PPP - consultazione MEF su schema di contratto standard

 

PPPE' aperta fino al 20 ottobre la consultazione del Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF) sullo schema di contratto standard tra Pubbliche amministrazioni e operatori privati per concessioni e servizi nell'ambito di un partenariato pubblico-privato (PPP).

Gli orientamenti della Commissione per gestire gli appalti in progetti UE

Come annunciato a luglio scorso, la Ragioneria generale dello Stato (RGS) ha avviato una consultazione pubblica online sulla Guida alle Pubbliche Amministrazioni per la redazione di un contratto di concessione di progettazione, costruzione e gestione di opere pubbliche nell'ambito di un partenariato pubblico-privato (PPP).

Il contratto standard, spiega il Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), è stato elaborato dal Gruppo di lavoro interistituzionale sul PPP coordinato dall'Ispettorato Generale per la Contabilità e la Finanza pubblica del Dipartimento della RGS e composto da rappresentanti della ragioneria stessa, dell’Istituto nazionale di statistica (ISTAT), dell'Autorità nazionale anticorruzione (ANAC), dell’Associazione nazionale Comuni italiani (ANCI) – IFEL Fondazione, della Presidenza del Consiglio dei ministri e dell’Università Bocconi. Hanno, infine, partecipato ai lavori su invito del MEF i rappresentanti di Cassa Depositi e Prestiti (CDP).

Oltre a sintetizzare le posizioni dei diversi soggetti istituzionali partecipanti al gruppo di lavoro, il documento, spiega il Ministero, rappresenta il risultato di un'attività di analisi, valutazione e recepimento dei contributi già pervenuti dagli stakeholder, a seguito di una precedente consultazione svolta a novembre 2015, ed è il frutto di un lavoro di aggiornamento e revisione dello schema di contratto in linea con le novità introdotte dal nuovo Codice Appalti (D.lgs. 50-2016) e con le indicazioni fornite dall'Istituto europeo di statistica (Eurostat) per la contabilizzazione fuori bilancio delle operazioni di PPP.

Codice Appalti - la posizione di FINCO sulla riforma

Lo schema di contratto messo a consultazione è accompagnato da una relazione illustrativa tesa ad assistere i soggetti interessati a partecipare nella comprensione delle singole clausole.

Il documento rimarrà aperto a consultazione fino al 20 ottobre. I contributi dovranno essere predisposti tramite uno specifico modulo elaborato dal MEF.

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti