×
Ricevi Bandi e News nella tua ...

oppure accedi con
Filters
×
Pubblicato
17 May 2019

Beneficiari e Finalitá

Stato agevolazioni
Inattive
Dimensione beneficiari
Non Applicabile
Organizzazione
Privato
Settori
Costruzioni, Sociale
Finalita'
Sicurezza, Tutela ambientale
Ubicazione Investimento
Europe, Italy, Lombardia

Incentivi e Spese

Tipologia agevolazione
Contributo
Tags
Amianto, Edifici privati
Left Column
×

Statistiche

  • Agevolazioni Attive : 1320
  • Schede Agevolazioni : 32107
  • Utenti Network : 70585
  • Articoli : 72
Left Column
Clients

Lombardia: contributi per la rimozione dell'amianto da edifici privati - Anno 2019

Data apertura
08 Jul 2019
Data chiusura
09 Sep 2019
Agevolazione
Regionale
Stanziamento
€ 3 168 912
Soggetto gestore
Regione Lombardia

Descrizione

Criteri per l’assegnazione di contributi ai cittadini per la rimozione di coperture e di altri manufatti in cemento-amianto da edifici privati.

Con Dduo n. 10085 del 31 agosto 2020, pubblicato sul Bur n. 38 del 15 settembre 2020, sono stati prorogati al 26 febbraio 2021 i termini per la conclusione dei lavori.

 

La misura intende incentivare la rimozione dei manufatti in cemento-amianto ancora presenti sul territorio regionale.

Possono presentare domanda, in qualità di potenziali beneficiari del sostegno finanziario, unicamente privati cittadini (persone fisiche, anche associate nel “Condominio” qualora sia costituito) proprietari di immobili, ad uso prevalentemente residenziale e relative pertinenze, situati in Lombardia, nei quali siano presenti manufatti in cemento-amianto. Per “immobile” si intende il fabbricato comprensivo di relative pertinenze individuato da un’unica particella (o mappale) catastale.

Per ogni immobile potrà essere presentata un’unica istanza. In caso l’immobile risulti appartenere a più proprietari o nel caso di multiproprietà, di proprietà indivise ecc., per l’intervento proposto verrà assegnato un unico contributo.

Saranno oggetto di finanziamento regionale le spese sostenute per la rimozione e lo smaltimento di manufatti in cemento-amianto nel rispetto delle seguenti condizioni: 

  • i manufatti da rimuovere dovranno essere coperture e/o altri manufatti in cemento-amianto posti all’interno degli edifici quali, ad esempio, canne fumarie, tubazioni, vasche, ecc.; 
  • i manufatti oggetto dei lavori devono essere stati denunciati, ai sensi dell’art. 6 della l.r. 17/2003, all’ATS competente prima della data di presentazione della domanda di finanziamento; 
  • gli interventi dovranno riguardare immobili a prevalente destinazione d’uso residenziale e relative pertinenze di proprietà dei soggetti richiedenti; tali immobili dovranno essere al 100% di proprietà di persone fisiche;
  • potranno essere finanziati unicamente progetti i cui lavori saranno realizzati a seguito dell’approvazione della graduatoria; 
  • potranno essere finanziati unicamente lavori per i quali non sia stato ottenuto altro finanziamento pubblico (eventuali agevolazioni fiscali non sono equiparate ad un “finanziamento pubblico”); 
  • i lavori di rimozione dei manufatti in cemento-amianto potranno essere effettuati solamente da parte di Ditte iscritte alla categoria 10 dell'Albo Gestori ambientali, il trasporto degli stessi per lo smaltimento finale in impianti autorizzati, da parte di Ditte iscritte alla categoria 5;
  • gli interventi verranno realizzati nei comuni lombardi;
  • gli interventi dovranno essere conclusi entro 12 mesi dalla pubblicazione sul BURL della graduatoria dei progetti finanziabili.

Budget iniziale: 1.000.000 euro.

________

Con Dgr n. XI/2328 del 28 ottobre 2019, pubblicato sul Bur n. 45 del 4 novembre 2019, è stato incrementato il budget del bando con ulteriori 2.168.912 euro, per un totale di 3.168.912.

Il contributo, finanziato tramite fondo regionale, sarà a fondo perduto fino alla concorrenza massima del 50% dell’importo della spesa ammissibile e, in ogni caso, non oltre un massimo di 15.000 € per il singolo intervento.

La quota minima di autofinanziamento a carico del beneficiario è perciò pari al 50% della spesa ammissibile.

La graduatoria rimarrà aperta e potrà essere finanziata successivamente, nei limiti della disponibilità di bilancio.

Con Dduo n. 8615 del 14 giugno 2019, pubblicato sul Bur n. 25 del 18 giugno 2019, è stato approvato il bando.

Le domande dovranno essere presentate on-line collegandosi al sistema informativo raggiungibile all’indirizzo web www.bandi.servizirl.it a partire dalle ore 10.00 del giorno 8 luglio 2019 e fino alle ore 16.00 del giorno 9 settembre 2019.

Per maggiori informazioni consultare i Links.

__________

Con Dduo n. 8615 del 14 giugno 2019, pubblicato sul Bur n. 25 del 18 giugno 2019, è stato approvato il bando.

Con Dgr n. XI/2328 del 28 ottobre 2019, pubblicato sul Bur n. 45 del 4 novembre 2019, è stato incrementato il budget del bando.

Con Dduo n. 16778 del 21 novembre 2019, pubblicato sul Bur n. 48 del 26 novembre 2019, è stato approvato il I elenco delle domande ammesse e non.

Con Dduo n. 17233 del 27 novembre 2019, pubblicato sul Bur n. 49 del 2 dicembre 2019, è stato approvato il II elenco delle domande ammesse e non.

Sul Bur n. 52 del 24 dicembre 2019 sono stati pubblicati:

  • Dduo n. 18438 del 16 dicembre 2019: rettifica degli impegni di spesa;
  • Dduo n. 18680 del 18 dicembre 2019: approvazione terzo ed ultimo elenco di domande ammesse e non ammesse.
Pubblicato
17 May 2019

Beneficiari e Finalitá

Stato agevolazioni
Inattive
Dimensione beneficiari
Non Applicabile
Organizzazione
Privato
Settori
Costruzioni, Sociale
Finalita'
Sicurezza, Tutela ambientale
Ubicazione Investimento
Europe, Italy, Lombardia

Incentivi e Spese

Tipologia agevolazione
Contributo
Tags
Amianto, Edifici privati
Per leggere il contenuto prego
o

Trova Bandi