Agenda digitale - Corte Conti UE valuta strategie banda larga

 

Agenda digitaleLa Corte dei Conti europea ha deciso di esaminare la politica UE in materia di banda larga e i progressi degli Stati membri

Agenda digitale - ok al Piano triennale per informatica nella PA

Agenda digitale - AgID cerca progetti open source delle PA 

Nel 2018 la Corte dei Conti europea pubblicherà una relazione con l'obiettivo di verificare se la Commissione UE e gli Stati membri sono a buon punto per conseguire gli obiettivi di Europa 2020 in materia di banda larga.

L’Agenda digitale europea del 2010 prevedeva di rendere la banda larga di base disponibile a tutti gli europei entro il 2013 e di assicurare una copertura con banda larga veloce a tutti i cittadini entro il 2020, nonché di far sì che il 50% delle famiglie europee utilizzasse la banda larga ultra-veloce entro il 2020.

Anche se, a giudizio della Commissione, nell’UE la copertura con banda larga è migliorata dal 2011, la situazione è molto diversa da uno Stato membro all’altro e tra aree rurali e aree urbane, sia in termini di copertura che di abbonamenti alla banda larga fissa.

Secondo studi della Commissione europea e della Banca europea per gli investimenti, si stima che saranno necessari fino a 270 miliardi di euro per conseguire i valori-obiettivo del 2020 nel settore.

"Il finanziamento dell’UE per infrastrutture per la banda larga ammonta ad oltre 11 miliardi di euro nell’attuale periodo di programmazione, affiancandosi agli investimenti degli operatori privati e ai finanziamenti pubblici degli Stati membri", ha affermato Iliana Ivanova, il membro della Corte dei Conti europea responsabile dell’audit. "La Corte verificherà, tra l’altro, se vi sia un rischio che i finanziamenti possano essere inadeguati al fine di conseguire gli obiettivi in materia di banda larga di Europa 2020".

Gli auditor della Corte valuteranno se gli Stati membri hanno elaborato ed attuato strategie adeguate per conseguire gli obiettivi in materia di banda larga stabiliti dalla Commissione e il grado di probabilità del conseguimento di tali obiettivi. Valuteranno anche in che misura la Commissione ha assistito e monitorato gli Stati membri nel conseguimento degli obiettivi in materia di banda larga.

I progetti da visitare sono ubicati in cinque Stati membri: Irlanda, Germania, Ungheria, Polonia e Italia. La pubblicazione della relazione di audit è prevista per la primavera del 2018.

Mercato unico digitale - consultazione pubblica su linee guida Ue

Photo credit: Foter.com

Per leggere il contenuto prego
o