Made in Italy - SIMEST, sostegno a imprese all'estero

 

Business in Dubai - Photo credit: huskyte77 via Foter.com / CC BY-ND20 imprese finanziate per operazioni commerciali in 9 Paesi del mondo. Sono i numeri dell'attività di SIMEST ad aprile 2017.

Internazionalizzazione - Alti Potenziali, al via progetto ICE per PMI

Internazionalizzazione - India, dove investire e cosa esportare

SIMEST, società attiva nell'export credit che insieme a SACE costituisce il Polo unico dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP (Cassa Depositi e Prestiti), ha pubblicato i dati di aprile sulla sua attività per sostenere l’internazionalizzazione del Made in Italy

Il quarto mese dell'anno si è chiuso per la società con un portafoglio di 20 imprese finanziate per operazioni commerciali in 9 Paesi del Mondo:

  • Albania,
  • Canada,
  • Cina, 
  • Egitto,
  • Emirati Arabi,
  • India,
  • Indonesia, 
  • Messico, 
  • USA.

Di seguito, due esempi di strumenti messi a disposizione da SIMEST per aiutare le imprese italiane ad esportare il proprio business sui mercati esteri.

SIMEST - cosa serve alle imprese italiane all'estero?

Programmi di inserimento sui mercati extra-UE

Tra le 20 aziende italiane sostenute, due - Pantofola D’Oro e Agria Spa - hanno sottoscritto il prodotto "Programmi di inserimento sui mercati extra-UE", rispettivamente negli Stati Uniti e negli Emirati Arabi. La misura, lo ricordiamo, prevede il finanziamento a tasso agevolato delle spese per la realizzazione di un ufficio, show room, negozio o corner in un Paese extra UE e relative attività promozionali.

L'importo massimo finanziabile può raggiungere il 100% del totale preventivato ma non può superare il 25% del fatturato medio dell'ultimo triennio, fino a 2,5 milioni di euro. La durata del finanziamento è di 6 anni, di cui 2 di preammortamento.

Partecipazione al capitale di imprese extra UE

Un'altra imprese italiana - il Gruppo Fluorseals di Bergamo- ha firmato un accordo per l’acquisizione del 23% della società Fluorseals Asia Manufacturing attraverso la partecipazione di SIMEST a un aumento di capitale per un importo di 700mila euro, al fine di consolidare il proprio business in Oriente con l’apertura di un’unità produttiva in Cina.

Lo strumento "Partecipazione al capitale di imprese extra UE" è rivolto alle imprese di qualunque dimensione e prevede la partecipazione diretta di SIMEST fino al 49% del capitale dell'impresa estera, con sede in un Paese extra UE, e comunque non superiore alla partecipazione dell'impresa italiana promotrice.

L'acquisizione della partecipazione - della durata massima di 8 anni - può essere prevista in fase di:

  • costituzione della società estera,
  • aumento di capitale sociale,
  • acquisizione da terzi.

FDI Confidence Index - i Paesi preferiti dagli investitori esteri

Photo credit: huskyte77 via Foter.com / CC BY-ND

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti