Formazione in agricoltura: UE valuta il contributo dei fondi europei della PAC

 

Agricoltura - Photo credit: Foto di Sasin Tipchai da Pixabay La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica sull'impatto della Politica agricola comune (PAC) 2014-2020 e in particolare dei fondi europei per lo sviluppo rurale sullo scambio di conoscenze, la formazione, la consulenza e la disseminazione dell'innovazione in agricoltura.

Contributi agricoltura: 8 miliardi di fondi europei per i bandi PSR dal 2021

Consultazione pubblica sulle misure PSR per formazione, consulenza e innovazione

L'obiettivo della nuova consultazione pubblica sulla Politica agricola comune (PAC) è raccogliere informazioni e feedback dalle parti interessate su tutte quella misure orizzontali di accompagnamento dei Programmi di sviluppo rurale (PSR) che mirano all'informazione, alla formazione e all'assistenza degli agricoltori e a promuovere lo sviluppo e la diffusione delle innovazioni nel settore agricolo.

Tra queste rientrano la Misura 1 e la Misura 2 dei PSR, dedicate, rispettivamente, al trasferimento di conoscenze e alle azioni d’informazione e ai servizi di consulenza e assistenza alle imprese agricole. Misure che finanziano corsi, visite guidate, attività dimostrative, consulenze tecnico-professionali, per migliorare la competitività e le performance economiche e ambientali delle aziende.

Sviluppo rurale – dimezzati i fondi PSR per la consulenza in agricoltura

Nella lista rientrano però anche le azioni di cooperazione, ad esempio nell'ambito del PEI, il Partenariato europeo per l'innovazione in agricoltura, che mette insieme imprese agricole, ricercatori, consulenti e aziende della trasformazione e commercializzazione per favorire lo scambio di buone pratiche e conoscenze. Senza dimenticare, naturalmente, l'assistenza tecnica.

Sulla base degli esiti della consultazione, la Commissione elaborerà una valutazione globale circa il funzionamento di queste misure e il loro contributo all'obiettivo della PAC di "promuovere il trasferimento di conoscenze e l'innovazione nell'agricoltura, nella silvicoltura e nelle zone rurali".

La consultazione è rivolta in particolare ad agricoltori, operatori forestali e loro associazioni, autorità nazionali e regionali, soggetti che si occupano di formazione e consulenza in agricoltura, Ong e associazioni ambientaliste, ricercatori ed esperti, ma è aperta anche a singoli cittadini e organizzazioni che vogliono esprimere la propria posizione sul tema.

Il questionario può essere compilato in qualsiasi lingua ufficiale dell'Unione entro il 2 febbraio 2021.

> Cosa prevede l'accordo sulla PAC post 2020

> Partecipa alla consultazione pubblica sulla PAC

Photo credit: Foto di Sasin Tipchai da Pixabay 

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti