DL 133-2014 Sblocca Italia: Senato, ok a incentivi cantieri, banda larga, PPP e project bond

 

Author: Luciana.Luciana / photo on flickr Aggiornamento 12.11.2014 Via libera definitivo del Senato alla legge di conversione del dl 133-2014 Sblocca Italia. Tra le misure previste, fondi per opere infrastrutturali cantierabili, credito d'imposta per gli investimenti nella banda ultralarga, misure per promuovere il ricorso a contratti di partenariato pubblico-privato (PPP) e i project bond.

Il testo prevede misure urgenti in materia di:

  • riapertura dei cantieri;
  • potenziamento delle reti autostradali e di telecomunicazioni;
  • ambiente, energia e mitigazione del dissesto idrogeologico;
  • semplificazione burocratica;
  • rilancio dell'edilizia,
  • miglioramento della funzionalità aeroportuale;
  • sostegno alle imprese.

Fondo Sblocca Cantieri

La legge di conversione prevede il rifinanziamento con 3 miliardi e 890 milioni di euro del Fondo Sblocca Cantieri e l’emanazione di uno o più decreti del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle finanze, per l'assegnazione delle risorse.

Inoltre, per favorire la realizzazione delle opere segnalate dai Comuni alla Presidenza del Consiglio, sono esclusi dal patto di stabilità interno i pagamenti effettuati dagli enti locali per gli investimenti connessi ai lavori segnalati, entro il limite di 250 milioni di euro per l’anno 2014.

Banda ultralarga

Fino al 31 dicembre 2015 è previsto un credito d’imposta IRES e IRAP, entro il limite massimo del 50% dell’investimento, per la realizzazione di interventi infrastrutturali in reti di comunicazione elettronica a banda ultralarga.

Sono ammessi al credito d’imposta gli interventi infrastrutturali per i quali non siano previsti contributi pubblici a fondo perduto, destinati alla realizzazione di servizi a banda ultralarga all’utente.

Contratti di partenariato pubblico-privato (PPP)

La legge modifica la disciplina degli incentivi fiscali per la realizzazione di nuove infrastrutture con il ricorso a contratti di partenariato pubblico-privato (PPP), ampliandone l'ambito alle opere previste in piani o programmi approvati da amministrazioni pubbliche e riducendo da 200 a 50 milioni di euro il valore dell'opera al di sopra del quale viene concesso l'incentivo. Il valore delle opere non di rilevanza strategica nazionale previste in piani o programmi approvati da amministrazioni pubbliche non può superare l'importo di 2 miliardi di euro.

Tre le modalità di sostegno alla realizzazione di nuove opere:

  • in via sperimentale, un credito d’imposta per nuove opere di importo superiore a 200 milioni di euro da realizzare con contratti di partenariato pubblico privato, a valere sull’IRES e sull’IRAP generate in relazione alla costruzione e gestione dell’opera stessa;
  • l’esenzione dal pagamento del canone di concessione, sempre per nuove opere di importo superiore a 200 milioni di euro con i requisiti sopra descritti, cumulabile con il credito d'imposta;
  • in alternativa alle prime due misure, la defiscalizzazione delle nuove opere incluse in piani o programmi di amministrazioni pubbliche previsti a legislazione vigente, che consiste nella possibilità di compensare le imposte con quanto dovuto dalla PA a titolo di contributo pubblico a fondo perduto.

Tassazione agevolata dei project bond

Il testo prevede l’applicazione di un’imposta sostitutiva con aliquota al 12,5% sulle emissioni obbligazionarie effettuate nei tre anni successivi al 26 giugno 2012 da parte delle società di progetto per finanziare gli investimenti in infrastrutture o nei servizi di pubblica utilità.

La legge modifica anche la disciplina dei project bond, contenuta nell’articolo 157 del Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture (decreto legislativo 163/2006), in primo luogo precisando la nozione di “investitori qualificati” cui è riservata la detenzione e circolazione delle obbligazioni.

Links
Relazione illustrativa del Senato sulla legge di conversione del decreto-legge Sblocca Italia

Aggiornamento 12.11.2014
Il Testo della legge n. 133-2014, conversione del dl Sblocca Italia è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell'11 novembre 2014

Photo credit: Luciana.Luciana / Foter / CC BY

Per leggere il contenuto prego
o