UE - adottato programma di cooperazione Italia-Montenegro-Albania

 

La Commissione Ue ha approvato il programma di cooperazione transfrontaliera per l'Italia, il Montenegro e l'Albania

Montenegro

Il programma di cooperazione transfrontaliera, in linea con la strategia dell'Ue per la regione adriatica e ionica, prevede 5 priorità:

  1. rafforzamento della cooperazione transfrontaliera e della competitività delle PMI: saranno supportate le piccole imprese locali per contribuire alla loro internazionalizzazione e sviluppare mercati transfrontalieri;
  2. gestione intelligente del patrimonio naturale e culturale della regione frontaliera: il programma finanzierà lo sviluppo di attività turistiche rispettose dell'ambiente e in nuovi prodotti e servizi culturali;
  3. protezione dell'ambiente, gestione dei rischi e strategia per la riduzione delle emissioni di carbonio: l'obiettivo è sostenere un approccio strategico e transfrontaliero in materia di paesaggi acquatici, pratiche e strumenti innovativi per ridurre le emissioni di carbonio e migliore efficienza energetica negli edifici pubblici;
  4. miglioramento della connettività transfrontaliera e promozione di sistemi di trasporto sostenibili;
  5. assistenza tecnica per garantire la corretta ed efficace attuazione del programma.

Risorse dal FESR e dallo strumento IPA

Le risorse destinate al programma ammontano a circa 93 milioni di euro, la maggior parte dei quali (79 milioni di euro) messi a disposizione dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e dallo strumento di assistenza pre-adesione (IPA). Si tratta dell'ultimo programma di cooperazione transfrontaliera ad essere adottato nel 2015.

"Questo nuovo programma di cooperazione transfrontaliera contribuisce a gettare le basi per uno sviluppo economico intelligente e sostenibile nella regione beneficiaria, che comprende due Paesi candidati (Albania e Montenegro). Il programma sosterrà la competitività delle PMI, la tutela dell'ambiente e la promozione dell'adattamento ai cambiamenti climatici e della mitigazione dei loro effetti, nonché il miglioramento delle infrastrutture pubbliche e dei trasporti”, ha dichiarato il commissario per la politica europea di vicinato, Johannes Hahn.

Photo credit: trishhartmann via Foter.com / CC BY

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti