Bando ISI Inail 2017 – via alla compilazione delle domande

 

ISI Inail 2017Si aprono oggi, 19 aprile, i termini per compilare le domande di accesso al bando ISI Inail 2017 per il finanziamento di progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Bando ISI Inail 2017 – contributi per la sicurezza sul lavoro

Al via la compilazione delle domande per partecipare all'edizione 2017 del bando ISI Inail, l'avviso diretto a promuovere la realizzazione di progetti per migliorare i livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e ad incoraggiare le micro e piccole imprese agricole ad acquistare nuovi macchinari e attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative che possano abbattere le emissioni inquinanti e il livello di rumorosità, di rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.

A disposizione del bando ci sono 249 milioni e 406.358 euro, ripartiti in singoli avvisi pubblici regionali e provinciali e per Asse di intervento.

INAIL – agevolazioni per collocamento obbligatorio disabili

Gli interventi finanziabili

Il bando ISI Inail 2017 finanzia:

  • Progetti di investimento (Asse di finanziamento 1),
  • Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (Asse di finanziamento 1),
  • Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi - MMC (Asse di finanziamento 2),
  • Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (Asse di finanziamento 3),
  • Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività (Asse di finanziamento 4),
  • Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli (Asse di finanziamento 5, articolato in sub Asse 5.1 per la generalità delle imprese agricole e sub Asse 5.2 riservato ai giovani agricoltori).

I beneficiari

I destinatari dei finanziamenti sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale e iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato ed agricoltura.

Nel caso degli interventi che fanno capo all’Asse 2, quindi progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi, possono richiedere i contributi anche gli Enti del terzo settore.

I contributi

L'agevolazione è concessa sotto forma di contributo in conto capitale, con un'intensità variabile in base alla tipologia di intervento.

Nello specifico, la copertura è pari al 65% delle spese nel caso degli Assi 1, 2, 3 e 4, mentre il sostegno scende al 40% per l'Asse 5.1 e al 50% per l'Asse 5.2.

Variano anche gli importi delle agevolazioni, in particolare:

  • per gli Assi 1, 2, 3 si va da un finanziamento minimo di 5mila euro a un massimo erogabile di 130mila euro;
  • per l'Asse 4 si va da un minimo di 2mila euro a un massimo di 50mila euro;
  • per l'Asse 5 il finanziamento minimo è pari a 1.000 euro e il massimo a 60mila euro, indipendentemente dalla categoria di beneficiario.

La presentazione delle domande

Il bando prevede una procedura articolata in più fasi.

A partire da oggi, 19 aprile, e fino alle ore 18.00 del 31 maggio 2018 è possibile compilare la domanda utilizzando l'applicazione informatica disponibile nella sezione “accedi ai servizi online” del sito Inail.

Attraverso l'applicazione web è possibile effettuare simulazioni relative al progetto da presentare, verificare il raggiungimento della soglia di ammissibilità, salvare la domanda inserita ed effettuare la registrazione della propria domanda attraverso l’apposita funzione presente in procedura tramite il tasto “invia”.

Dal 7 giugno 2018 le imprese che supereranno la soglia minima di ammissibilità prevista potranno effettuare il download del proprio codice identificativo, necessario per la seconda fase, cioè l'invio della domanda online, entro i termini di apertura e chiusura dello sportello informatico che saranno comunicati successivamente dall'Inail.

Infine, entro 14 giorni dal giorno di ultimazione della fase di invio delle domande on line verranno pubblicati gli elenchi provvisori in ordine cronologico di tutte le domande presentate. A questo punto le imprese collocate in posizione utile per l’ammissibilità al finanziamento dovranno confermare la domanda online e inviare la documentazione a suo completamento.

Lavoro agile - ecco come funziona e quali tutele prevede

Per leggere il contenuto prego
o