BERS - Donor Report, contributo Italia a fondi multilaterali

 

Europe - photocredit gingerbeardmanIl contributo fornito da Ue, donatori bilaterali e fondi multilaterali a sostegno delle attività della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo è stato, nel 2014, di oltre 340,6 milioni di euro. E' quanto risulta dal Donor Report 2014. L'Italia, che partecipa a numerosi fondi multilaterali legati alla BERS, ha impegnato nel 2014 nuove risorse per circa 3,7 milioni di euro

Donor Report 2014

Per svolgere il suo mandato, la BERS si avvale del sostegno dell'Ue, di donatori bilaterali e di fondi multilateriali, il cui contributo riguarda l'intera gamma di attività previste dalla Banca nell'esercizio delle sue funzioni, dal finanziamento delle infrastrutture al sostegno alle piccole imprese, dallo sviluppo di istituzioni finanziarie alla lotta al cambiamento climatico.

Con il Donor Report, la Banca fa il punto annualmente sul contributo fornito da Ue, donatori bilaterali e fondi multilaterali. Nel 2014, l'impegno è stato pari a 340,6 milioni di euro, di cui:

  • Unione europea: oltre 104,737 milioni di euro
  • donatori bilaterali: oltre 113 milioni di euro
  • fondi per il cambiamento climatico: oltre 122,915 milioni di euro.

Il contributo italiano

L'Italia sostiene l'attività della BERS partecipando a numerosi fondi multilaterali. Secondo quanto riferisce il Donor Report 2014, lo scorso anno il Paese ha contributo con un impegno di nuove risorse pari a oltre 3,7 milioni di euro.

2,3 milioni di euro per lo European Western Balkans Joint Fund

L'Italia partecipa allo European Western Balkans Joint Fund (WBIF), il fondo multilaterale volto a sostenere lo sviluppo socio-economico e l'adesione all'Ue da parte dei Paesi dei Balcani occidentali, attraverso la fornitura di finanziamenti e assistenza tecnica per investimenti strategici.

Il Fondo agisce prioritariamente nei settori: 

  • infrastrutture,
  • efficienza energetica,
  • sviluppo del settore privato. 

Nel 2014 l'Italia ha fornito un nuovo contribuito al WBIF pari a oltre 2,3 milioni di euro.

Un milione di euro al Fondo InCE

L'Italia fa parte dell'Iniziativa Centro Europea (InCE), un forum intergovernativo di cooperazione regionale che conta 18 Paesi membri, di cui 10 Paesi Ue (Austria, Bulgaria, Croazia, Italia, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia e Ungheria), 5 inclusi nelle future prospettive di allargamento (Albania, Bosnia-Erzegovina, Macedonia, Montenegro e Serbia) e 3 beneficiari di politiche di vicinato (Bielorussia, Moldavia e Ucraina).

L’InCE e la BERS intrattengono stretti legami di collaborazione grazie al Fondo InCE, istituito dal Governo italiano nel 1992 e da esso totalmente finanziato. Nel 2014 l'Italia ha fornito al Fondo InCE un nuovo contributo pari a un milione di euro, portando così il suo apporto complessivo al fondo a quota 38,5 milioni di euro.

400 mila euro per la Strategic Gender Initiative

La Strategic Gender Initiative della BERS stabilisce le azioni e gli orientamenti della Banca per la lotta alla discriminazione di genere e la mitigazione degli effetti negativi della mancanza di pari opportunitàA sostegno di tale iniziativa, l'Italia ha fornito nel 2014 risorse nuove pari a 400mila euro, destinate a servizi di consulenza alle PMI in Albania nell'ambito del programma Woman in Business.

Ulteriore partecipazione italiana a fondi multilaterali

Il Report ricorda, poi, che l'Italia partecipa anche a:

  • Local Enterprise Facility, un fondo istituito nel 2006 dell’ammontare di 400 milioni di euro - di cui 380 milioni forniti dalla BERS e 20 milioni di euro dal Governo italiano - per investimenti destinati a piccole e medie imprese nei Balcani, in Turchia e nella regione SEMED (Sud-Est Mediterraneo, ovvero Egitto, Giordania, Marocco e Tunisia). Attraverso il suo supporto al LEF, l'Italia partecipa, inoltre, all'Enterprise Expansion Fund (ENEF) del Western Balkans Enterprise Development and Innovation Facility (WB EDIF), lo strumento destinato a facilitare l'accesso al credito da parte delle piccole e medie imprese dei Balcani occidentali;
  • SEMED Multi-Donor Account, istituito nel 2012 per sostenere l'impegno della BERS in Egitto, Giordania, Marocco e Tunisia. Il fondo finanzia le attività in tutti i principali settori individuati dalla Banca in tale area. Partecipano al fondo: Australia, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, Svezia e Taiwan. Dalla sua istituzione, i sostenitori del fondo hanno finora trasferito oltre 24 milioni di euro, contribuendo a finanziare circa 60 attività che vanno dalla valutazione di settore al supporto consulenziale alle micro, piccole e medie imprese, dalla preparazione degli investimenti all'assistenza in fase di attuazione.

Link
Ue - finanziamenti per investimenti nei Paesi del Vicinato
Bers: in vigore norme per trasparenza progetti sviluppo
Donor Report 2014

Author: gingerbeardman

Per leggere il contenuto prego
o