Programma operativo 2007-2013 per la cooperazione territoriale transnazionale: Europa centrale

 
Il Programma di cooperazione territoriale europea relativo al periodo 2007-2013, intitolato “Europa centrale”, rientra nell'obiettivo comunitario “Cooperazione territoriale europea” ed è destinato alla cooperazione transnazionale fra otto Stati membri.  Il bilancio totale del programma supera i 298 milioni di euro, e il finanziamento comunitario nell'ambito del Fondo europeo di sviluppo regionale ammonta a circa 246 milioni di euro,  circa il 2,8% del totale degli stanziamenti comunitari destinati all'obiettivo della cooperazione territoriale europea nell'ambito della politica di coesione 2007-2013.

Gli Stati membri interessati sono:

  • la Repubblica ceca,
  • la Germania (territori nella zona orientale e nella zona meridionale),
  • l'Italia (territori del Nord-est),
  • l'Ungheria,
  • l'Austria,
  • la Polonia,
  • la Slovenia e la Slovacchia.
L'Ucraina (parte occidentale) prenderà anch'essa parte al programma stanziando risorse proprie ed avvalendosi inoltre del contributo dello strumento europeo di vicinato e partenariato.
 
La maggior parte dei partecipanti hanno già cooperato nell'ambito del programma "CADSES" INTERREG IIIB, suddiviso in due programmi separati per il 2007-2013: "Europa centrale" e "Europa Sud-orientale".
 
L'obiettivo generale del programma consiste nel rafforzare la coesione territoriale, promuovere l'integrazione interna e stimolare la competitività nell'Europa centrale, migliorarndo la competitività dell'Europa centrale rafforzando l'innovazione e le strutture di accessibilità, nonchè lo sviluppo territoriale in maniera equilibrata e sostenibile sviluppando la qualità dell'ambiente e migliorando l'attrattiva delle regioni e delle città.

È previsto che il programma contribuisca in maniera significativa al rafforzamento della coesione territoriale della zona, fornendo agli operatori pubblici e privati l'opportunità di trovare soluzioni congiunte a problemi comuni che valicano le frontiere regionali e nazionali.

Il programma si articola nelle seguenti priorità:

Priorità 1: Facilitare l'innovazione nell'Europa centrale [circa il 20% del finanziamento totale]

L'obiettivo principale di questa priorità consiste nel creare, in tutta la zona di riferimento del programma, un contesto favorevole per l'innovazione e l'imprenditorialità. Il potenziale della zona in questo campo è significativo, tuttavia si registrano variazioni notevoli all'interno della zona dell'Europa centrale. I partner intendono sostenere progetti che favoriscono la cooperazione lungo tutta la catena dell'innovazione.

Priorità 2: Migliorare l'accessibilità dell'Europa centrale e al suo interno [circa il 26% del finanziamento totale]

L'Europa centrale è caratterizzata da livelli variabili di accessibilità, con una classifica che va da regioni molto accessibili a zone rurali e periferiche meno accessibili. Questa priorità fornirà un sostegno ai principali operatori dei trasporti affinché collaborino per definire le priorità che occorre affrontare per incrementare l'interconnettività e l'interoperabilità nell'Europa centrale. Dal momento che il programma non dispone di fondi sufficienti per investire in progetti di grandi infrastrutture, i partner saranno sollecitati a elaborare piani concreti di investimento da presentare ad altre fonti di finanziamento nazionali o europee. La priorità interesserà anche l'aspetto della sostenibilità e, in quanto tale, privilegerà le soluzioni con emissioni zero.

Priorità 3: Un uso responsabile dell'ambiente [circa il 26% del finanziamento totale]

La regione interessata dal programma è caratterizzata da zone ad alto rischio in termini di disastri naturali, quali inondazioni o incidenti causati dall'uomo. Essa presenta inoltre un importante patrimonio naturale e culturale che deve essere protetto e gestito in collaborazione. Questa priorità fornirà un finanziamento a progetti nel settore della gestione dei rischi e della prevenzione, della gestione delle risorse, dell'efficienza energetica, ecc.

Priorità 4: Migliorare la competitività e la capacità di attrazione delle città e delle regioni [circa il 22% del finanziamento totale]

È possibile migliorare la qualità della vita nell'Europa centrale rafforzando la capacità delle regioni e delle città in termini di pianificazione particolare e pianificazione urbana. Conseguentemente saranno promossi gli scambi di buone pratiche e soluzioni comuni, al fine di migliorare la pianificazione particolare a livello locale e regionale. Un altro importante aspetto di questa priorità consiste nel capitalizzare l'ampia disponibilità di risorse culturali esistenti.

Priorità 5: Assistenza tecnica [circa il 6% del finanziamento totale]

È prevista un'assistenza tecnica per l'attuazione del programma. È disponibile inoltre un sostegno finanziario per coprire l'amministrazione, il monitoraggio, la valutazione e il controllo.

Suddivisione del finanziamento per priorità (in euro):

Priorità

Contributo UE

Contributo pubblico nazionale

Totale del contributo pubblico

1. Facilitare l'innovazione nell'Europa centrale

49 202 215

10 077 562

59 279 777

2. Migliorare l'accessibilità nell'Europa centrale e della stessa

63 962 879

13 100 831

77 063 710

3. Utilizzare l'ambiente in maniera responsabile

63 962 879

13 100 831

77 063 710

4. Migliorare la competitività e la capacità di attrazione delle città e delle regioni

54 122 437

11 085 318

65 207 755

5. Assistenza tecnica

14 760 664

4 920 221

19 680 885

Totale

246 011 074

52 284 763

298 295 837

Autorità di gestione
L'istituzione incaricata dell'attuazione generale del programma è la città di Vienna in Austria, selezionata a questo scopo dagli otto Stati membri partecipanti. Il segretariato tecnico congiunto del programma sarà integrato nell'amministrazione comunale di Vienna.
(Fonte: Europe Press Releases)

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti