PA - al via sistema pubblico identita' digitale SPID

 

Il nuovo sistema di login permetterà a cittadini e imprese di accedere con un’unica identità digitale a tutti i servizi online delle PA

Login

> Piano Banda ultralarga - il testo dell'accordo quadro Stato-Regioni

> Agenda digitale – DESI 2016, Italia agli ultimi posti

Il sistema pubblico di identità digitale (SPID) previsto dalla riforma della PA diventa realtà. Oggi la conferenza stampa di presentazione da parte del ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione Marianna Madia, il direttore generale dell'Agenzia per l'Italia digitale (AgID) Antonio Samaritani, i responsabili delle amministrazioni che per prime consentiranno l’accesso ai propri servizi tramite SPID e i gestori di identità digitale già accreditati.

> Riforma PA - novita' su identita' digitale e pagamenti elettronici

Un solo login per l'accesso ai servizi online della PA

Obiettivo dello strumento è coniugare l'accessibilità ai servizi online delle PA con le esigenze della semplificazione, della sicurezza e della protezione dei dati personali.

L’identità SPID è infatti costituita da credenziali che, da una parte, garantiranno un accesso unico a tutti i servizi online delle Pubbliche amministrazioni utilizzando qualsiasi dispositivo (pc, tablet e smartphone), dall'altra, prevedono caratteristiche differenti in base al livello di sicurezza richiesto per l’accesso e non danno luogo alla profilazione dell’utente.

Nello specifico, sono previsti tre livelli di sicurezza, ognuno dei quali corrisponderà a tre diversi livelli di identità SPID:

  • l'identità SPID di primo livello permette l'autenticazione tramite ID e password stabiliti dall'utente,
  • l'identità SPID di secondo livello permette l'autenticazione tramite password e in più la generazione di una 'One time password' inviata all'utente,
  • l'identità SPID di terzo livello permette l'autenticazione tramite password più smart card.

Le Pubbliche amministrazioni e i privati definiranno autonomamente il livello di sicurezza necessario per poter accedere ai propri servizi digitali.

Come ottenere l'identità SPID

L’identità SPID deve essere richiesta agli Identity provider, o gestori dell'identità digitale, cioè soggetti privati accreditati dall'AgID che, nel rispetto delle regole emesse dall’Agenzia, verificano i dati dei richiedenti, forniscono le identità digitali, rilasciando le credenziali, e gestiscono l’autenticazione degli utenti.

Al momento i gestori di identità digitale individuati sono Poste Italiane con PosteID, Telecom Italia con TIMid e Infocert Spa, i cui amministratori delegati Francesco Caio, Marco Patuano e Danilo Cattaneo hanno partecipato alla conferenza stampa di presentazione di SPID.

Nel caso delle persone fisiche i dati da fornire all'Identity provider prescelto sono:

  • nome e cognome;
  • luogo e data di nascita;
  • documento d’identità utilizzato per la registrazione;
  • recapito telefonico;
  • indirizzo di posta elettronica;
  • domicilio fisico e digitale.

Nel caso delle persone giuridiche, invece, si richiedono:

  • codice fiscale o partita IVA;
  • sede legale;
  • ragione o denominazione sociale;
  • recapito telefonico;
  • indirizzo di posta elettronica;
  • domicilio fisico e digitale.

L'accessibilità tramite l'identità unica SPID sarà possibile già a partire da questo mese relativamente ai servizi online di dieci amministrazioni pubbliche centrali, tra cui INAIL, INPS e Agenzia delle Entrate, di sei Regioni (Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Liguria, Toscana e Marche) e del Comune di Firenze.

Il numero dei servizi accessibili crescerà nel tempo, con l'obiettivo, ha spiegato il ministro Madia durante la conferenza stampa, di permettere a ogni cittadino di accedere ad oltre 300 servizi online delle Pubbliche amministrazioni.

Author: GotCredit / photo on flickr

Per leggere il contenuto prego
o