×
Ricevi Bandi e News nella tua ...

oppure accedi con
Filters
×
Pubblicato
01 Jul 2015

Beneficiari e Finalitá

Stato agevolazioni
Inattive
Dimensione beneficiari
Non Applicabile
Organizzazione
Privato
Settori
Costruzioni, Energia
Finalita'
Ammodernamento, Tutela ambientale
Ubicazione Investimento
Europe, Italy, Friuli-Venezia Giulia

Incentivi e Spese

Tipologia agevolazione
Contributo
Tags
Impianti tecnologici, Risparmio energetico
Left Column
×

Statistiche

  • Agevolazioni Attive : 1383
  • Schede Agevolazioni : 31965
  • Utenti Network : 70226
  • Articoli : 20552
Left Column
Clients

Friuli Venezia Giulia - finanziamenti per impianti tecnologici e risparmio energetico della prima casa

Data apertura
01 Jul 2015
Data chiusura
29 Aug 2015
Agevolazione
Regionale
Soggetto gestore
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Descrizione

Bando per la concessione di finanziamenti in conto capitale, di cui alla Legge finanziaria 2009, per la realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria finalizzati alla messa a norma di impianti tecnologici o al conseguimento del risparmio energetico relativi alla prima casa.

Sono beneficiari dei contributi di cui al regolamento, i soggetti privati proprietari o comproprietari di immobili nei quali abbiano la residenza anagrafica al momento della domanda e la conservino fino all’erogazione del contributo. Lo stesso proprietario o comproprietario, in relazione allo stesso immobile, può beneficiare per una sola volta del finanziamento previsto dall’articolo 10, commi da 44 a 50 della legge regionale 17/2008.

 

In caso di decesso del richiedente, possono subentrare nella posizione dell’intestatario della domanda, ai fini della concessione e dell’erogazione del contributo, il comproprietario oppure l’erede, purché già residenti nell’alloggio oggetto dell’intervento all’atto della domanda originaria.

Gli interventi di manutenzione straordinaria finanziabili agli effetti del regolamento sono definiti dall’articolo 3 comma 1 lettera b) del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001 n. 380 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia), limitatamente ad una o più delle seguenti tipologie:

  • a) messa a norma di impianti di utilizzazione dell’energia elettrica;
  • b) installazione di impianti solari termici di cui all’articolo 16, comma 1, lettera m) della legge regionale 11 novembre 2009, n. 19 (Codice regionale dell’edilizia);
  • c) installazione di impianti solari fotovoltaici di cui all’articolo 16, comma 1, lettera m) della legge regionale 19/2009;
  • d) installazione di impianti geotermici;
  • e) installazione di caldaie ad alto rendimento e relativo eventuale adeguamento dell’impianto di riscaldamento;
  • f) realizzazione dell’isolamento dell’involucro edilizio di cui all’articolo 16, comma 1, lettera l) della legge regionale 19/2009, relativamente alla copertura;
  • g) realizzazione dell’isolamento dell’involucro edilizio di cui all’articolo 16, comma 1, lettera l) della legge regionale 19/2009, relativamente alle pareti esterne verticali;
  • h) sostituzione dei serramenti.

I contributi sono assegnati con il procedimento valutativo a bando di cui all’articolo 36 della legge regionale 20 marzo 2000, n. 7 (Testo unico delle norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso) nei limiti delle disponibilità finanziarie previste, nella misura del 50% della spesa ritenuta ammissibile e, comunque, nell’importo non superiore a 10.000 euro.

Sono ammissibili a contributo le spese relative alle forniture e relativa posa in opera, comprensive degli eventuali allacciamenti, IVA inclusa e degli eventuali oneri di progettazione generali e di collaudo, di importo non inferiore a 3.000,00 euro, sostenute dopo la presentazione della domanda.

Gli oneri di progettazione generali e di collaudo sono definiti dal decreto del Presidente della Regione 20 dicembre 2005 n. 0453/Pres. (Legge regionale 31 maggio 2002, n. 14, art. 56, comma 2. Determinazione aliquote spese di progettazione, generali e di collaudo), e sono computati nella misura massima del 12% calcolata sulla base imponibile dei lavori e delle forniture.

Non sono ammissibili a contributo le spese sostenute a fronte di rapporti giuridici instaurati, a qualunque titolo, tra società, persone giuridiche, amministratori, soci, ovvero coniugi, parenti e affini sino al secondo grado, come stabilito dall’ articolo 31 della legge regionale 7/2000.

La domanda di contributo, in regola con la normativa vigente in materia di imposta di bollo, deve pervenire entro settanta giorni dalla pubblicazione del bando sul Bollettino Ufficiale della Regione (1° luglio 2015).

La concessione dei contributi sarà disposta a seguito dell’approvazione delle graduatorie, che saranno rese note attraverso la pubblicazione sul sito internet dell’Amministrazione regionale.

Per maggiori informazioni consultare i Links.

Pubblicato
01 Jul 2015

Beneficiari e Finalitá

Stato agevolazioni
Inattive
Dimensione beneficiari
Non Applicabile
Organizzazione
Privato
Settori
Costruzioni, Energia
Finalita'
Ammodernamento, Tutela ambientale
Ubicazione Investimento
Europe, Italy, Friuli-Venezia Giulia

Incentivi e Spese

Tipologia agevolazione
Contributo
Tags
Impianti tecnologici, Risparmio energetico
Per leggere il contenuto prego
o

Trova Bandi