FASI: Funding Aid Strategies Investments

Erasmus+: approvato il work programme 2023. In arrivo nuovi bandi

 

Erasmus+ work programmeIl programma di lavoro Erasmus+ 2023 stanzia per il prossimo anno oltre 4 miliardi di euro per la realizzazione di interventi nel campo della formazione, dell'istruzione, della gioventù e dello sport, che saranno finanziati con appositi inviti a presentare proposte, di prossima pubblicazione.

Cosa finanzia il programma Erasmus+

Come per gli altri programmi di finanziamento europei, il work programme Erasmus+ 2023 è un documento strategico di fondamentale importanza - che precede il lancio dei bandi - dove possiamo trovare le principali informazioni (budget, interventi ammissibili, beneficiari, ecc) sulle call in arrivo.

Un'attenta lettura del programma di lavoro permette di individuare - ancor prima della pubblicazione dei bandi - le opportunità di finanziamento su cui puntare, consentendo ai soggetti interessati di pianificare gli investimenti e di ottimizzare tempi e risorse per la redazione di una proposta progettuale di successo.

Fondi europei per formazione, gioventù e sport: cosa finanzia il programma di lavoro Erasmus+ 2023?

A disposizione ci sono più di 4,1 miliardi di euro, ripartiti tra i vari settori che fanno capo al programma Erasmus+: istruzione e formazione (cui spetta l'83% del budget), gioventù (10,3%) e sport (1,3%).

La quota restante delle risorse è destinata alle agenzie nazionali e a interventi di supporto.

Erasmus+

Per la messa a terra dei fondi europei, invece, sono previste due tipologie di procedure:

  • a gestione indiretta: per le azioni implementate dalle Agenzie nazionali
  • a gestione diretta: attraverso bandi per l'erogazione di contributi, gare d'appalto, inviti per gli esperti e altre azioni a gestione UE.

Nella cornice delle azioni a gestione diretta si inserisce la 'General Call for Proposals', ossia il bando generale Erasmus+ che assorbe la maggior parte del budget del work programme e finanzia le principali azioni del programma:

  • Azione chiave 1 - mobilità ai fini dell'apprendimento
  • Azione chiave 2 - cooperazione tra organizzazioni e istituti
  • Azione chiave 3 - sostegno allo sviluppo delle politiche e alla cooperazione
  • Azioni Jean Monnet

Una volta pubblicato l'invito, i partecipanti dovranno tenere a mente - nella redazione delle proposte progettuali - le priorità trasversali individuate dalla Commissione europea per quest'anno, che sono: inclusività (anche dei rifugiati), biodiversità e clima, digitale, partecipazione alla vita democratica.

A queste si aggiungono poi una serie di priorità specifiche per settore, da far emergere nelle singole azioni.

Nel 2023 il programma Erasmus+ adotterà anche un approccio più strutturato per sviluppare sinergie con altri programmi europei, in particolare con il Fondo sociale europeo plus (FSE+), utilizzando il Seal of Excellence (marchio di eccellenza) per alcune misure.

Erasmus per le imprese: nel 2023 torna il bando Alleanze per l'innovazione

Ricordiamo che i bandi Erasmus+ sono di interesse non solo per studenti, giovani, scuole, istituti di formazione e università, ma anche per le imprese che vogliono sviluppare progetti di formazione.

Ad esempio, tramite il bando sulle Alleanze per l'innovazione è possibile finanziare interventi di cooperazione tra mondo dell'istruzione e aziende per rafforzare le competenze, anche in un determinato settore economico.

La call 2022 si chiude a metà settembre, ma ne è attesa una nuova per il 2023 con un budget di 62 milioni di euro ripartito tra due lotti:

  • Lotto 1: alleanze per l'istruzione e le imprese (30 milioni di euro)
  • Lotto 2: alleanze per la cooperazione settoriale sulle competenze (32 milioni di euro)

Consulta il work programme Erasmus+ 2023

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o