno tre pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali;
  • per la Linea d'intervento 2, a dottori di ricerca italiani o comunitari, non strutturati presso gli atenei italiani, statali o non statali, e gli enti pubblici di ricerca afferenti al MIUR, che non abbiano compiuto il 36° anno di età alla data di scadenza del presente bando e che, alla stessa data, abbiano conseguito il dottorato di ricerca da più di 6 anni e da meno di 10 anni.
    I dottori di ricerca devono avere almeno sei pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali;
  • per la Linea d'intervento 3, a giovani docenti o ricercatori che non abbiano compiuto il 40° anno alla data di scadenza del presente bando, già strutturati presso gli atenei italiani, statali o non statali, e gli enti pubblici di ricerca afferenti al MIUR.

Per i dottori di ricerca di linea 1 o di linea 2 già in possesso di specializzazione conseguita, precedentemente al dottorato, presso una scuola di specializzazione universitaria, i limiti di età anagrafica di cui sopra sono incrementati di un numero di anni pari alla durata della scuola di specializzazione.

Sono previsti finanziamenti a progetti di ricerca fondamentale di durata almeno triennale, anche a rete, rientranti in uno qualsiasi dei settori scientifici definiti dall'European Research Council.
Saranno peraltro considerate prioritarie le tematiche relative alle energie alternative e/o sostenibili, all'agricoltura e ambiente, al patrimonio artistico-culturale e ambientale, alla mobilità sostenibile, all'homeland security, alla salute e alle scienze della vita, ritenute strategiche per l'economia nazionale.

Ogni progetto di ricerca è proposto da un giovane dottore di ricerca o docente o ricercatore (coordinatore di progetto) e, indipendentemente dall'appartenenza alla linea d'intervento, può prevedere una o più unità di ricerca, facenti capo ad atenei italiani, statali o non statali, o ad enti pubblici di ricerca afferenti al MIUR.
Anche le singole unità di ricerca (una delle quali deve far capo allo stesso coordinatore di progetto) devono ricadere sotto la responsabilità scientifica di un giovane dottore di ricerca o docente o ricercatore.
Nell'ambito di uno stesso progetto possono essere ricomprese unità di ricerca appartenenti a diverse linee d'intervento.

Il coordinatore di progetto ha la responsabilità scientifica e organizzativa del progetto, fatta salva la responsabilità di ogni unità di ricerca nella gestione operativa dei contributi assegnati, nel rispetto dei regolamenti interni di amministrazione, finanza e contabilità.

Il Fondo per gli Investimenti della Ricerca di Base - FIRB cofinanzia il presente Programma nel limite massimo complessivo di 50 milioni di euro, al lordo della quota dell'1% per le attività di valutazione e monitoraggio, così suddivisi per le diverse linee di intervento:

  • 10 milioni di euro per la Linea di intervento 1;
  • 20 milioni di euro per la Linea di intervento 2;
  • 20 milioni di euro per la Linea di intervento 3.

Qualora le risorse relative a una linea d'intervento non siano totalmente assegnate per carenza di progetti ammessi a finanziamento, le quote residuali sono portate in accrescimento al finanziamento delle altre linee d'intervento.

___________

Modifiche del Decreto 26 ottobre 2010 - Gazzetta Ufficiale n. 266 del 13 novembre 2010

L'art. 2 del decreto direttoriale 27 settembre 2010, n. 584/ric, ' cosi' rettificato:

1. Il programma «Futuro in ricerca 2010» e' rivolto:

  • a) Linea d'intervento 1: a dottori di ricerca italiani o comunitari, non strutturati presso gli atenei italiani, statali o non statali, i consorzi interuniversitari, e gli enti pubblici di ricerca afferenti al MIUR, che non abbiano gia' compiuto il 33° anno di eta' alla data del 23 novembre 2010, e che, alla stessa data, abbiano conseguito il dottorato di ricerca da almeno 2 anni;
  • b) Linea d'intervento 2: a dottori di ricerca italiani o comunitari, non strutturati presso gli atenei italiani, statali o non statali, i consorzi interuniversitari, e gli enti pubblici di ricerca afferenti al MIUR, che non abbiano gia' compiuto il 36° anno di eta' alla data del 23 novembre 2010, e che, alla stessa data, abbiano conseguito il dottorato di ricerca da almeno 4 anni;
  • c) Linea d'intervento 3: a giovani docenti o ricercatori, che non abbiano gia' compiuto il 40° anno di eta' alla data del 23 novembre 2010, gia' strutturati presso gli atenei italiani, statali o non statali, i consorzi interuniversitari, e gli enti pubblici di ricerca afferenti al MIUR.

2. I dottori di ricerca rientranti nella Linea di intervento 1 debbono avere almeno tre pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali.

3. I dottori di ricerca rientranti nella Linea di intervento 2 debbono avere almeno sei pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali.

4. Per i dottori di ricerca di Linea 1 o di Linea 2 gia' in possesso di specializzazione conseguita, precedentemente al dottorato, presso una scuola di specializzazione universitaria, i limiti di eta' anagrafica di cui al comma 1 del presente articolo sono incrementati di un numero di anni pari alla durata della scuola di specializzazione.

