Impresa sociale: un fondo rotativo per finanziamenti agevolati

 

Sociale - Photo credit: jairoagua / Foter / Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)Ammontano a 50 milioni di euro le risorse destinate alle imprese sociali dal disegno di legge delega per la riforma del terzo settore, presentato ieri dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, nella sua forma definitiva. 

Il ddl prevede l'istituzione di un fondo rotativo destinato alle imprese sociali, che, ha spiegato il ministro Poletti, servirà a finanziare a condizioni agevolate gli investimenti in beni strumentali materiali e immateriali. Al fondo potranno contribuire anche investitori istituzionali.

Il ddl prevede, tra le altre cose, misure per aumentare la trasparenza ma esclude la possibilità per gli stranieri di svolgere il servizio civile, un punto che era invece presente nella precedente versione del disegno di legge. 

Obiettivo del disegno di legge, che il ministro Poletti ha illustrato insieme al sottosegretario con delega al terzo settore Luigi Bobba, è rilanciare il comparto attraverso misure che favoriscano “la partecipazione attiva e responsabile delle persone”, sia singole che associate, valorizzando il potenziale di crescita e occupazione dell'economia sociale e del terzo settore, anche attraverso il riordino e l'armonizzazione di incentivi e strumenti di sostegno fiscale.

Dopo l'approvazione della legge in Parlamento, prevista per metà agosto, il Governo avrà un lasso di tempo di 12 mesi per approvare i decreti di attuazione

Photo credit: jairoagua / Foter / Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti