Legge Stabilita' 2016 - attesa per credito d'imposta Sud e ecobonus

 

Le novità su credito d'imposta per gli investimenti delle imprese del Sud ed ecobonus contenute in due emendamenti alla Legge di Stabilità

Credito imposta - Author: EU Social / photo on flickr  

In attesa della discussione in Aula di domani, due emendamenti alla Legge di Stabilità 2016 introducono novità sul cosiddetto pacchetto per il Sud e sull'ecobonus.

Credito d'imposta per il Sud e decontribuzione neoassunti

L'intento è sostenere l’economia delle Regioni del Mezzogiorno attraverso una serie di misure per accelerare gli investimenti delle imprese. L'emendamento, approvato in commissione Bilancio della Camera, prevede il credito d'imposta automatico per gli investimenti aziendali in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo, con tetti e fasce differenziati in base alle dimensioni dell’azienda:

  • al 20% per le piccole aziende per singoli investimenti, fino a 1,5 milioni di euro;
  • al 15% per le medie aziende, fino a 5 milioni di euro;
  • al 10% per le grandi aziende per ogni investimento, fino a 15 milioni di euro.

Il credito d’imposta riguarda gli investimenti per l’acquisto di beni strumentali come macchinari e impianti, mentre sono escluse dall’ambito di applicazione l’industria siderurgica, carbonifera, navale e i settori energetico e bancario.

La dote è fissata in 617 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2016 al 2019, sebbene la copertura appaia già acquisita solo nell’ordine di 250 milioni annui, relativi alle agevolazioni per le PMI, a valere sulle risorse del PON Imprese e competitività e dei Programmi operativi FESR 2014-2020.

La Legge di Stabilità 2016 prevede già un superammortamento per gli acquisti di beni strumentali. Inizialmente, si pensava a un innalzamento dell'intensità di tale sgravio, dal 140% previsto dalla manovra finanziaria al 160%, per i soli investimenti effettuati dalle imprese localizzate nel Mezzogiorno. L'ipotesi, tuttavia, è stata scartata dal viceministro dell'Economia Enrico Morando: “riteniamo che la scelta corretta sia quella di avere un superammortamento uguale in tutta Italia”, evitando così la necessaria comunicazione all'Ue su questa misura, che rischierebbe di “rinviare investimenti già in corso” in attesa di una risposta, ha chiarito.

Pur rimanendo al 140%, il superammortamento sarà cumulabile con il credito d’imposta. Inoltre, a quest'ultima misura verrà associata una misura volta all'allungamento della decontribuzione a favore delle imprese del Sud per le nuove assunzioni.

Due le ipotesi sul tavolo: prorogare i tempi della contribuzione oltre i due anni, o alzare nuovamente il tetto massimo di detrazione. La proroga sarebbe vincolata a una ricognizione delle risorse residue del Piano di azione e coesione relativo alla programmazione dei fondi europei 2007-2013.

Si tratterebbe quindi di attendere il 31 marzo 2016 per veder completato il monitoraggio delle risorse in questione. A quel punto, quando si avrà un quadro chiaro della copertura, un decreto potrebbe disporre gli sgravi anche per il 2017, con una durata temporale e un’intensità dell’esonero contributivo da definire in base alla dote. Ad ogni modo, chiarisce l’emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio, per far decollare l’estensione al 2017 occorrerà l’autorizzazione della Commissione europea.

Ecobonus

Approvato in Commissione Bilancio della Camera anche un emendamento che prevede la possibilità di cedere l'ecobonus - la detrazione fiscale al 65% spettante per gli interventi di riqualificazione energetica - ai fornitori che hanno effettuato i lavori su parti comuni degli edifici condominiali.

La proposta è stata avanzata inizialmente dalla commissione Ambiente della Camera e dal Consiglio nazionale degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori (CNAPPC).

La misura, entrata nella stesura finale della manovra, permetterebbe quindi al condominio che effettua lavori di riqualificazione energetica sulle parti comuni di non usufruire direttamente dell’ecobonus del 65%, ma di cederlo all’impresa che realizza gli interventi in cambio di uno sconto immediato sui lavori. Un vantaggio per i condomìni, che altrimenti dovrebbero attendere dieci anni per beneficiare dell'agevolazione.

In caso di approvazione della norma in via definitiva, le modalità operative di tale cessione saranno definite con un provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate, da emanare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Stabilità 2016.

Photo credit: EU Social via Foter.com / CC BY-NC-SA

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti