PON Ambienti per l'apprendimento 2007–2013

 
Il Programma Operativo Nazionale Ambienti per l'apprendimento 2007-2013 è finalizzato a migliorare l’accessibilità e l’attrattività delle strutture scolastiche per gli studenti e per gli adulti. Il Programma ha una dotazione complessiva di 495.309.830 Euro (di cui il 50% di contributo comunitario FESR).

Il presente Programma si pone, nell settore istruzione, l’obiettivo prioritario di migliorare la qualità del servizio scolastico nelle aree dell’obiettivo Convergenza, arricchendo le infrastrutture scolastiche:

  • con interventi finalizzati al risparmio energetico e alla ecosostenibilità,
  • con il rinnovamento e l'integrazione degli impianti sportivi,
  • con l'implementazione dei laboratori tecnologici e didattici per l’apprendimento, per creare migliori opportunità formative per i docenti, per gli studenti e gli adulti,
  • con una qualificazione e diversificazione dell’offerta formativa che permetta di migliorare le competenze e fare emergere anche le intelligenze e le eccellenze.

Il Programma, inoltre, concorre al raggiungimento degli obiettivi generali individuati dal QSN, trovando un naturale completamento e correlazione nelle iniziative del PON finanziato con il FSE a titolarità del Ministero della Pubblica Istruzione. In particolare, la strategia del presente Programma fa riferimento alla Priorità 1 del QSN ed al quadro di obiettivi generali individuati al fine di raggiungere risultati diffusi in merito a:

  • rafforzare, integrare e migliorare la qualità dei sistemi d’istruzione, formazione e lavoro e il loro collegamento con il territorio;
  • innalzare i livelli di apprendimento e di competenze chiave, l’effettiva equità di accesso ai percorsi migliori, aumentare la copertura dei percorsi di istruzione e formazione iniziale;
  • aumentare la partecipazione a opportunità formative lungo tutto l’arco della vita. 
Il raggiungimento di questi obiettivi è collegato alla disponibilità e qualità dei mezzi e degli strumenti per attuarli, cioè la qualità delle infrastrutture e dei luoghi dell’apprendere e dell’insegnare, la ricchezza e versatilità delle attrezzature e l’accessibilità e attrattività degli ambienti scolastici. E’ contestualmente necessaria, quindi, una forte integrazione tra le iniziative previste nel PON FSE e quelle del PON FESR, nonché con i PO regionali.
 
A tale scopo il contributo del FESR è orientato ad iniziative finalizzate ad avere importanti effetti sul miglioramento del servizio scolastico attraverso i seguenti obiettivi specifici:
  • promuovere e sviluppare la Società dell’informazione e della conoscenza nel sistema scolastico;
  • migliorare la qualità delle strutture scolastiche, ivi compresa la sostenibilità ambientale e dei servizi complementari alla didattica.
Il Ministero ha individuato due modalità di intervento:
  • interventi capillarmente diffusi e realizzati da tutte le scuole per i propri studenti, docenti e l’utenza adulta nell’ambito del loro naturale bacino d’utenza finalizzate a migliorare la qualità del servizio scolastico;
  • iniziative orientate a promuovere e sostenere l’azione di istituti scolastici che svolgono una funzione di capofila di una rete al fine di svolgere una funzione di centri catalizzatori dell’innovazione e di promuovere la creazione di reti con le scuole e con gli altri soggetti presenti sul territorio.

Il Programma operativo si impernia sui seguenti assi prioritari:

Asse 1: Società dell’informazione e della conoscenza
Con questa priorità si intende:
- incrementare le dotazioni tecnologiche e le reti delle istituzioni scolastiche;
- incrementare il numero dei laboratori per migliorare l’apprendimento delle competenze chiave, in particolare quelle matematiche, scientifiche e linguistiche;

Asse 2: Qualità degli ambienti scolastici

Con questa priorità si intende:
- incrementare la qualità delle infrastrutture scolastiche, l’ecosostenibilità e la sicurezza degli edifici scolastici;
- potenziare le strutture per garantire la partecipazione delle persone diversamente abili e quelli finalizzati alla qualità della vita degli studenti;
- promuovere la trasformazione delle scuole in centri di apprendimento polifunzionali accessibili a tutti;
- potenziare gli ambienti per l’autoformazione e la formazione degli insegnanti;

Asse 3: Assistenza tecnica
Con questa priorità si intende:
- migliorare l’efficienza, efficacia e la qualità degli interventi finanziati, nonché la verifica e il controllo degli stessi;
- migliorare e sviluppare forme e contenuti dell’informazione e pubblicizzazione del programma, degli interventi e dei suoi risultati.

Ripartizione finanziaria per asse prioritario (in euro)

Assi prioritari

Contributo UE

Contributo nazionale pubblico

Totale contributo pubblico

1. Società dell’informazione e della conoscenza

118.874.359

118.874.359

237.748.718

2. Qualità degli ambienti scolastici

118.874.359

118.874.359

237.748.718

3. Assistenza tecnica

9.906.197

9.906.197

19.812.394

Totale

247.654.915

247.654.915

495.309.830


Forme di finanziamento

Forme di finanziamento FESR

EURO

%

Aiuto non rimborsabile

247.654.915

100,00

Aiuto (prestiti, interessi, garanzie)

Non ricorre

20,00 

Capitale di rischio (partecipazione, fondo di capitale di rischio)

Non ricorre

15,00

Altre forme di finanziamento

Non ricorre

0,00

TOTALE

247.654.915

100,00

(Fonte: MSE, PON Ambienti per l'apprendimento 2007-2013)

Per leggere il contenuto prego
o