Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi terzi: adottati i bandi 2011

 

African people - foto di dodmedia.osd.milA partire dal 6 dicembre 2011 ed entro i mesi di gennaio e febbraio del 2012 sarà possibile inviare proposte per la realizzazione di progetti a valenza territoriale finanziati dal Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi terzi (FEI), nell’ambito del Programma Annuale 2011. Sei le Azioni attivate nell'ambito del Programma annuale 2011, più un progetto pluriennale in riferimenti ai Programmi 2010, 2011, 2012, per risorse complessive complessive che superano i 16 milioni di euro.

Nello specifico, gli avvisi intendono attuare:

- nell’ambito della Priorità 1 – “Attuazione di azioni destinate ad applicare i principi fondamentali comuni della politica di integrazione degli immigrati nell'UE”:

  • l'Azione 1 - “Formazione linguistica ed educazione civica”, con risorse pari a 4 milioni di euro. L'obiettivo è diffondere l’alfabetizzazione e l’apprendimento della lingua italiana L2, la cui conoscenza rappresenta uno strumento fondamentale per l’inserimento sociale e l’esercizio dei diritti e doveri dei cittadini di paesi terzi.

  • l'Azione 2 - “Orientamento al lavoro e sostegno all’occupabilità”, con risorse pari a 2,25 milioni di euro. L'obiettivo è promuovere l’occupabilità al lavoro di cittadini di paesi terzi in condizione di disagio occupazionale, tramite servizi di informazione, orientamento al lavoro e valorizzazione delle competenze informali, attraverso l’attivazione di servizi individuali personalizzati mirati e finalizzati alla promozione dell’occupazione.

  • l'Azione 3 - “Progetti giovanili”, con risorse pari a 4,1 milioni di euro. L'obiettivo è qualificare l’offerta didattica ed i servizi di sostegno per i gli alunni stranieri che, specialmente a seguito del loro ingresso in Italia, manifestano bisogni specifici di accompagnamento e formazione, necessari a garantire l’effettività del loro diritto all’istruzione e la loro piena integrazione sociale.

  • l'Azione 4 - “Promozione dell’accesso all’alloggio”, con risorse pari a 1,8 milioni di euro. L'obiettivo è favorire l’accesso all’alloggio da parte di cittadini stranieri regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale, tramite l’erogazione di servizi di informazione, orientamento ed accompagnamento da attivare a livello locale.

  • l'Azione 6 - “Mediazione sociale e promozione del dialogo interculturale”, con risorse pari a 2,3 milioni di euro. L'obiettivo è promuovere interventi di mediazione sociale e gestione dei conflitti sociali in ambito locale e urbano, promuovendo l’accesso ai servizi e favorendo la conoscenza ed accettazione reciproca tra società d’accoglienza e collettività straniere.

- nell’ambito della Priorità 3 – “Consolidamento delle capacità politiche e di coordinamento, miglioramento delle competenze a livello interculturale negli Stati membri a tutti i livelli e in tutti i settori delle amministrazioni pubbliche”:

  • l'Azione 8 - “Capacity building”, con risorse pari a 1,2 milioni di euro. L'obiettivo è migliorare i livelli di gestione ed erogazione dei servizi pubblici ed amministrativi rivolti ai cittadini di paesi terzi, nonché promuovere interventi di mainstreaming che prevedano l’inserimento dei temi dell’integrazione nella programmazione e nell’attuazione degli interventi di politica sociale.

Per tutte le Azioni, i progetti potranno essere presentati esclusivamente da soggetti con dimostrata e pluriennale esperienza operativa nell’ambito delle attività oggetto dell'avviso specifico - Enti locali, Fondazioni, Organismi governativi o intergovernativi, Organismi ed organizzazioni internazionali, ONG, Associazioni o ONLUS, Cooperative operanti nel settore di riferimento, Organismi di diritto privato senza fini di lucro, Associazioni sindacali, datoriali, organismi di loro emanazione/derivazione, Sindacati, A.S.L., Aziende Ospedaliere, Università, Istituti di Ricerca, Istituti e scuole pubbliche di istruzione primaria e secondaria - entro le ore 18:00 del 21 febbraio 2012.

Infine, vi è la procedura di selezione di progetti finalizzati ad attuare le Azioni 9 - Scambio di esperienze e buone pratiche, individuate nei Programmi annuali 2010, 2011, 2012 (anche se il Programma annuale FEI 2012 è in corso di definizione e soggetto ad approvazione da parte della Commissione Europea), con risorse pari a 450 mila euro.
Si tratta di un progetto pluriennale che intende promuovere la costituzione di un Osservatorio sull’inclusione finanziaria dei migranti, in collaborazione con l’Abi, Associazione Bancaria Italiana.
Potranno presentare i progetti, entro le ore 18:00 del 31 gennaio 2011, esclusivamente i seguenti soggetti, con dimostrata e pluriennale esperienza operativa nell’ambito delle attività oggetto dell'avviso:

  • Fondazioni,
  • Organismi governativi o intergovernativi,
  • ONG,
  • Associazioni o ONLUS,
  • Cooperative,
  • Organismi di diritto privato senza fini di lucro,
  • Università e Istituti di Ricerca.

Tutti i proponenti potranno presentare i progetti esclusivamente mediante procedura telematica, accedendo tramite il sito del Ministero dell’Interno; dovranno, a tal fine, dotarsi di casella di posta elettronica certificata (PEC) e firma digitale.

Links

Il Fondo Europeo per l'Integrazione dei cittadini di Paesi terzi (FEI)

Programma Annuale 2011

DECRETO 24 novembre 2011- Ripartizione delle dotazioni relative al Fondo Europeo per l'integrazione di cittadini dei paesi terzi, del programma annuale 2011 (GU n. 288 del 12-12-2011)

DECRETO 29 novembre 2011 - Adozione degli avvisi pubblici per la presentazione di progetti a valenza territoriale finanziati a valere sul Fondo Europeo per l'Integrazione di cittadini di Paesi terzi (GU n. 288 del 12-12-2011)

DECRETO 30 novembre 2011 - Adozione dell'avviso pubblico per la presentazione di progetti finanziati a valere sui Programmi annuali 2010, 2011 e 2012 del Fondo Europeo per l'Integrazione di cittadini di Paesi terzi (GU n. 288 del 12-12-2011)

Per leggere il contenuto prego
o