Marco Polo II

 

Il programma è volto a ridurre la congestione stradale, a migliorare le prestazioni ambientali del sistema di trasporto e a potenziare il trasporto intermodale, contribuendo in tal modo ad un sistema di trasporti efficace e sostenibile che dia valore aggiunto all’Unione europea, senza conseguenze negative per la coesione economica, sociale o territoriale.

Il programma prevedere azioni di sostegno destinate al settore del trasporto merci, della logistica e ad altri mercati rilevanti, tenendo conto delle necessità delle piccole e medie imprese contribuendo a trasferire il traffico internazionale di merci su strada verso il trasporto marittimo a corto raggio, il trasporto ferroviario e per vie d’acqua interne, o verso una combinazione di questi modi di trasporto, dove i percorsi stradali siano i più brevi possibili.

Lo strumento Marco Polo II prevede diversi tipi di azioni, che dovranno contribuire a un trasferimento modale misurabile e sostenibile, e ad una migliore cooperazione nel mercato intermodale.

Possono essere finanziate dal programma le seguenti azioni:

  • azioni catalizzatrici, con specifico riferimento a quelle volte a migliorare le sinergie nei settori ferroviario, delle vie d’acqua interne e del trasporto marittimo a corto raggio, comprese le autostrade del mare, mediante un miglior utilizzo delle infrastrutture esistenti;
  • azioni per le autostrade del mare; possono comprendere la modifica o la creazione delle infrastrutture ausiliarie necessarie per realizzare un servizio di trasporto intermodale marittimo di grande volume e con frequenza elevata. L’azione comprende preferibilmente l’impiego delle modalità di trasporto più ecologiche, quali le vie d’acqua interne e le ferrovie per il trasporto di merci nell’hinterland e servizi integrati porta a porta; se possibile, andrebbero integrate anche le risorse delle regioni ultraperiferiche.
  • azioni di trasferimento fra modi, volte a trasferire il traffico dalla strada al trasporto marittimo a corto raggio, al trasporto ferroviario e per vie d’acqua interne o a una combinazione di modi di trasporto in cui i percorsi stradali sono i più brevi possibile, e diversa dalle azioni catalizzatrici; essa include azioni in cui il trasferimento tra modi è originato dallo sviluppo di un servizio esistente, la Commissione esamina la possibilità di assicurare un sostegno ai progetti di infrastrutture ausiliarie;
  • azioni per la riduzione del traffico, è una misura innovativa integrante il trasporto nelle logistiche di produzione per evitare il trasporto su strada di un’elevata percentuale di merci, senza ripercussioni negative sulle capacità globali di produzione o sull’occupazione, questo tipo di azioni può comprendere la modifica o la creazione di infrastrutture ausiliari e di impianti;
  • azioni comuni di apprendimento, volte a migliorare la cooperazione, al fine di ottimizzare in maniera strutturale i metodi e le procedure di lavoro nella catena del trasporto merci, tenuto conto delle esigenze logistiche.

Il Programma si applica ad azioni:
- che riguardano il territorio di almeno due Stati membri;
- che riguardano il territorio di almeno uno Stato membro e quello di un paese terzo vicino.

I progetti possono essere presentati da consorzi composti da due o più persone giuridiche stabilite in uno Stato membro dell’UE, in un paese candidato, in un paese membro dell’EFTA o del SEE e in un paese terzo limitrofo.

La dotazione finanziaria per l’esecuzione del programma Marco Polo II, per il periodo tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2013, è pari a 400.000.000 di EUR.

Per maggiori informazioni consultare la Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea.

2007 work programme

2008 work programme

2009 work programme

2010 work programme

2011 work programme

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti