Ecco il primo green bond infrastrutturale in Italia

 

Green bondVale più di 17 milioni il primo green bond infrastrutturale per il finanziamento di progetti di pubblica utilità emesso in Italia. E’ di Pagano & Ascolillo Public Lighting spa, ESCo quotata sul segmento Green & Social di ExtraMOT PRO.

Green bond - nasce il forum delle aziende europee

Si tratta del primo green bond infrastrutturale, per il finanziamento di nuovi progetti di pubblica utilità (le cosiddette opere greenfield) quotato su ExtraMOT PRO, la piattaforma professionale del mercato ExtraMOT dedicato alla quotazione di obbligazioni, cambiali finanziarie, strumenti partecipativi e project bond.

Quanto vale e cosa finanzia

Ad emetterlo è Pagano & Ascolillo Public Lighting spa: le obbligazioni sono emesse a fronte della realizzazione di opere infrastrutturali di pubblica utilità il cui rimborso dipende dai flussi di cassa generati dalle suddette opere che si realizzeranno in futuro.

La società ha quotato la prima tranche da 7,25 milioni di euro con scadenza al 31 dicembre 2038, a un tasso misto pari alla somma di 5,375% e del 25% dell’Euribor 6 mesi pagato semestralmente.

Finanza sostenibile - 2018 anno record, UE accelera i tempi

L’emissione finanzierà 10mila lampioni in due comuni della Campania, Polla e Giugliano. Si prevede la possibilità di aumentare l’emissione di ulteriori 10 milioni di euro all’avvio di progetti futuri di partenariato pubblico-privato, una volta che le concessioni di PPP e le altre condizioni usuali saranno state soddisfatte.

Il bond infrastrutturale rispetta i principi relativi alle obbligazioni verdi definite dall’International Capital Market Association’s – la sostituzione delle luci dovrebbe portare a un risparmio di circa 17.000 tonnellate di CO2 l’anno – ed è stato sottoscritto interamente da Foresight Group S.C.A. SICAV-SIF.

Finanza sostenibile - convergenza tra Italia e Germania

“Con la nostra ESCo”, dichiara Vittorio Luisi, CEO di Pagano & Ascolillo, “con cui siamo attivi dal 2009, abbiamo gestito per lungo tempo progetti di efficienza energetica, tra cui il ‘relamping’ (letteralmente sostituzione delle lampade) e questa struttura innovativa che garantisce un draw down flessibile è ideale per le nostre necessità. La struttura del Green Bond ci permette di investire in piccoli progetti di lunga durata, di cui si sente la necessità e che spesso è difficile finanziare attraverso i tradizionali canali di finanziamento”.

Pietro Poletto, responsabile dei Mercati ETF e Obbligazionari di Borsa Italiana, ha affermato: “Siamo felici di dare il benvenuto a P&A Public Lighting S.p.A., che con la sua operazione pionieristica è il primo emittente a quotare sul segmento Green & Social di ExtraMOT PRO un bond infrastrutturale per il finanziamento di progetti greenfield. Da oggi, Borsa Italiana diventa partner istituzionale anche in opere greenfield per aumentare la trasparenza di operazioni infrastrutturali di pubblica utilità”.

Per leggere il contenuto prego
o