Mappa dei rischi SACE - non solo pericoli per le imprese italiane

 

Mappa rischiIn un quadro globale di tensioni vecchie e nuove, la Mappa dei rischi 2019 di SACE-SIMEST offre un quadro delle principali sfide e opportunità per le imprese italiane che operano all’estero.

Export UP: lo strumento del Polo SACE-SIMEST per esportare in sicurezza

E’ uno scenario internazionale complesso ma non privo di opportunità per le imprese che si affacciano sui mercati esteri quello delineato dal Polo per l’internazionalizzazione formato da SACE e SIMEST (Gruppo CDP) nella nuova edizione del Focus On “Mappa dei Rischi. I 6 ‘pericoli’ del 2019: conoscerli per gestirli”.

I 6 pericoli principali del 2019

Lo studio del Polo CDP delinea un quadro dei rischi ancora più ampio rispetto a quello tracciato nel 2018, con tensioni vecchie e nuove che, dall’economia alla politica, costituiranno nuove sfide per le imprese che operano sui mercati internazionali.

Questi i 6 principali 'pericoli' individuati da SACE-SIMEST:

  • protezionismo e guerra dei dazi,
  • volatilità del mercato azionario USA,
  • ‘disorderly’ Brexit,
  • turbolenze nei paesi emergenti,
  • rallentamento dell’economia statunitense,
  • crescente indebitamento globale.

A questi rischi, si aggiungono poi i timori più recenti di un rallentamento più marcato del previsto in Cina e nei Paesi dell’area euro, che rappresenterebbero un problema per le imprese italiane.

Internazionalizzazione: nasce Promos Italia per sostenere le PMI all'estero

Le opportunità per le imprese italiane

In tale contesto, spiega SACE-SIMEST, è tuttavia fondamentale non lasciare che queste sfide oscurino "un quadro ancora ricco di opportunità per l’export italiano". Nel 2019 le geografie più promettenti per l’export italiano saranno:

  • Brasile,
  • India,
  • Indonesia,
  • Vietnam.

Si tratta di geografie con un profilo di rischio medio-elevato, mercati emergenti che, secondo SACE-SIMEST, sono destinati a ricoprire crescente importanza nel prossimo futuro, così come la Russia, che si conferma un mercato strategico per le esportazioni italiane.

In termini di rischio-opportunità, continua l’analisi del Polo CDP, tra le migliori destinazioni spiccano:

  • Emirati Arabi Uniti,
  • Qatar,
  • Colombia,
  • Repubblica Ceca,
  • Cina.

Gli Stati Uniti, destinazione tradizionale dell’export made in Italy, rimangono una meta a elevato potenziale, nonostante l’imminente rallentamento economico.

In Gara con Noi - Tender Lab: guida alle gare internazionali per PMI

Fra i Paesi a rischio medio-elevato, vanno privilegiati anche quei mercati che non hanno restituito elevati rendimenti, ma che possono comunque regalare ottime soddisfazioni agli esportatori italiani. Tra questi:

  • Marocco,
  • Senegal,
  • Kenya.

La Turchia rimane ancora un mercato promettente in un’ottica di lungo periodo, ma con le necessarie cautele, alla luce della battuta d’arresto e delle innegabili difficoltà.

Per leggere il contenuto prego
o