Mobilita’ elettrica: ACEA, crescita lenta e pochi punti di ricarica

 

Auto elettricheMalgrado un aumento dei veicoli elettrici negli ultimi anni, i punti di ricarica in Europa sono fermi a quota 144mila, decisamente indietro sulla tabella di marcia che l’Unione europea si è data al 2030. 

Ecobonus auto: pronti i codici tributo

A dirlo, il nuovo rapporto realizzato dall’Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA), che cerca di rispondere a due domande fondamentali: quali progressi sta facendo in Europa la decarbonizzazione della mobilità? Quanto sta crescendo il mercato dei veicoli ecologici e quanto è diffusa la rete di ricarica auto elettriche? Le risposte, in entrambi i casi, sono insoddisfacenti. 

Telepass Pay Ecosystem - la call per la mobilita’ smart

Ecco perchè la mobilità elettrica arranca in Europa

In primis, i trend di crescita sono ancora troppo lenti in prospettiva dell’obiettivo dei 2,8 milioni di punti di ricarica necessari per il 2030. Il secondo motivo è che la maggior parte delle colonnine è concentrata in solo quattro Paesi europei: Paesi Bassi, Germania, Francia e Regno Unito, che rappresentano attualmente il 76% di tutti i punti di ricarica auto elettriche nell’UE.

Come sottolinea il rapporto, esiste un chiaro legame tra la diffusione sul mercato dei veicoli “con la spina” e l’estensione della relativa infrastruttura: quasi tutti gli Stati membri con meno di un punto di ricarica per 100 km di strada hanno anche una quota di mercato auto elettriche inferiore all’1%.

Un altro grosso problema evidenziato dall’Associazione è l’accessibilità economica dei nuovi veicoli ecologici. I dati ACEA mostrano che la diffusione sul mercato di veicoli elettrici è direttamente correlata al tenore di vita del Paese. E attualmente solo 12 Stati Membri offrono bonus o incentivi ai nuovi acquisti ecologici.

Trasporti: gli Emirati si preparano ai camion senza conducenti

Va ovviamente ancor peggio sul fronte dell’idrogeno. Nel 2018 c’erano solo 47 stazioni di rifornimento in appena 11 Paesi dell’UE. La relazione riporta anche il dato della mobilità a gas, che conta oggi circa 3.400 stazioni di rifornimento (in aumento del 17,5% dal 2014), due terzi delle quali sono concentrate in Italia e Germania.

"Il nostro settore è impaziente di spostarsi il più rapidamente possibile verso la mobilità a emissioni zero. Ma questa transizione è una responsabilità condivisa", ha sottolineato Carlos Tavares, Presidente ACEA e del Consiglio di Amministrazione del Gruppo PSA. “Richiede un approccio a 360 gradi. Dobbiamo salvaguardare il diritto alla mobilità delle persone, indipendentemente da dove vivono o dai loro mezzi finanziari. La mobilità deve essere pulita, sicura ed economica”.

> Report 

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o