Startup: i numeri dell'ecosistema italiano al GEC 2015

 

Nel 2014 sono stati investiti 118 milioni di euro sulle startup innovative

Italia Startup

E' quanto riportano i dati di "The Italian Startup Ecosystem: Who's Who", presentati a GEC 2015 da Italia Startup e dagli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano, con il supporto istituzionale del Ministero dello Sviluppo economico.

Investimenti in startup

118 milioni di euro investiti nelle startup innovative da investitori istituzionali, business angel, family office e venture incubator nel corso del 2014. Investimenti in crescita del 5% rispetto al 2012, ma in flessione del 9% rispetto al 2013, quando il totale aveva toccato i 129 milioni di euro.

I dati, raccolti con la collaborazione del Ministero dello Sviluppo economico, permettono di fare il punto anche sugli investimenti istituzionali, che per il 2014 si attestano a quota 63 milioni di euro, in discesa del 23% rispetto all’anno precedente.

Ma se da un lato diminuiscono gli investimenti pubblici nelle startup innovative, dall'altro salgono quelli effettuati da soggetti non istituzionali, vale a dire business angel, family office, acceleratori e incubatori: l’apporto proveniente da tali investitori è cresciuto del 17% nel 2014, raggiungendo quota 55 milioni di euro e arrivando a pesare quasi per il 50% sul totale degli investimenti.

Tra le startup finanziate da investitori istituzionali, quelle nel settore ICT rappresentano il 68% del totale e hanno raccolto il 74% dei fondi. Le startup del settore Life Science rappresentano il secondo comparto, con il 23% sul totale delle startup e il 17% sugli investimenti complessivi. Le neo-imprese Cleantech e Energy occupano il terzo gradino: rappresentano il 4% del totale delle nuove imprese innovative e hanno raccolto il 6% degli investimenti.

Ecosistema italiano in crescita

Se gli investimenti hanno subito un'inversione di tendenza rispetto al 2013, il numero di startup innovative avviate in Italia mostra un incremento notevole: +120%, passando da 1227 nel 2013 a 2716 nel 2014.

I dati riportati nel rapporto "The Italian Startup Ecosystem: Who's Who" sono aggiornati al 31 ottobre 2014. Nel frattempo, il numero di startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese è salito ulteriormente: il rapporto strutturale curato da Infocamere contava a fine dicembre 3.179 startup; oggi la cifra riportata dal sito dedicato è ancora superiore, 3.512.

Cresce allo stesso tempo, secondo quanto riportato dai dati raccolti da Italia Startup e Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano con il supporto del MISE, il numero di startup finanziate (in generale, quindi da investitori istituzionali, venture incubator, family office e business angel network), passando da 108 nel 2013 a 118 nel 2014.

Profilo dello startupper e exit di successo

Secondo la mappatura fornita dal rapporto, l’85% dei founder italiani sono maschi; circa 1 su 4 ha un’età inferiore ai 30 anni, mentre il 31% ha un’età compresa tra i 30 e 40 anni e il 43% è over 40. Dal punto di vista della formazione, il 92% degli startupper risulta essere laureato; 2 su 3 hanno una formazione manageriale, mentre 1 su 3 possiede un background tecnico.

Ultimo, ma non ultimo, il dato relativo alle exit di successo, che attestano l’appeal delle startup italiane per le grandi aziende internazionali: "Gentium è stata venduta per 732 milioni di euro, Bravofly Rumbo Group è stata quotata per 578 milioni e Octoper 450 milioni”, nota Andrea Rangone, responsabile degli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano e consigliere di Italia Startup. "Non mancano le startup che hanno raccolto finanziamenti particolarmente elevati, superiori a 2 milioni di euro. Cito le prime tre: Facility Live ha raccolto 10 milioni di euro, DoveConviene 8,7 milioni e Genenta Science 6milioni e mezzo di euro”. Ciò dimostra, conclude Rangone, “che, nonostante gli investimenti in capitale di rischio siano in Italia ancora contenuti, esistono molti casi che consentono di guardare con fiducia allo sviluppo prossimo del comparto”.

GEC 2015

I dati di "The Italian Startup Ecosystem: Who's Who" sono stati presentati nel corso del Global Entrepreneurship Congress 2015, una tre giorni dedicata all'imprenditorialità che si chiude oggi a Milano. L'evento, creato nel 2009 dalla Kauffman Foundation, ha contribuito all’espansione dell’ecosistema mondiale delle nuove imprese, connettendo imprenditori ed esperti di diversi settori, ricercatori, leader e policy maker di più di 150 Paesi.

Link

The Italian Startup Ecosystem: Who's Who

GEC 2015

Per leggere il contenuto prego
o