Appalti: intesa Accredia-UNI-ITACA per formazione di stazioni appaltanti

 

Appalti pubbliciObiettivo dell’accordo tra i tre Enti è rafforzare le competenze delle stazioni appaltanti sulla normazione tecnica e sulle valutazioni di conformità accreditate.

Concessioni - AGCM, all'Italia servono piu' gare e meno proroghe

È stato recentemente firmato da Accredia, l’Ente unico nazionale di accreditamento, UNI, l’Ente italiano di normazione, e ITACA, l’Istituto per l’innovazione e la trasparenza negli appalti e la compatibilità ambientale, un protocollo d’intesa volto a fornire alle stazioni appaltanti gli strumenti per una migliore conoscenza e fruizione delle disposizioni previste da Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. 50/2016).

In particolare, l'accordo prevede la collaborazione dei tre Enti nella realizzazione di attività di formazione, diffusione e aggiornamento sulla normazione tecnica e sulle valutazioni di conformità accreditate (certificazioni, prove e tarature).

Appalti - accordo AGCM, Bankitalia e CONSOB per procedure di gara congiunte

Le certificazioni accreditate 'a norma UNI' per la qualificazione degli operatori economici, delle stazioni appaltanti e come mezzi di prova per dimostrare la conformità dei prodotti o servizi ai requisiti richiesti dall'appalto, si legge nella nota ufficiale diffusa dai tre Enti, rappresentano una novità di rilievo nella disciplina degli appalti pubblici. Le certificazioni, infatti, non solo consentono di verificare le caratteristiche di servizi, materiali e prodotti ai requisiti richiesti ma permettono anche di semplificare i compiti delle stazioni appaltanti, che si affidano alle attività di verifica svolte dagli Organismi di certificazione e dai Laboratori, accreditati da Accredia.

Inoltre, il Codice prevede un criterio premiante per le stazioni appaltanti che introducono sistemi di gestione della qualità degli uffici e dei procedimenti di gara, certificati da organismi accreditati, finalizzato alla qualificazione delle stesse.

Codice Appalti: rivisti i criteri per l'iscrizione all’albo dei commissari

Per leggere il contenuto prego
o