5. Per i dottori di ricerca di Linea 1 o di Linea 2 i limiti di eta' anagrafica di cui al comma 1 del presente articolo sono incrementati altresi' di un anno sia nel caso in cui la durata legale del corso di studi relativo alla laurea e al dottorato sia superiore a 9 anni, sia nel caso di effettivo svolgimento del periodo di leva obbligatoria, sia nel caso di maternita'/paternita' precedente alla data di conseguimento del dottorato.

6. In ogni caso, pur essendo gli incrementi di cui ai commi 4 e 5 cumulabili tra di loro, il limite massimo di eta' anagrafica, anche per le Linee di intervento 1 e 2, resta fissato al 40° anno di eta' non ancora compiuto alla data del 23 novembre 2010.

Per ogni progetto ammesso al finanziamento, l'entità del contributo FIRB è definita tenendo conto dei criteri stabiliti dal D.M. 378 del 26 marzo 2004, nella misura del 70% dei costi esposti, fatta eccezione per i contratti con giovani ricercatori, interamente a carico del MIUR.

Le modalità di erogazione dei contributi sono dettagliate in sede di emanazione del decreto direttoriale di ammissione ai contributi; tale decreto stabilisce altresì la definizione delle modalità di verifica in itinere delle attività e dei risultati effettivamente conseguiti, nonché le modalità di verifica delle spese effettivamente sostenute.

La scadenza per la presentazione delle domande di finanziamento è fissata:

  • al 23 novembre 2010, alle ore 17.00, per i coordinatori di progetto (modello A),
  • al 15 novembre 2010, alle ore 17.00, per i responsabili di unità (modello B).

I progetti di cui al presente decreto debbono essere presentati, entro il suddetto termine, utilizzando, secondo le modalità ivi indicate, il servizio Internet al seguent e indirizzo: http://sitofirb.cineca.it

Entro i dieci giorni successivi a tale termine, copia cartacea dei progetti deve essere trasmessa, debitamente sottoscritta dai proponenti, ai Rettori degli atenei d'appartenenza o ai Presidenti degli enti di ricerca di appartenenza.

___________

Con Decreto 26 ottobre 2010, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 266 del 13 novembre 2010, il Ministero dell'Università e della Ricerca ha prorogato la scadenza per la presentazione delle domande di finanziamento:

  • al 23 dicembre 2010, alle ore 17.00, per i coordinatori di progetto (modello A),
  • al 16 dicembre 2010, alle ore 17.00, per i responsabili di unità (modello B).

I progetti devono essere redatti sia in italiano sia in inglese.

Al termine dei progetti, una commissione di esperti di settore, anche di nazionalità non italiana, procederà ad una valutazione ex-post incentrata sulle attività svolte e sui risultati conseguiti, fornendo un giudizio complessivo e conclusivo.

La selezione delle proposte è curata dalla Commissione FIRB che ha la responsabilità della valutazione dei progetti e funzione di garanzia nei confronti della comunità scientifica e del Ministero, e che si avvale, per lo svolgimento dei suoi compiti, sia dell'opera di revisori anonimi, anche stranieri, selezionati dalla Commissione tra gli esperti appartenenti alla banca dati del Ministero, utilizzando le parole chiave indicate nei progetti e secondo il criterio della "peer review" (prima fase: valutazione scientifica), sia di panel di esperti (un panel per ciascuna delle aree tematiche previste), ognuno dei quali composto da tre esperti di settore, sempre selezionati dalla Commissione tra gli esperti appartenenti alla banca dati del Ministero (seconda fase: audizioni).

Per maggiori informazioni consultare i Links.

____________

Il bando è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 237 del 9 ottobre 2010.

Con Decreto 26 ottobre 2010, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 266 del 13 novembre 2010, il Ministero dell'Università e della Ricerca ha apportato alcune modifiche al presente bando, prorogando inoltre la scadenza per la presentazione delle domande di finanziamento al 16 dicembre 2010, per i responsabili di unità, e al 23 dicembre 2010, per i coordinatori di progetto.

Con Decreto Direttoriale 28 giugno 2011 n. 385/Ric il Ministero dell'Università e della Ricerca ha approvato l'elenco dei progetti ammessi alle audizioni di cui all'art. 7, comma 1, del D.D. 584/ric. del 27 settembre 2010.

Pubblicato
13 Dec 2011

Beneficiari e Finalitá

Stato agevolazioni
Inattive
Dimensione beneficiari
Non Applicabile
Organizzazione
Centro educativo, Centro di recerca, Università, Privato
Settori
Agricoltura, Alimentare, Audiovisivo, Commercio, Costruzioni, Cultura, Energia, Farmaceutico, Ict, Industria, Sanità, Servizi, Trasporti
Finalita'
Ricerca
Ubicazione Investimento
Europe, Italy

Incentivi e Spese

Tipologia agevolazione
Contributo
Tags
Firb, Ricercatori, Ricerca, Ricerca scientifica, Miur, Università
Per leggere il contenuto prego
o

Trova Bandi