Green Deal e Energia: il calendario dei lavori europei da settembre

 

Renovation Wave - Foto di Jimmy Chan da PexelsL’edilizia sostenibile è la pietra da cui riparte la Commissione a settembre per proseguire la costruzione del Green Deal europeo. E non è un caso: la strategia che va sotto il nome di Renovation Wave, infatti, è fra quelle considerate essenziali per la ripresa post-Coronavirus.

Cosa prevede il Green Deal europeo

Cardini di Renovation Wave saranno le soluzioni per l'energia rinnovabile, il riscaldamento e il raffreddamento avanzato, la gestione dei rifiuti, la mobilità sostenibile e la coesione sociale. 

Attraverso un duplice supporto, normativo e finanziario, la strategia che sarà presentata a settembre intende centrare obiettivo di raddoppiare il tasso di rinnovo annuale del parco immobiliare esistente. Obiettivo che, sotto il profilo finanziario, si intende centrare tramite il raddoppiamento della finestra "Infrastrutture sostenibili" di InvestEU

Dopo aver raccolto le opinioni degli stakeholder, attraverso una consultazione pubblica che si è chiusa a inizio luglio, l’Esecutivo UE presenterà la strategia per l’efficienza in edilizia nel corso del mese di settembre. 

Sempre nel mese di settembre la Commissione dovrebbe presentare la strategia europea per l’eolico offshore e avvierà la valutazione dei Piani nazionali per l’energia e il clima (PNIEC). Valutazione prevista inizialmente per il mese di giugno, ma rinviata a causa dell’emergenza Covid-19. 

Le valutazioni europee sui PNIEC dei Ventisette dovrebbero contenere anche le “raccomandazioni” per integrare l’energia e il clima nei Piani nazionali di ripresa, che per l’Italia includerebbe la proroga del superbonus al 110%.

Entro fine anno è prevista inoltre la presentazione della strategia UE per la mobilità intelligente.

Per leggere il contenuto prego
o