E-commerce e mobile payment in aumento in Italia

 

EcommerceSecondo l'osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano gli italiani continuano a preferire il contante ai pagamenti elettronici, ma sono sempre più attenti alle nuove modalità di pagamento.

L’86% delle transazioni in Italia avviene ancora in contanti, contro una media dl 59% in Europa. Allo stesso tempo, però, nel 2012, dopo anni di debole crescita nell’utilizzo di carte di pagamento, si è registrato un aumento di circa il 10% del numero complessivo delle transazioni e di circa il 7,8% in termini di transato.

La maggiore apertura verso le forme di pagamento elettroniche, è confermata anche dalla crescita delle carte contactless in circolazione: a fine 2013 erano 6 milioni di carte, triplicate rispetto al 2012. Crescita destinata a continuare anche nel corso del 2014 in seguito alla scelta di alcune banche di emettere esclusivamente carte di questo tipo e dal potenziamento della rete di accettazione dei POS abilitati al contactless.

Secondo i dati forniti dall'osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano i nuovi pagamenti elettronici oggi valgono 15 miliardi di euro, e dovrebbero triplicarsi nei prossimi tre anni. Fra i settori considerati nel cosiddetto New Digital Payment figurano eCommerce, ePayment, Mobile Commerce, Mobile Payment (Remote e Proximity) e Pagamenti elettronici su Mobile POS.

Il primo driver è l’eCommerce, con oltre il 92% del transato tramite carte di credito, prepagate o PayPal. Segue l'ePayment, che include i pagamenti di ricariche, bollette, tasse e multe attraverso sistemi online e il cui valore ammonta a poco meno di 2 miliardi di euro.

In forte sviluppo il mobile, legato alla diffusione degli smartphone in Italia. In quest'ambito, il l'acquisto di contenuti digitali cresce del 17%, mentre quello di beni e servizi registra un +255% e passa da 2% al 4,5% del totale transato via eCommerce, pari a 510 milioni di euro. A questi va aggiunto il Mobile Proximity Commerce, che consente l’interazione via smartphone tra esercenti e clienti nel punto vendita: il 72% dei clienti lo utilizza al suo interno e i 42% lo fa per confrontarne i prezzi, mentre 1 su 3 lo utilizza per interagire con parenti e amici per arrivare a una decisione d’acquisto condivisa.

I pagamenti elettronici e mobile svolgono un ruolo determinante anche nel mondo delle start-up: quelle dedicate al B2B, alle soluzioni per gli esercenti e che sviluppano soluzioni per l'accettazione di pagamenti sono infatti fra le start-up che hanno ricevuto il maggior numero di finanziamenti.

In collaborazione con Tech Economy

Per leggere il contenuto prego
o