CIPE - nel 2015 investimenti per 22,8 miliardi di euro

 

Tra le 124 delibere adottate dal CIPE spiccano quelle relative agli investimenti per infrastrutture e ricostruzione post Sisma in Abruzzo

Ferrovie

22,8 miliardi di euro, pari all'1,4% del Pil italiano. E' il valore degli investimenti attivati dal Comitato interministeriale per la programmazione economica nel 2015.

I principali settori di investimento

Gli investimenti sono stati finanziati in buona parte grazie allo sblocco di fondi già assegnati, tra cui i contratti di programma ANAS e RFI, per un valore di 12,4 miliardi di euro; i restanti 10,4 miliardi, invece, provenivano dal Fondo Sviluppo e Coesione, dalle leggi di Stabilità e da altre normative nazionali.

Quanto ai settori di intervento, le infrastrutture hanno fatto la parte del leone con circa 16,3 miliardi di euro, di cui 14,2 miliardi di euro per ferrovie e metropolitane e 2,08 miliardi per strade e autostrade.

Alla ricostruzione post sisma in Abruzzo sono andati invece 2,38 miliardi di euro, mentre il valore della prima assegnazione a favore del piano per la banda ultralarga è stato di 2,2 miliardi di euro.

Da segnalare anche i 660 milioni di euro riservati alle opere contro il dissesto idrogeologico e i 450 milioni di euro a sostegno della competitività delle imprese.

Altre azioni del CIPE

Il Comitato interministeriale per la programmazione economica si è inoltre espresso sull'Accordo di partenariato per i Fondi strutturali e di investimento europei, da circa 44 miliardi di euro, e sul relativo cofinanziamento nazionale, pari a circa 20 miliardi.

Nel 2015, inoltre, il CIPE ha ripartito tra le Regioni i 110 miliardi della dotazione 2014 del Fondo Sanitario Nazionale e un miliardo di euro circa relativo a Programmi triennali di opere pubbliche nei Settori Porti, Università e Ricerca, Parchi Nazionali e ad altri soggetti pubblici esaminati.

Il Portale OpenCUP

Per agevolare il monitoraggio degli interventi, a dicembre il CIPE ha lanciato ufficialmente il portale OpenCUP, che rende disponibili in formato aperto i dati sulle decisioni di investimento pubblico registrate sul Sistema CUP.

Il CUP è il Codice Unico che identifica ciascun Progetto, pensato per aumentare la trasparenza sulla spesa e il dialogo tra le strutture coinvolte. Non a caso al portale OpenCUP, realizzato nell'ambito del PON Governance 2007-2013, collaborano referenti del DIPE, dell’Agenzia per la Coesione Territoriale, di Open Coesione, di Invitalia e di Sogei.

Attualmente la banca dati contiene informazioni relative a oltre 751mila progetti classificati come lavori pubblici e può essere consultata con l'ausilio di mappe, filtri e infografiche. L'obiettivo è aggiornarla con l'intero set di dati disponibile nel Sistema CUP, che a fine 2015 contava oltre 3 milioni di interventi.

Author: Parto Domani / photo on flickr

Per leggere il contenuto prego
o