Commissione Ue-Bce: peggiorano condizioni di accesso al credito

 

Antonio Tajani - Credit © European Union, 2013Nel 2013 circa una PMI su tre non ha ottenuto i prestiti su cui faceva affidamento. E' quanto emerge dall'indagine Access to Finance pubblicata oggi dalla Commissione Ue e dalla Banca centrale europea.

L'indagine

Le condizioni di accesso al credito, secondo gli operatori economici intervistati, sono in peggioramento, in termini di tassi di interesse quanto al livello delle garanzie richieste. Nel 2013, infatti, il 13% delle piccole e medie imprese intervistate ha visto respinta la propria richiesta di finanziamento, mentre il 16% ha ricevuto prestiti inferiori alle attese. Mettendo insieme questi due dati, Commissione e Bce concludono che circa un'impresa su tre non ha potuto ottenere l'importo su cui aveva contato.

A soffrire maggioramente sono le realtà giovani e di minori dimensioni: l'11% delle imprese attive da meno di cinque anni non ha richiesto finanziamenti aspettandosi un rifiuto e il 28% delle PMI in attive da meno di due anni si è effettivamente visto negare il prestito richiesto.

Il quadro varia comunque da un paese all'altro: l'accesso al credito è il problema più sentito per il 40% delle PMI a Cipro e per il 32% in Grecia, contro il 7% in Austria e l'8% in Germania; in mezzo l'Italia, dove a denunciarlo come principale ostacolo è il 20% delle imprese intervistate.

Non decolla, in alternativa al sistema bancario, il ricorso al finanziamento con capitale di rischio: i problemi con questa fonte di capitale, adottata solo dal 5% delle PMI, sarebbero la scarsità e i costi elevati.

Cosme

Ai problemi individuati dal sondaggio mira a rispondere il nuovo programma Ue per l'accesso al credito delle PMI Cosme che, ha spiegato il vicepresidente della Commissione responsabile per l'Industria Antonio Tajani, stimolerà lo sviluppo del capitale di rischio e offrirà uno strumento di garanzia per agevolare i finanziamenti alle PMI fino a 150mila euro, ma in alcuni casi anche oltre tale cifra. “Si prevede che entro il 2020 circa 344mila imprese dell'Ue riceveranno crediti grazie all'intervento di Cosme”, ha aggiunto Tajani, commentando i risultati dell'indagine.

Links

2013 SMEs’ Access to Finance survey

Per leggere il contenuto prego
o