Agricoltura: Corte Conti Ue, dati spesa PAC non attendibili

 

Agricoltura - foto di giorgio.montesi Una relazione della Corte dei Conti europea rivela che i risultati dei controlli degli Stati membri sui pagamenti della Politica agricola comune (PAC) comunicati alla Commissione Ue non sono attendibili.

Ogni anno gli organismi pagatori nazionali e regionali effettuano controlli sulle domande di aiuto presentate dagli agricoltori e sui pagamenti erogati a valere sulla PAC e trasmettono i relativi dati alla Commissione europea perchè possa stimare l'impatto delle eventuali irregolarità ai danni del bilancio Ue.

Secondo la relazione speciale n. 18/2013 della Corte dei Conti Ue, però, le relazioni statistiche degli Stati membri non sono attendibili a causa dell'inefficacia dei meccanismi di monitoraggio, della scorretta attuazione delle linee guida della Commissione per la compilazione dei report e degli errori commessi dagli organismi pagatori. Di conseguenza, osserva la Corte, gli aggiustamenti apportati da Bruxelles per stimare i tassi di errore non sono validi dal punto di vista statistico.

La relazione raccomanda quindi:

  • una conduzione più rigorosa dei controlli amministrativi e in loco,
  • il miglioramento della qualità delle banche dati del Sistema di identificazione delle parcelle agricole,
  • il monitoraggio dell'attuazione delle linee guida della Commissione per i sistemi di controllo e per la compilazione delle relazioni statistiche,
  • la revisione delle stesse linee guida e dell'attuale sistema di rendicontazione.

Links
Relazione speciale n. 18/2013

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti