Parlamento Ue – ridurre burocrazia su efficienza energetica e rinnovabili

 

Meno burocrazia, procedure semplificate e regimi di sostegno stabili. Sono alcune delle indicazioni del Parlamento Ue su rinnovabili e efficienza energetica.

Rinnovabili

Energia – Sefcovic, certificazione Ue per confronto prezzi bollette

Energia – Ue, carenze nei meccanismi di capacita'

La commissione Industria del Parlamento europeo vota due progetti di risoluzione non legislativa su rinnovabili ed efficienza energetica.

Rinnovabili

Nella risoluzione sui progressi in materia di energie rinnovabili, a cura dell'eurodeputata Paloma López Bermejo (GUE) gli eurodeputati della commissione Itre chiedono di ridurre le barriere amministrative e semplificare le procedure.

Il testo sottolinea in primo luogo una serie di ritardi accumulati a livello Ue in materia. A partire dai trasporti: l'obiettivo del 10% di energie rinnovabili entro il 2020 nel settore in questione è notevolmente in ritardo, in parte a causa delle sfide poste dall'uso dei biocarburanti come alternativa ai combustibili fossili, notano gli eurodeputati, che chiedono alla Commissione europea di sviluppare un quadro normativo atto a promuovere l'uso dei veicoli elettrici alimentati da fonti rinnovabili.

L'Ue procede a rilento anche nell'uso delle rinnovabili nel settore del riscaldamento e raffreddamento degli edifici, sottolinea il Pe, che chiede a Palazzo Berlaymont di colmare i vuoti normativi nel pacchetto legislativo rinnovabili post-2020.

Il tema è già parte del pacchetto in materia di sicurezza e sostenibilità energetica presentato dalla Commissione a febbraio, fra i pilastri dell'Unione dell'energia, la strategia Ue per costruire un sistema energetico integrato a livello Ue che garantisca gli approvvigionamenti, insieme alla riduzione delle emissioni e alla competitività delle imprese.

Nella risoluzione, inoltre, gli eurodeputati chiedono all'Esecutivo Ue di fornire agli Stati membri ulteriori incentivi e informazioni per favorire la cooperazione rafforzata e un sistema di governance forte, robusto e trasparente.

Le energie rinnovabili devono essere valutate sulla base della loro competitività, sostenibilità ed economicità, nota la commissione Itre, sottolineando l'importanza di regimi di sostegno alle rinnovabili stabili, non soggetti a cambiamenti con applicazione retroattiva, che alterano il ritorno sugli investimenti già effettuati, e basati sul principio costo-efficacia. 

> Risoluzione sui progressi in materia di energie rinnovabili

Efficienza energetica

Anche nella risoluzione sull'implementazione della direttiva Ue 2012/27 sull'efficienza energetica, curata dall'eurodeputato Markus Pieper (PPE) gli eurodeputati chiedono di ridurre la burocrazia. In particolare, la Commissione dovrebbe diminuire gli oneri amministrativi relativi agli obblighi di comunicazione, coordinare e migliorare le misure esistenti, facendo sì che vengano meno contraddizioni e lacune legislative. A preoccupare gli eurodeputati, infatti, sono sia l'elevata burocratizzazione del settore, sia gli alti costi dell'energia per PMI e privati.

La riduzione dei costi che si ottiene attraverso il risparmio energetico è annullata da prelievi nazionali speciali e obblighi di comunicazione complessi, si legge nel testo. Gli eurodeputati si dicono comunque soddisfatti dall'azione intrapresa dalla Commissione europea per aiutare gli utenti a controllare meglio i consumi energetici.

> Risoluzione sull'implementazione della direttiva Ue 2012/27 sull'efficienza energetica

Per leggere il contenuto prego
o