Lazio: Programma 2010-2011 degli interventi a sostegno dell’internazionalizzazione delle Pmi

 

World icon - immagine di BertoIn linea con la Legge Regionale n. 5/2008, attraverso il Programma degli interventi di sostegno dell'internazionalizzazione delle PMI, annualità 2010/2011, la Regione Lazio definisce le aree target, i paesi prioritari ed i settori focus, ed individua gli interventi indiretti e diretti da realizzare in tema di internazionalizzazione.

Il Programma mira a:

  • attuare una politica regionale organica, incrementare l'export regionale ed accrescere il livello di proiezione internazionale del sistema delle Pmi laziali;
  • orientare gli interventi regionali su settori e aree selezionate;
  • incentivare e sostenere il processo di creazione di "reti imprenditoriali" fortemente orientate alla cooperazione internazionale.

L'art. 5 della Legge n. 05/2008 individua Sviluppo Lazio Spa quale soggetto attuatore degli interventi in materia di internazionalizzazione delle Pmi, attraverso la predisposizione di progetti specifici che dovranno tener conto delle priorità stabilite dal Programma per quanto attiene a:

- Azioni
In base a quanto previsto dall'art. 2 della citata legge, si distinguono:

  • interventi indiretti, ovvero azioni regionali, attuate in accordo con altri enti ed organismi a livello regionale e statale, che vanno indirettamente a portare vantaggi competitivi alle imprese laziali che operano con l'estero (organizzazione di incontri di business per favorire lo scambio e la creazione di partnership economiche, commerciali e produttive, attività di promozione del sistema economico laziale, incoming di delegazioni estere per visite sul territorio regionale ad aziende e siti produttivi, realizzazione di progetti di Info-formazione per le Pmi, partecipazione collettiva ad importanti manifestazioni fieristiche internazionali o nazionali, ecc.),
  • interventi diretti, che si concretizzano nella concessione di contributi alle Pmi laziali attraverso appositi bandi, per consentirne un livello di competitività più elevato;

- Mercati e settori
Una buona strategia non può prescindere dalla selezione dei mercati (in termini di Aree geografiche e Settori di attività: le prime scelte in base al maggior potenziale commerciale e in rapporto alle linee guida del Ministero dello Sviluppo Economico per le scelte del programma promozionale del Made in Italy; i secondi principalmente in base all'analisi della bilancia commerciale ISTAT e della partecipazione reale delle imprese del territorio alle iniziative passate e dei risultati conseguiti) in cui risulta utile ed efficace l'affiancamento al sistema e, in particolare, alla piccola e media impresa;

- Strumenti a disposizione
Schede-progetto delle singole attività predisposte dal soggetto attuatore, azioni trasversali che interesseranno più Paesi e settori, interventi regionali indiretti, per cui Sviluppo Lazio Spa stipulerà convenzioni ad hoc con altri partner pubblici o privati, un bando per il finanziamento dei processi di internazionalizzazione delle Pmi nel Lazio in forma aggregata;

- Monitoraggio
Ogni singola iniziativa sarà monitorata da Sviluppo Lazio nei confronti dei partecipanti (imprese, associazioni, organismi terzi partecipanti alle iniziative) attraverso la predisposizione di apposita scheda di rilevamento dei risultati attesi e delle prospettive future.

Con successive determinazioni sarà approvato il programma di attività (art. 5, co. 1, L.R. 05/2008) e il bando per la concessione dei contributi (art. 4, co. 2 della citata Legge) e saranno trasferite a Sviluppo Lazio Spa le somme stanziate, pari a 537.500 euro a valere sul bilancio regionale 2011.

Programma degli interventi di sostegno dell'internazionalizzazione delle PMI (BUR n. 27 del 21 luglio 2011, pag. 22)

Legge Regionale n. 05/2008

Per leggere il contenuto prego
o