Emilia-Romagna: oltre 30 milioni dal fondo nazionale per le non autosufficienze

 

Wheelchair - Foto di U.S. Navy photoLa Regione ha approvato il Piano attuativo degli interventi da realizzare a valere sulle risorse del Fondo nazionale per le non autosufficienze (annualità 2010) e la ripartizione delle stesse, pari a 30,1 milioni di euro, tra gli Enti attuatori per ambito distrettuale.

Le disponibilità assegnate dal Ministero delle politiche sociali saranno impiegate congiuntamente a quelle del Fondo regionale per la non autosufficienza (FRNA), in modo da garantire la copertura dei fabbisogni della programmazione territoriale e il raggiungimento degli obiettivi principali del Piano:

  • il consolidamento degli interventi socio-sanitari e socio-assistenziali, con riferimento prioritario alla domiciliarità, ad esempio mediante l'assegno di cura a favore delle persone con disabilità;
  • il potenziamento dei punti unici di accesso alle prestazioni e ai servizi e del percorso di presa in carico dell'assistito, in primo luogo incrementando le risorse umane impiegate nella cura delle persone non autosufficienti.

Destinatari delle risorse sono gli Enti capofila dei Piani di zona, o altri soggetti pubblici designati all'attuazione del programma, che dovranno realizzare prioritariamente i seguenti interventi di mantenimento al domicilio:

  • contributo per la regolarizzazione delle assistenti domiciliari;
  • assegno di sostegno per disabili di cui alla DGR n. 1122/02;
  • accoglienza temporanea di sollievo in strutture residenziale e semi-residenziali;
  • servizi a sostegno del programma individualizzato di vita e di cura;
  • sostegno a progetti assistenziali individuali presso strutture residenziali non convenzionate.

Piano attuativo degli interventi da realizzare a valere sulle risorse del Fondo nazionale per le non autosufficienze 2010 - BUR n. 8 del 19.01.2011 p. 5

Per leggere il contenuto prego
o