UE: imprenditori vicinato meridionale, priorita' a crescita e lavoro

 

EU MED means businessSi è tenuta a Bruxelles, lo scorso 21 e 22 maggio, la prima edizione di "EU MED means business - definire il futuro dell'imprenditorialità nel Sud", evento organizzato dalla Commissione europea per definire le priorità d'azione in ambito crescita e occupazione.

> Fondi UE - bando 2019 per cooperazione nel Mediterraneo

Circa 150 giovani imprenditori, in eventi paralleli a Tunisi (Tunisia), Il Cairo (Egitto), Irdib (Giordania) e Rabat (Marocco), hanno formulato raccomandazioni per i responsabili politici della regione e dell'UE per superare gli ostacoli alla crescita economica e alla creazione di posti di lavoro.

Successivamente i partecipanti, esponenti di spicco dell'economia e promotori di cambiamento socioeconomico del vicinato meridionale dell'Europa, hanno votato per individuare le loro dodici principali priorità di azione in materia di investimenti, imprenditorialità e creazione di posti di lavoro.

EU MED means business – le priorità d'azione

Le principali linee di intervento consigliate dagli esperti durante l'evento mirano a:

  • creare un ecosistema impreditoriale efficacie;
  • attrarre maggiori investimenti esteri e nazionali e migliorare i livelli di creazione di posti di lavoro;
  • liberare il potenziale del settore privato, in particolare delle micro, piccole e medie imprese, che creano i nuovi posti di lavoro più sostenibili;
  • dare una spinta all'innovazione e favorire la creazione di nuove imprese;
  • permettere ai giovani di acquisire le competenze necessarie a sviluppare un mindset imprenditoriale;
  • attrarre e valorizzare i talenti, in quanto risorse preziose per gli imprenditori e per le aziende.

Tali raccomandazioni contribuiranno non solo ad elaborare i futuri approcci dell'UE, ma saranno anche trasmessi ai responsabili politici della regione da parte della Commissione europea, tramite l'Unione per il Mediterraneo (UpM), e potranno essere aggiornate in futuro.

> Fondi europei post 2020 - le proposte del Parlamento UE per l'azione esterna

Cooperazione UE: strumento europeo di vicinato

La cooperazione dell'UE, considerando la giusta combinazione adatta alle esigenze di ciascun paese partner, offre un'ampia gamma di strumenti per contribuire a creare opportunità economiche.

Fra questi, lo strumento europeo di vicinato (ENI) mira a promuovere una più intensa cooperazione politica, una democrazia radicata e sostenibile, una progressiva integrazione economica, nonché a rafforzare il partenariato con le società tra l'Unione e i paesi partner e, in particolare, l'attuazione di accordi di partenariato e di cooperazione, di accordi di associazione o di altri accordi già esistenti o futuri e di piani d'azione congiunti o di documenti equivalenti.

Il sostegno dell'Unione fornito a ciascun paese partner è basato su incentivi e differisce per forma e entità a seconda del paese. Dei 10,8 miliardi di euro stanziati per la regione attraverso lo strumento europeo di vicinato (ENI) per il periodo 2014-2020, quasi 4,2 miliardi di euro sono stati destinati finora alla cooperazione socio-economica. Tale importo aumenterà prima della fine dell'attuale periodo di bilancio e si prevede che raggiungerà il 50% circa della dotazione totale per il vicinato meridionale.

A ciò si aggiungono i finanziamenti messi a disposizione del vicinato meridionale europeo in diversi ambiti:

  • piano europeo per gli investimenti esterni (EIP) e piattaforma d'investimento per la politica di vicinato (NIP), ad esempio per facilitare l'accesso ai finanziamenti e modernizzare le infrastrutture essenziali nei settori dei trasporti e dell'energia,
  • 356 milioni di euro erogati attraverso l'ENI al programma Erasmus + nel vicinato meridionale (2014-2020),
  • 763,9 milioni di euro erogati nell'ambito del programma dell'UE per la ricerca e l'innovazione Horizon 2020, a favore di oltre 1500 partecipanti e di quasi 1200 progetti.

Azione esterna - Parlamento UE approva la sua posizione sul NDICI

Per leggere il contenuto prego
o