UE - il punto sulla politica commerciale

 

Cecilia Malmstroem - Photo credit: European Committee of the Regions via Foter.com / CC BY-NC-SACecilia Malmstroem fa il quadro sugli accordi commerciali - presenti e futuri - tra Bruxelles e le principali economie mondiali.

Commercio - Eurostat, export Italia extra UE continua a crescere

Acciaio - industria, aumento import in UE colpa di dumping

In occasione dello European Business Summit di Bruxelles la commissaria europea al commercio Cecilia Malmstroem ha fatto il punto sul programma di politica commerciale UE e ha fornito un quadro dello stato dell'arte dei vari accordi, già siglati o in fase di negoziazione, tra l'Unione europea e alcuni dei suoi principali partner commerciali, quali: Stati Uniti, Cina, Canada, Giappone, America Latina, Asia sudorientale, Australia e Nuova Zelanda.

Partendo dagli Stati Uniti, la Malmstroem ha ricordato che i negoziati sul TTIP (il Partenariato transatlantico su commercio e investimenti) sono congelati da gennaio, dall'insediamento, cioè, dell'amministrazione Trump alla Casa Bianca.  Il responsabile USA per il commercio  è stato nominato appena una settimana fa, ha continuato la commissaria, e a questo punto entrambe le parti hanno bisogno di tempo per valutare e riflettere sulle prossime mosse, nell'auspicio che vi sia un terreno comune su cui muoversi e ambizioni condivise.

Per quanto riguarda la Cina, ha proseguito la responsabile per il commercio di Bruxelles, gli impegni da parte del governo sulla liberalizzazione non sono stati accompagnati da azioni concrete. Al di là di ciò che può affermare il presidente Xi,  ha detto la commissaria, Pechino è ancora lontana dall'essere un'economia di mercato.

L'UE, ha aggiunto la Malmstroem, continuerà a spingere per raggiungere con la Cina un accordo sugli investimenti, anche per sostenere le imprese europee che investono in Cina, le quali affrontano difficoltà e discriminazioni. In attesa di una possibile intesa, Bruxelles continuerà a garantire solidi strumenti di difesa commerciale, ha assicurato la commissaria.

Antidumping - acciaio, ancora dazi su Made in China a basso costo

Passando oltre, Cecilia Malmstroem ha ricordato che il CETA con il Canada è già concordato a livello dell'UE, mentre con Singapore e Vietnam Bruxelles è in procinto di ratificare ulteriori accordi.

Buoni progressi sono stati compiuti con il Giappone e il Mercosur, che, ha continuato la commissaria, hanno garantito sia l'impegno politico che quello tecnico per i colloqui. Si tratta, ha aggiunto, del quarto e del quinto blocco commerciale tra i più importanti al mondo.

Per quanto riguarda il Messico, vi è l'impegno condiviso di accelerare i colloqui e l'obiettivo di concludere l'accordo entro la fine di quest'anno. L'ASEAN (Associazione dei Paesi del Sud-est asiatico) e i suoi stessi membri - quali l'Indonesia - hanno recentemente dimostrato grande interesse per l'Unione europea. Infine, i colloqui con il Cile, l'Australia e la Nuova Zelanda dovrebbero auspicabilmente aprirsi in autunno.

Commercio - riforma accordo UE-Messico entro 2017

Photo credit: European Committee of the Regions via Foter.com / CC BY-NC-SA

Per leggere il contenuto prego
o