Corte Conti UE: Just Transition Fund sia basato piu’ basato sulle performance

 

Just Transition Fund - Photo by Mac Mullins from PexelsSecondo il parere della Corte dei Conti europea, il Just Transition Fund dovrebbe stabilire un legame più chiaro con gli obiettivi dell’UE in materia di clima e ambiente. 

Recovery Fund e MFF: la partita climatica si gioca sulle condizioni green per gli investimenti

Importanti risorse supplementari sono state stanziate per favorire la transizione dell’UE, entro il 2050, verso un’economia climaticamente neutra, ma i finanziamenti dovrebbero essere maggiormente basati sulle necessità e orientati alla performance. Se così non fosse – avverte la Corte dei Conti UE – vi è il rischio che il cambiamento strutturale necessario non si concretizzi e che la transizione verso un’economia verde debba essere nuovamente finanziata. 

Le proposte legislative che istituiscono un Fondo per una transizione giusta mirano a sostenere la transizione dell’UE verso un’economia climaticamente neutra entro il 2050, affrontandone l’impatto sociale, economico e ambientale sui settori e le regioni colpite. Inizialmente erano stati assegnati stanziamenti di bilancio per 7,5 miliardi di euro (a prezzi 2018). 

A seguito della pandemia di Covid-19, la Commissione europea ha modificato la propria proposta aumentando considerevolmente i finanziamenti di 32,5 miliardi di euro, principalmente a titolo dello strumento dell’Unione europea per la ripresa, Next Generation EU. Il nuovo piano di bilancio, tuttavia, ha previsto una riduzione delle risorse per il Just Transition Fund

La Corte osserva che la Commissione non ha effettuato una valutazione d’impatto a priori per giustificare l’importo modificato. Una solida analisi delle necessità è fondamentale per assicurare una migliore assegnazione delle risorse finanziarie dell’UE e per individuare e quantificare gli obiettivi da raggiungere. 

Ciò è tanto più importante in quanto la proposta prevede ulteriori finanziamenti per le regioni che hanno già ricevuto un sostegno per la modernizzazione energetica tramite altri fondi dedicati. 

“Il Fondo per una transizione giusta è uno strumento chiave del Green Deal europeo per garantire che la transizione verso un’economia climaticamente neutra si svolga in modo equo, senza lasciare indietro nessuno”, ha dichiarato Nikolaos Milionis, il membro della Corte dei Conti europea responsabile del parere. 

“La Commissione, tuttavia, dovrebbe fare in modo che la nuova proposta legislativa, assieme ai piani territoriali per una transizione giusta che saranno approvati, disponga di un solido quadro di riferimento della performance per conseguire gli ambiziosi obiettivi dell’UE”. La Corte osserva inoltre che il collegamento tra performance e finanziamenti è relativamente debole. Il metodo di assegnazione proposto fornisce scarsi incentivi ad attuare la profonda e significativa trasformazione strutturale necessaria per conseguire gli obiettivi dell’UE in materia di clima

Inoltre, benché siano proposti indicatori comuni di realizzazione e di risultato, questi non rispecchiano chiaramente l’obiettivo della transizione da settori ad alta intensità di carbonio. Secondo la Corte, vi è quindi il rischio significativo che il JTF non contribuisca a porre fine alla forte dipendenza di alcune regioni dalle attività ad alta intensità di carbonio.

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o